Leggere questo articolo in:

Come ridurre il rischio di "odor di verro" nelle carcasse di maschi non castrati

Attraverso l'alimentazione e le condizioni di allevamento, l'odore "di verro" può essere ridotto utilizzando suini provenienti da riproduttori geneticamente caratterizzati da un basso odore di "verro"...

Il rischio di odore sessuale(odore di verro) può essere ridotto attraverso strategie di alimentazione, miglioramento genetico e l'uso di buone pratiche di gestione che riducono la concentrazione di composti responsabili nelle carcasse di maschi interi.

In molti paesi i suinetti vengono castrati di routine senza anestesia o analgesia per evitare la presenza di odore sessuale(odor di verro). I maschi interi crescono più velocemente, convertono i mangimi in modo più efficiente, producono carcasse più magre ed eliminano meno azoto nel liquame, rispetto ai suini castrati. I consumatori che difendono il benessere degli animali ritengono che non sia necessario sottoporre i suinetti al dolore ed alla sofferenza dovuti alla castrazione. Per questo motivo, nell'Unione Europea, il settore si è impegnato volontariamente a fermare la pratica della castrazione dei suinetti senza anestesia o analgesia.

L'androstenone e lo scatolo sono i due principali composti responsabili dell'odore sessuale (odore di verro) che si deposita principalmente nel grasso. L'androstenone è un ferormone steroideo dei maschi e lo scatolo e l'indolo sono composti risultanti dalla decomposizione del triptofano. Le soglie per l'accettabilità dell'androstenone e dello scatolo da parte dei consumatori sono da 0,5 a 1,0 e da 0,2 a 0,25 ppm, rispettivamente.

Sono state ricercate alternative all'uso della castrazione, come la separazione dello sperma senza il cromosoma Y mediante citometria a flusso e l'immunocastrazione dei suini maschi mediante la somministrazione di un vaccino ormonale contro il fattore di rilascio delle gonadotropine. Entrambi gli approcci non sono stati implementati in Europa. La selezione dello sperma mediante citometria a flusso è un metodo molto lento e l'atteggiamento dei consumatori nei confronti dell'immunocastrazione è sconosciuto.

Un modo più realistico per evitare il rischio di odore sessuale (odore di verro) è quello di ottenere la riduzione dello scatolo e dell'androstenone attraverso la dieta, la genetica e la gestione. Lo scatolo si trova in alte concentrazioni nelle feci, quindi se i maiali sono allevati in ambienti sporchi può essere assorbito attraverso la pelle aumentando il rischio di odore sessuale. L'uso di pavimenti grigliati e il mantenimento di basse densità nei box di accrescimento riducono la concentrazione di scatolo nel grasso. Il digiuno degli animali di 14 ore o più prima del trasporto e di tenerli puliti durante l'attesa prima della macellazione riduce il livello di scatolo.

Lo scatolo può essere ridotto dai cambiamenti nella dieta prima della macellazione. Lo scatolo è sintetizzato ed assorbito nel colon, sia a partire dal triptofano della proteina non digeribile, come decomposizione microbica nel colon, e si deposita principalmente nel grasso. I carboidrati fermentescibili, come la polpa di barbabietola da zucchero, orzo con elevata amilasi, l'inulina della cicoria e dell'amido di patata cruda riducono i livelli di scatolo nel tessuto adiposo. Gli integratori di inulina della cicoria stimolano le attività enzimatiche coinvolte nell'ossidazione dello scatolo.

La selezione genetica di riproduttori con basso odore sessuale(odore di verro) è possibile data l'alta ereditabilità dello scatolo e dell'androstenone. Inoltre, i singoli geni individuali (QTLs) ed i marcatori genetici influenzano l'odore sessuale. Diverse concentrazioni di composti responsabili trovati suggeriscono che l'odore di verro è il prodotto di piccoli effetti in molti geni, e, probabilmente, il miglioramento quantitativo sarà la via più utilizzata.

Recentemente, Hortos et al. (2015) hanno dimostrato che attraverso l'alimentazione e le condizioni di allevamento, l'odore sessuale può essere ridotto usando animali provenienti da riproduttori geneticamente caratterizzati da un basso odore sessuale. È stato utilizzato lo sperma di 32 animali riproduttori con valore basso o elevato di scatolo (Estimated Breeding Value). Gli animali sono stati divisi in due lotti. In entrambi i lotti e nelle ultime due settimane prima della macellazione, a metà dei suini è stato somministrato un supplemento di estratto di cicoria al 9% con inulina al 7%. Ogni gruppo consisteva di suini provenienti da riproduttori con alti e bassi valori di odori sessuali. Sono state effettuate misurazioni delle concentrazioni di metano (CH4), ammoniaca (NH3), anidride carbonica (CO2) e ossido di azoto (N2O) nei capannoni. L'odore sessuale è stato determinato nei campioni di grasso sottocutaneo con una nota proveniente da un panel olfattivo e sono state analizzate le concentrazioni di scatolo ed androstenone.

Come si osserva nella tabella, le emissioni ambientali erano diverse tra i lotti, con concentrazioni di metano, ammoniaca, anidride carbonica e ossido di azoto che erano molto più alte nella stagione 1 in inverno che nella seconda stagione in estate. Il calore e la minore ventilazione per mantenere temperature confortevoli durante l'inverno sono stati la causa di queste differenze. La figura 1 mostra che gli animali alimentati con inulina in entrambi i lotti hanno meno casi con alte concentrazioni di scatolo. In effetti, un'integrazione con inulina riduce la concentrazione di scatolo in una vasta gamma di animali di circa un terzo. Nel lotto 1, con condizioni ambientali peggiori, gli animali provenienti da riproduttori con alti valori di scatolo alimentati con la dieta standard avevano una maggiore concentrazione di scatolo, manifestando così il loro potenziale genetico. Tuttavia, si osserva un'altra tendenza nel lotto 2 in cui le condizioni ambientali erano più pulite. La progenie di alto contenuto di scatolo non esprimeva il loro potenziale genetico indesiderato. Questi risultati indicano che entrambi gli approcci possono ridurre il rischio di odore sessuale; l'integrazione di inulina era efficace in entrambe le condizioni ambientali, mentre l'uso di riproduttori geneticamente caratterizzati da basso odore sessuale sembra più efficace in condizioni ambientali sporche.

Tab 1. Concentrazione di metano (mg/m3), anidride carbonica, ossido di azoto ed ammoniaca nell'ingrasso, a seconda del lotto.

Lotto 1 Lotto 2
CH4 12,4 2,53
CO2 7.132 2.170
N2O 1,00 1,13
NH3 56,0 13,9
Potenziale genetico per il contenuto in scatolo

Figura 1.- Concentrazione di scatolo (ppm) in entrambi i lotti con alimentazione standard e con alimentazione con aggiunta di inulina, a seconda del valore genetico di miglioramento (Estimated Breeding Value). (M. Hortós; J. A. García-Regueiro; E. Esteve; R. Lizardo; P. Knap and A. Diestre (2015).

Raccomandazioni per ridurre il rischio di odore sessuale (odore di verro):

  1. Mantenere i suini in ambienti puliti con bassi livelli di ammoniaca, metano e CO2.
  2. Supplementare la dieta con inulina da estratto di cicoria alcune settimane prima della macellazione.
  3. Usare riproduttori con basso potenziale genetico di odore sessuale (odore di verro).

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags