Leggere questo articolo in:

Effetti dei diversi rapporti nelle diete di PUFA n-6: n-3 nei suini in fase di finissaggio

Un rapporto di n-6: n-3 di 5: 1 nella dieta di finissaggio può migliorare il valore nutrizionale delle carni suine...

Giovedì 29 Agosto 2019 (24 giorni fa)
mi piace

Un rapporto di n-6: n-3 di 5: 1 nella dieta di fissaggio può migliorare il valore nutrizionale della carne suina. E' ampiamente riconosciuto che la nutrizione è il principale fattore che influenza la deposizione di lipidi e acidi grassi negli animali monogastrici. Inoltre, diversi autori hanno riferito che il contenuto di acidi grassi polinsaturi (PUFA) nella dieta potrebbe influenzare i profili di acidi grassi dei muscoli risultanti e dei tessuti adiposi, influenzando le caratteristiche della carne.

Pertanto, al fine di fornire ai consumatori prodotti suini di alta qualità, l'obiettivo del presente studio era di studiare gli effetti del rapporto degli acidi grassi polinsaturi n-6: n-3 presenti nella dieta, sulle performance di crescita, profili lipidici nel sangue, composizione degli acidi grassi nella carne, caratteristiche della carcassa e qualità della carne nei suini pronti per la macellazione.

Per fare questo, in un test di 10 settimane, sono stati utilizzati in totale 72 suini [(Landrace × Yorkshire) × Duroc] con un peso medio iniziale di 51,59 ± 1,59 kg di peso vivo per valutare gli effetti di diversi rapporti nella dieta dei PUFA n-6: n-3. I suini sono stati assegnati in modo casuale a 3 trattamenti con 6 repliche e 4 suini/box. I suini sono stati alimentati con diete a base di mais e soia, formulate sostituendo l'olio di semi di soia con olio di semi di lino per ottenere un rapporto n-6: n-3 di 5: 1, 10: 1 e 15: 1, rispettivamente .

Come risultato, le performance di crescita, le caratteristiche della carcassa ed i parametri di qualità della carne (colore della carne, valutazione sensoriale, perdita alla cottura, perdita da gocciolamento, pH, area muscolare del longissimus e capacità di ritenzione dell'acqua) non sono stati influenzati da nessuno dei rapporti n-6: n-3 studiati. Tuttavia, in relazione ai valori ematici, i suini alimentati con la dieta con un rapporto PUFA n-6: n-3 di 5: 1 hanno avuto valori sierici inferiori del colesterolo totale, colesterolo LDL e trigliceridi.

Per quanto riguarda la composizione degli acidi grassi della carne, le concentrazioni di n-3 PUFA, tra cui C18: 3N-3, C22: 5N-3 e C22: 6N-3, sono state migliorate nei muscoli longissimus dorsi dei suini alimentati con la dieta con un rapporto PUFA n-6: n-3 di 5: 1. Inoltre, nei suini alimentati con la dieta PUFA n-6: n-3 con un rapporto di 5: 1 è diminuita la concentrazione di n-6 (C18: 2N-6 e C20: 4N-6) nei muscoli del longissimus dorsi.

Concludendo, abbassare il rapporto n-6: n-3 nella dieta a 5: 1 può essere utile per i profili lipidici del sangue e per migliorare il valore nutrizionale delle carni suine, senza effetti negativi sulle prestazioni di crescita e sui parametri di qualità della carne correlati all'accettazione da parte del consumatore.

Liu, W. C., & Kim, I. H. (2018). Effects of different dietary n-6: n-3 PUFA ratios on growth performance, blood lipid profiles, fatty acid composition of pork, carcass traits and meat quality in finishing pigs. Annals of Animal Science, 18(1), 143-154. https://doi.org/10.1515/aoas-2017-0026

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags