Leggere questo articolo in:

Anticorpi materni di specifici ceppi nella dinamica dell'infezione da virus dell'influenza A nei suinetti

La vaccinazione della scrofa o lo stato dell'infezione che provoca alti livelli di anticorpi specifici di origine materna specifici per i ceppi IAV, può aiutare a ridurre la circolazione di IAV nei suini in allattamento ed in svezzamento...

Giovedì 21 Novembre 2019 (16 giorni fa)
mi piace

Ridurre la quantità di suinetti infetti dal virus dell'influenza A (IAV) allo svezzamento è essenziale per ridurre al minimo la diffusione della IAV ad altri allevamenti. La vaccinazione delle scrofe è una misura comune per ridurre i livelli dell'influenza allo svezzamento. Tuttavia, l'impatto degli anticorpi di origine materna sulla dinamica dell'infezione IAV nei suini in crescita è poco conosciuto. Sono stati valutati l'effetto degli anticorpi materni allo svezzamento sulla prevalenza di IAV allo svezzamento, il momento dell'infezione da influenza, il numero di settimane in cui i suini sono risultati positivi per IAV e la quantità stimata di IAV nei suini in svezzamento.

301 suini sono stati valutati all'interno di 10 gruppi, per determinare il loro stato sierologico per l'influenza (sieroprevalenza stimata dovuta all'inibizione dell'emoagglutinazione (HI)) e lo stato virologico (prevalenza). I tamponi nasali sono stati raccolti settimanalmente e il loro sangue è stato prelevato 3 volte durante il periodo dello svezzamento.

C'era una significativa variabilità nella sieroprevalenza dell'influenza, titoli HI e prevalenza dell'influenza dopo lo svezzamento. L'aumento della sieroprevalenza dell'influenza allo svezzamento era associato a una bassa prevalenza dell'influenza allo svezzamento e ad un ritardo dell'infezione IAV nella fase di svezzamento. Anche i suinetti, con titolo HI IAV di 40 o più allo svezzamento, avevano meno probabilità di avere un risultato positivo allo svezzamento, impiegavano più tempo a contrarre l'infezione, erano IAV RT-PCR positivi per meno settimane e avevano valori di ciclo soglia IAV RT-PCR più alto rispetto ai suinetti con titoli HI inferiori a 40.

I risultati di questo studio suggeriscono che la vaccinazione della scrofa o lo stato dell'infezione che si traduce in alti livelli di anticorpi di origine materna specifici per i ceppi IAV possono aiutare a ridurre la circolazione di IAV nei suini sottoscrofa ed in svezzamento.

Chamba Pardo FO, Wayne S, Culhane MR, Perez A, Allerson M, Torremorell M (2019) Effect of strain-specific maternally-derived antibodies on influenza A virus infection dynamics in nursery pigs. PLoS ONE 14(1): e0210700. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0210700

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags