Leggere questo articolo in:

Rilevazione di Salmonella spp. nei fluidi orali dei suini, copri scarpe e campioni fecali

L'obiettivo di questo studio era di confrontare l'accuratezza dei campioni di fluido orale e copri-scarpe con l'attuale standard di campionamento, il fecale, per l'identificazione di Salmonella...

Giovedì 31 Maggio 2018 (6 mesi 10 giorni fa)
mi piace

La salmonellosi nei suini, che di solito si osserva durante lo svezzamento o l'ingrasso, può provocare una malattia clinica o stabilire uno status di portatore. In uno status di portatore, Salmonella viene eliminata a intermittenza nelle feci, creando un problema di salute pubblica che porta alla possibile contaminazione delle carni suine. L'individuazione accurata e tempestiva di Salmonella è fondamentale per avviare protocolli di trattamento appropriati e strategie di prevenzione. I veterinari spesso chiedono quale tipo di campione è meglio per il monitoraggio della Salmonella a livello di allevamento. I campioni di fluido orale, attualmente ampiamente utilizzati per il rilevamento di PRRSV e SIV, sono veloci da raccogliere ed economici. I copri scarpe, sebbene siano facili da raccogliere campioni, non sono frequentemente usati per la sorveglianza di agenti patogeni nel settore suinicolo. I campioni fecali sono il campione più comunemente utilizzato per il rilevamento di molti virus e batteri nei suini, ma la loro raccolta richiede più tempo rispetto ai due tipi di campioni precedenti.

L'obiettivo di questo studio era di confrontare l'accuratezza dei campioni di fluido orale e dei copri scarpe con l'attuale standard di campionamento, il fecale, per l'identificazione di Salmonella usando suini sperimentalmente inoculati con diversi sierotipi di Salmonella.

Suini di cinque settimane sono stati infettati sperimentalmente con 109 cfu di Salmonella mediante sonda gastrica e tamponi di tonsille utilizzando isolati ottenuti da campioni clinici inviati al Veterinary Diagnostic Laboratory della Iowa State University, infetti da Salmonella Typhimurium e 20 con Salmonella I 4, [5], 12: i: - (2 gruppi separati con 5 box, 4 suini in ogni box). Le temperature rettali di tutti i suini sono state rilevate giornalmente fino a 7 giorni dopo l'inoculo (PI) e successivamente ogni due settimane per le restanti 3 settimane. I campioni sono stati raccolti nei giorni 2, 4, 7, 14, 21 e 28 dopo l'inoculazione. I calzari protettori che sono stati posti sulle calzature (copri-scarpe) sono stati raccolti durante il viaggio all'interno del box in ogni momento stabilito, raccogliendo un paio di copri scarpe in tutte i box per sierotipo infettante. I fluidi orali sono stati raccolti appendendo una corda in ogni box per 30-60 minuti. I campioni fecali sono stati raccolti mediante palpazione rettale digitale di ciascun maiale. I campioni sono stati conservati a -80 ° C dal momento della raccolta e fino a quantificazione della Salmonella. La quantificazione della Salmonella è stata completata utilizzando il metodo standard di conta delle piastre su agar Xylose-Lysine-Tergitol-4 (XLT4). Tutti i campioni sono stati inoltre arricchiti in acqua tamponata con peptone per 18-24 ore e quindi placcati su agar Brilliant Green (BG) e agar XLT4. Un sottogruppo di colonie per ciascun campione caratteristico di Salmonella, nero su agar XLT4 e rosso su agar BG, è stato confermato come Salmonella utilizzando MAL-DI-TOF-MS.

Le temperature rettali medie dei suini hanno raggiunto il picco il secondo giorno dopo l'inoculo raggiungendo 39,3 ° C e sono tornate a livelli vicini alla temperatura basale il giorno cinque PI (38,5 ° C). Le quantità medie di Salmonella nelle feci hanno raggiunto il picco al giorno 2 PI (8,04 × 104 ufc / ml) ed erano rilevabili nelle feci con l'arricchimento a 28 giorni PI. Nei fluidi orali, la quantità media di Salmonella ha raggiunto il picco al PI 3 giorno (5,6 × 102 cfu / ml) e non era più rilevabile oltre il giorno 7 PI. Per i copri scarpe, questi erano solo sporadicamente positivi durante l'intero periodo di test, con il più alto livello medio di rilevazione di Salmonella di soli 100 cfu / ml al giorno 4 PI ed erano rilevabili solo fino al giorno 4 PI. La selezione del tipo di campione più appropriato è importante per un'adeguata sorveglianza dei patogeni. I copri scarpe si sono mostrati come un tipo inaccettabile di campione per rilevare la Salmonella, poiché i campioni positivi alla Salmonella non riflettevano il livello della malattia, né erano costantemente positivi. I liquidi orali sarebbero un tipo di campione accettabile per il rilevamento, ma solo durante la fase acuta di un'epidemia di Salmonella quando i livelli sono più alti. Nel caso di campioni di fluido orale, si raccomanda l'arricchimento di questi per assicurare che vi sia un livello adeguato di Salmonella da rilevare attraverso la coltura.

Sebbene la raccolta di campioni di feci sia la più lenta, dovrebbe continuare ad essere il metodo standard per il rilevamento di Salmonella, poiché i campioni fecali riflettevano il livello di malattia indicato dalla temperatura rettale, oltre a presentare i livelli più alti di Salmonella durante un periodo post-infezione più lungo.

S. Naberhaus, A. Krull, B. Arruda, P. Arruda, D. Magstadt, F. Matias Ferreyra, Honorato Gatto, H. Meiroz de Souza Almeida, A. Kreuder. Comparison of pathogenic Salmonella spp. detection from porcine oral fluids, over-the-shoe booties, and fecal samples. 49 th Annual Meeting of the American Association of Swine Veterinarians (March 3-6, 2018)

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags