Leggere questo articolo in:

Uso di cactus nella dieta delle scrofe in lattazione

L'integrazione dietetica con cactus (Opuntia ficus-indica) può ridurre la glicemia dopo il parto evitando l'ipofagia nelle scrofe che allattano...

Giovedì 7 Marzo 2019 (5 mesi 18 giorni fa)
mi piace

È noto che l'assunzione di cactus (Opuntia spp.) da parte delle scrofe in allattamento regola i livelli di glucosio nel sangue durante la prima settimana dopo il parto e riduce gli effetti dell'ipofagia in lattazione. Inoltre, è stato osservato che la fibra alimentare del cactus può aumentare l'assunzione di cibo.

L'obiettivo del presente studio era di valutare l'effetto dell'aggiunta di cactus (Opuntia ficus-indica) alla dieta delle scrofe in lattazione sull'assunzione di cibo volontario e sulle loro performance produttive dopo lo svezzamento.

A tale scopo, 37 scrofe Yorkshire × Landrace × Pietrain sono state selezionate e analizzate per due cicli completi. Le scrofe sono state assegnate in modo casuale a due gruppi: un gruppo di controllo (CON; n = 18) alimentato solo mangimi commerciali ed un gruppo sperimentale (EXP; n = 19) alimentato con dieta integrata con l'1% di O. ficus- indica. Sono stati valutati il glucosio ematico, il consumo medio giornaliero (CMG), l'assunzione totale di cibo, la perdita di peso corporeo, l'intervallo svezzamento-calore (ISC) e la successiva dimensione della figliata.

Il 10° giorno di lattazione, il gruppo EXP ha mostrato livelli di glucosio nel sangue più bassi rispetto al gruppo CON, sia per le misure pre-prandiali che post-prandiali. Il pattern di glicemia preprandiale era influenzato dalla categoria di parto all'interno del gruppo CON; è stato osservato che le scrofe di 1° e 4° parto hanno mostrato i più alti livelli di glucosio nel sangue mentre quando i due gruppi sono stati confrontati, le scrofe del gruppo EXP hanno mostrato livelli più bassi. Il CMG e l'assunzione totale erano più alti nelle scrofe EXP, indipendentemente dal numero di parti e dalla stagione dell'anno. Le scrofe CON di 3° parto e le scrofe EXP di 4° parto hanno avuto la più alta perdita di peso corporeo (13,8 e 6,9%, rispettivamente). Inoltre, in estate è stata rilevata una maggiore perdita di peso corporeo, pari al 12,7% per le scrofe CON e all'8,2% per le scrofe EXP. Il gruppo EXP mostrava anche un ISC inferiore (5,5 giorni) e una dimensione più grande nella successiva figliata, fino a 1,8 suinetti in più rispetto al gruppo CON.

In conclusione, l'aggiunta di O. ficus-indica nella dieta delle scrofe durante l'allattamento sembra contrastare gli effetti negativi dell'ipofagia dell'allattamento dovuto alla riduzione dei livelli di glucosio nel sangue durante l'allattamento, provocando anche un aumento dell'assunzione volontaria delle scrofe che si traduce in una minore perdita di peso corporeo, un intervallo svezzamento-calore più breve ed una dimensione maggiore della figliata successiva.

Ordaz-Ochoa, G., Juarez-Caratachea, A., Pérez-Sánchez, R. E., Martínez-Flores, H. E., Esquivel-Cordova, J., and Ortiz-Rodríguez, R. Effect of lactating sows’ diet supplemented with cactus (Opuntia ficus-indica) on feed intake and reproductive and productive post-weaning performances. Tropical animal health and production (2018): 1-12.https://doi.org/10.1007/s11250-018-1611-x

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags