Leggere questo articolo in:

Apporto adeguato di P nei suini in fase di accrescimento ed ingrasso

Un apporto giornaliero di fosforo digeribile compreso tra 4,6 e 6,7 g in un rapporto Ca: P di 1,4: 1 può essere sufficiente per raggiungere un tasso di crescita adeguato nei suini magri nelle fasi di crescita-ingrasso.

Giovedì 17 Gennaio 2019 (8 mesi 6 giorni fa)
mi piace

Il fosforo (P) nella dieta deve essere somministrato in quantità adeguate per mantenere l'aumento del peso corporeo e della crescita delle ossa, sebbene i problemi ambientali coinvolti e le limitate risorse globali di fosfato debbano essere prese in considerazione. Inoltre, le diverse linee genetiche possono avere fabbisogni in P giornalieri diversi, sottolineando che le raccomandazioni del P dovrebbero essere adattate alle singole situazioni.

L'obiettivo del presente studio era di valutare l'effetto a lungo termine dell'uso di bassi, medi e alti livelli di P nella dieta sull'assorbimento, la ritenzione e l'utilizzo di P, calcio (Ca) e proteine durante la fase di crescita-ingrasso (Da 40 a 100 kg di PC), oltre alle prestazioni produttive. A tale scopo, 18 scrofette (circa 40 kg di PC) sono state assegnate casualmente e distribuite in tre gruppi di trattamento in base al livello P della dieta: bassa (LP, 4,1 g / kg di sostanza secca (SS)), medio (MP, 6,2 g / kg di SS) e alto (HP, 8,9 g / kg di SS). A tutte le scrofette è stata somministrata la stessa dieta di base formulata secondo le attuali raccomandazioni nutrizionali per i suini in fase di crescita (da 45 a 105 kg di PC).

Gli animali alimentati con la dieta LP hanno mostrato un'assunzione di mangime ridotta rispetto alla dieta MP e un minore assorbimento, escrezione e ritenzione di Ca, P e N rispetto a quelli alimentati con diete MP e HP. Al contrario, le scrofette alimentate con la dieta HP hanno mostrato una maggiore ritenzione ed escrezione di P e Ca rispetto alle scrofette alimentate con MP. La capacità di assorbimento di P, Ca e N aumentava con l'età, mentre la DATT di P, Ca e N rimaneva costante indipendentemente dalla fonte di P. La lunghezza e il peso dell'osso non erano influenzati dalla somministrazione di P nella dieta, sebbene il peso dell'osso sgrassato secco fosse significativamente ridotto nelle scrofe alimentate con LP, ma era simile tra le scrofe alimentate con MP e HP. Un rapporto dietetico di 1,4: 1 potrebbe essere provvisoriamente suggerito come un rapporto Ca: P adeguato basato su P e Ca digeribili e non su P e Ca totali.

In conclusione, una somministrazione giornaliera di circa 4,6 e 6,7 g di P digeribile sembra essere sufficiente a soddisfare i fabbisogni fisiologici di P in grado di mantenere un tasso di crescita di 800-1100 g / giorno nei suini magri giovani ed in crescita , rispettivamente. Una somministrazione carente o eccessiva di P porta ad un basso utilizzo del P ed a un'escrezione totale di P relativamente più elevata rispetto alla sufficiente quantità di P nella dieta. L'eliminazione relativa del P escreto attraverso l'urina o le feci dipendeva dal contenuto di P nella dieta.

Sørensen, K. U., Tauson, A. H., & Poulsen, H. D. "Long term differentiated phosphorus supply from below to above requirement affects nutrient balance and retention, body weight gain and bone growth in growing-finishing pigs." Livestock Science 211 (2018): 14-20. https://doi.org/10.1016/j.livsci.2018.03.002

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags