Leggere questo articolo in:

Evoluzione del virus della PSA genotipo II da alta virulenza a moderata

La presenza di cinghiali sieropositivi suggerisce che alcuni animali potrebbero sopravvivere per qualche tempo o potrebbero addirittura riprendersi dalla malattia. Ciò potrebbe essere dovuto alla presenza di virus di virulenza ridotta...

Martedì 9 Aprile 2019 (7 mesi 28 giorni fa)
mi piace

Dal suo arrivo nel Caucaso e in Russia nel 2007, il virus della peste suina africana (PSA) si è diffuso ampiamente e ora colpisce paesi dell'UE come Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica ceca e Romania. La crescente evidenza di cinghiali sieropositivi in alcune aree suggerisce che alcuni animali potrebbero sopravvivere per qualche tempo o addirittura riprendersi dalla malattia. Ciò potrebbe essere dovuto all'immunità acquisita dopo l'infezione primaria e / o alla presenza di virus di virulenza ridotta. Per valutare queste ipotesi, due ceppi di campo del virus PSA dell'Estonia sono stati studiati in vivo in due gruppi di suini domestici.

Dopo un periodo di incubazione di 4 ± 1,6 giorni, i suini inoculati per via intramuscolare con ceppo Es15 / WB-Tartu 14 PSA (gruppo 2) hanno sviluppato segni clinici associati a malattia acuta e soccombevano da 7 a 11 giorni dopo l'infezione ( dpi) mentre i suini inoculati con Es15 / WB-Valga-14 PSA (gruppo 1) presentavano tempi di incubazione più lunghi (8 giorni) rispetto a quelli del gruppo 2 e sviluppavano segni clinici variabili, lesioni compatibili con forme subacute e croniche della PSA e soccombevano alla malattia da 11 a 25 giorni dpi.

I suini in contatto in entrambi i gruppi sono stati infettati da 7 a 14 giorni dopo l'esposizione e hanno mostrato manifestazioni cliniche variabili e reperti patologici che vanno dalla malattia acuta a quella cronica. Due animali per gruppo sono guariti completamente dopo l'infezione e sono rimasti protetti dalla successiva esposizione a un virus omologato a 78 dpi.

In condizioni sperimentali, non vi è stata trasmissione dei sopravvissuti ai suini sentinella suscettibili ospitati insieme ai sopravvissuti 137 giorni dopo l'infezione primaria.

Gallardo C., Nurmoja I., Soler A., Delicado V., Simón A., Martin E., Perez C., Nieto R., Arias M. Evolution in Europe of African swine fever genotype II viruses from highly to moderately virulent.Veterinary Microbiology 219 (2018) 70–79. https://doi.org/10.1016/j.vetmic.2018.04.001

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags