Leggere questo articolo in:

Effetti degli acidi grassi a catena corta e media sulla salute intestinale dei suinetti

Acido butirrico
Acido butirrico

La maggior parte delle opere pubblicate mostra che l'uso di acidi grassi per i suini ha benefici per la salute, anche se la loro modalità d'azione è ancora dibattuta...

Lunedì 4 Febbraio 2019 (2 mesi 22 giorni fa)
1 mi piace

Il problema della diarrea post-svezzamento rimane di grande importanza pratica per i produttori di suinetti, causa sofferenza e perdita di animali e può avere effetti sostanzialmente negativi sulla redditività a causa del calo delle performance e della conversione alimentare. I ceppi enterotossici di Escherichia coli sono la causa principale della diarrea post-svezzamento ed è stato dimostrato che i loro effetti sull'intestino possono essere neutralizzati da diete ottimizzate. Dopo il divieto dell'uso di antibiotici come promotori di crescita, è stata sviluppata una vasta gamma di strategie nutrizionali per affrontare al meglio il problema dei disturbi digestivi in condizioni di campo. Per quanto riguarda le diete ottimizzate, gli additivi per mangimi stanno emergendo come alternative agli antibiotici classici, sebbene il loro effetto "antimicrobico" non sia probabilmente l'unica modalità di azione quando sono inclusi nelle normali concentrazioni di mangime: possono agire di più come "regolatori del microbioma". In molti studi è stato scoperto che il loro uso può avere un effetto positivo sulle prestazioni degli animali, probabilmente perché influiscono sulla funzione e sulla salute dell'intestino.

Gli acidi grassi a corta catena (AGCC) hanno 1-4 atomi di carbonio e i loro sali svolgono un ruolo importante. Il loro uso nel mangime per suinetti è molto comune. In contrasto con gli acidi liberi, i sali degli acidi organici sono inodori, hanno una bassa volatilità ed un'alta solubilità in acqua. Rispetto agli acidi liberi, l'aggiunta di sali è più facile da gestire nella produzione di mangimi per animali.

Gli acidi grassi a madia catena (AGCM) sono usati come acidi liberi, come trigliceridi e come sali distillati degli acidi grassi. Gli acidi grassi a catena media si trovano naturalmente come parte dei trigliceridi nel grasso del latte e in vari grassi vegetali come il cocco, la palma o l'olio di semi di Cuphea.

La modalità d'azione esatta degli acidi grassi a catena corta e media è ancora in discussione. Sembra multifattoriale e dipende dalla concentrazione nella dieta, dalla composizione dell'alimento e dalla situazione specifica del microbioma negli allevamenti, che è un fattore importante, ma ancora molto sconosciuto.

Diversi studi hanno dimostrato che gli effetti antibatterici degli acidi grassi a catena corta e media sono particolarmente rilevanti quando il chimo è a pH basso. Sia gli AGCC che gli AGCM sono acidi organici deboli, cioè a pH elevato sono presenti fondamentalmente sotto forma di sali, il che riduce la loro penetrazione attraverso la parete cellulare batterica. Questo è considerato un importante prerequisito per la loro efficacia antibatterica. La riduzione del pH all'interno dei batteri provoca un danno irreversibile a importanti enzimi batterici, che possono eventualmente inibire la crescita o causare la morte batterica.

Diversi studi hanno dimostrato che l'uso di AGCC e AGCM e trigliceridi può ridurre significativamente la diarrea nella fase post-svezzamento. Si può presumere che l'effetto stabilizzante degli acidi organici nel tratto digestivo si verifichi già nel tratto digerente superiore, cioè nello stomaco. Gli AGCM con 6-12 atomi di carbonio hanno un effetto antibatterico se le concentrazioni nel mangime sono relativamente alte. Trigliceridi con AGCM hanno mostrato un effetto sulla salute dei suinetti e del loro microbiota intestinale, sia nello stomaco che nell'intestino tenue. Oltre agli effetti degli acidi grassi sul microbiota intestinale e sulla salute intestinale, producono substrati interessanti per il metabolismo intermedio dei suinetti. Ad esempio, è stato dimostrato che l'acido butirrico è un substrato importante per il metabolismo energetico degli enterociti.

Gli AGCM vengono assorbiti rapidamente, indipendentemente dalla secrezione biliare, e possono essere utilizzati nel tessuto intestinale e nel fegato per la produzione di energia. Il rapido assorbimento degli AGCC e AGCM ha avviato uno sviluppo interessante che ha portato agli acidi "protetti" o "incapsulati". L'obiettivo è raggiungere una maggiore efficienza nel tratto digerente inferiore, che è stato dimostrato in diversi studi.

L'impatto degli AGCM, che è stato studiato meno di quello degli AGCC, è riassunto nella Tabella 1.

Tabella 1: Effetti nutrizionali e fisiologici nei suinetti dei trigliceridi a catena media (TCM)
e degli acidi grassi (Zentek et al., 2011)

Digestione e assorbimento

  • Idrolisi rapida dei TCM rispetto ai trigliceridi a lunga catena.
  • Solubilità elevata in acqua.
  • Non necessita di essere emulsionato dalla bile.
  • Assorbimento rapido.

Metabolismo

  • Utilizzato efficientemente per la produzione di energia per beta-ossidazione mitocondriale.
  • Fonti di energia disponibile immediata per neonati e giovani animali.
Morfologia e fisiologia intestinale
  • Gli AGCM possono essere utilizzati direttamente dagli enterociti per la produzione di energia.
  • Aiutano a mantenere l'integrità del tessuto intestinale.
Microbiota intestinale
  • Efficaci come surfactanti anionici.
  • Effetti antibatterici, dipendendo dalla dose, la maggior parte degli studi dimostrano la loro efficacia contro i batteri Gram positivi.
Performance dei suinetti
  • Gli studi suggeriscono effetti positivi.
  • Modalità d'azione correlato con l'effetto epiteliale o microbico.
  • Sono necessarie ulteriori ricerche su questo campo.

Gran parte del lavoro pubblicato mostra chiaramente che l'uso degli acidi grassi nei suini ha benefici per la salute, che la maggior parte ha un effetto conservante per il mangime e che le prestazioni degli animali, in generale, sono influenzate positivamente. Di conseguenza, sono ormai saldamente affermati nel settore dei mangimi per animali.

Articoli

Stress ossidativo nei suini15-Feb-2019 2 mesi 11 giorni fa

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags