Leggere questo articolo in:

Inclusione nella dieta di 25 (OH) D3 e fitasi: effetti sulle performance e sulla qualità della carne suina

L'integrazione delle diete da ingrasso con fitasi e 25 (OH) D3 non offre benefici né sulla resa né sulla qualità della carne...

Giovedì 23 Maggio 2019 (3 mesi 2 giorni fa)
mi piace

È stato dimostrato che l'integrazione con fitasi e 25-idrossivitamina D3 (25-OH-D3) migliora la ritenzione di Ca e P e, attraverso vari meccanismi molecolari, aumenta la tenerezza della carne suina. Tuttavia, vi è pochissima ricerca sulla combinazione di fitasi e 25-OH-D3 sulla qualità della carne suina.

Pertanto, l'obiettivo di questo studio era di esaminare l'effetto dell'integrazione con fitasi e 25-OH-D3 nelle diete con basso contenuto di P nei suini da ingrasso sulle prestazioni dei suini, sulla digeribilità dei nutrienti e dei minerali, sulla mineralizzazione delle ossa e sulla qualità della carne suina.

Un totale di 120 suini (60 maschi e 60 femmine) sono stati selezionati in un disegno fattoriale 2 x 2, sono stati bloccati in base al peso corporeo (CP) e al sesso e sono stati sottoposti a uno dei quattro trattamenti dietetici: dieta a basso P (4, 81 g / kg) (base) (T1); dieta povera in P+ fitasi (T2); dieta povera in P + 25-OH-D3 (T3) e dieta a basso contenuto di P + fitasi + 25-OH-D3 (T4). L'assunzione giornaliera media di mangime (CMG) è stata misurata con alimentatori computerizzati a spazio singolo, che hanno consentito l'alimentazione individuale e la registrazione giornaliera dell'assunzione. Alla fine del periodo di alimentazione di 55 giorni (108,4 ± 8,73 kg), i suini sono stati macellati. È stato prelevato un campione di sangue e sono stati misurati lo spessore del grasso e il contenuto di carne magra.

I suini integrati con fitasi avevano un CMG (ADFI) più basso e un tasso di conversione del mangime (FCR) più basso rispetto ai suini che avevano ricevuto la dieta senza fitasi. L'aggiunta di fitasi ha portato ad un più alto coefficiente di digeribilità apparente totale del tratto (CATTD) delle ceneri, fosforo (P) e calcio (Ca), rispetto alla dieta integrata senza fitasi. Non c'era alcuna interazione tra fitasi x 25-OH-D3 sui parametri ossei, ma c'era una significativa interazione tra fitasi e 25-OH-D3 nelle perdite da cottura delle carni. I suini alimentati con 25-OH-D3 hanno avuto una maggiore perdita da cottura rispetto alla dieta base. Tuttavia, non vi è stato alcun effetto sulle perdite da cottura quando è stata offerta la combinazione di fitasi e 25-OH-D3, rispetto alla dieta con la sola fitasi.

In conclusione, non ci sono stati benefici nell'alimentazione dei suini da ingrasso con una combinazione di fitasi e 25-OH-D3 sulle prestazioni del suini, sui parametri ossei o sulla qualità della carne.

Duffy, S. K., Kelly, A. K., Rajauria, G., Clarke, L. C., Gath, V., Monahan, F. J., O'Doherty, J. V. (2018). The effect of 25-hydroxyvitamin D3 and phytase inclusion on pig performance, bone parameters and pork quality in finisher pigs. Journal of Animal Physiology and Animal Nutrition, 102(5), 1296-1305. https://doi.org/10.1111/jpn.12939

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags