Leggere questo articolo in:

Dati recenti sull'uso delle fitasi nei suini

L'uso delle fitasi in suinicoltura si sta dimostrando un ottimo strumento per i nutrizionisti al momento della formulazione di mangimi economici, mantenendo le performances o addirittura migliorandole.

Sono già passati quasi 30 anni da quanto si iniziò a sentire dei possibili benefici dell'uso delle fitasi in alimentazione animale, sopratutto i monogastrici. In allora, si parlava non solo del fosforo che poteva essere liberato dalle fitasi, ma anche dell'effetto negativo del fitato sulle performance. In allora il suo uso sembrava non prendere piede, sopratutto a causa del suo costo. Quando alcuni paesi come l'Olanda hanno visto la possiblità delle fitasi come potenti riduttori del fosforo escreto (metà degli anni 80) con le deiezioni, è da lì che il suo utilizzo nell'alimentazione dei suini aumentò. In modo veloce vorrei sottolineare alcuni risultati dell'uso delle fitasi in suinicoltura.

Utilizzo delle fitasi nei suini: un beneficio reale

Mentre l'introduzione della fitasi nel mercato mondiale è di circa il 90%, si stima che "solamente" il 70% degli allevatori di suini facciano uso di questa enzima. Questa tendenza è però in aumento, man mano che si apprezzano i benefici che il suo uso può portare, con dati che continuano ad essere pubblicati. Negli ultimi anni la ricerca, fatta in modo serio, è riuscita non solamente a dimostrare che la sostituzione delle fonti di fosforo inorganico nei suini per la fitasi è possibile, ma che ha anche un effetto su altri nutrienti che dobbiamo ora considerare. In questo articolo, darò delle brevi pennellate rispetto il suo uso nei suinetti svezzati e nell'ingrasso.

 

Uso delle fitasi in suinetti svezzati e in accrescimento

Gli enzimi endogeni non possono digerire il fitato  (tra lo 0,80%-1,2% della dieta, a seconda della formulazione). Questo provoca perdite endogene, diminuendo il valore nutritivo dei componenti. Studi recenti (Woyengo et al., 2012) dimostrano come i suinetti svezzati (7,4 kg) alimentati con una dieta sintetica molto digeribile - a base di caseina ed amido di mais -, aggiungendo fitato sintetico (e 0,56% di P-fitico),  determina un calo degli accrescimenti (37%), del consumo (18%) e dell'IC (25%). Studi precedenti dimostravano effetti molto similari con diminuzione della digeribilità dell'energia, proteina e aminoacidi per suini in accrescimento e all'ingrasso.

Effetto del fitato nei suinetti

Figura 1: Il fitato come elemento antinutrizionale riduce le performance dei suinetti (7,4 kg). Questi sono stati alimentati con diete molto digeribili, senza fitato (=blu) e con aggiunta di fitato (=rosso) (Woyengo, 2012).
(*) G/C = guadagno/consumo. Quanto maggiore il suo valore, miglior il risultato.

L'uso delle fitasi dimostra un effetto migliorativo della digeribilità al di là di quella sul calcio e fosforo. Studi ancora più recenti hanno utilizzato suinetti in accrescimento (22,1 e 30,3 kg, 2 periodi diversi con 16 suinetti intubati, divisi in 4 gruppi e alimenati in 2 periodi differenti; Adedokun et al., 2015). I dati di questo lavoro realizzato con una 6-fitasi di origine batterica in suinetti intubati, dimostrano un miglioramento significativo della digeribilità ileale dei nutrienti e dell'energia. La tabella 1 mostra come l'uso della fitasi migliora la digeribilità ileale apparente della S.S, N, Ca e P e dell' energia in  4.0, 3.4, 9.1, 15.2 e 3.1%, rispettivamente, oltre ad aumentare l'energia digeribile disponibile in 152 kcal/kg. Secondo gli autori, questa fitasi, a differenza di altre studiate, fu capace di migliorare significantemente la digeribilità ileale di tutti i parametri nutrizionali valutati, ottenendo miglioramenti più importanti per il  P (15,2%) ed il  Ca (9,1%). Anche se non presente nella tabella, l'inclusione a livelli superiori hanno migliorato in modo significativo anche la digeriblità ileale degli aminoacidi misurati.

Tabella 1: Digeribilità ileale apparente della S.S., di altri nutrienti e dell'energia digeribile in suini (22,1 e 30,3 kg; risultati di 2 periodi) alimentati con distinti livelli di 6-fitasi (Adedokun et al., 2015). I risultato mostrano i dati medi dei due periodi.

  Livello di inclusione di fitasi, FTU/kg  
  0 500 1000 2000 Prob.
N. replicazioni 7 8 7 8  
S.S., % 62,9 67,8 67,7 66,2 0,012
N, % 73,8 78,4 76,6 76,6 0,011
Ca, % 62,5 73,9 70,5 70,4 0,002
P, % 46,4 57,8 64,2 62,9 <0,001
Energia, % 66,4 69,5 68,6 70,4 0,068
Energia digeribile ileale, kcal/kg 2820 3008 2977 2930 0,053

 

Uso delle fitasi in ingrasso

E' chiaro che l'effetto delle fitasi sulla digeribilità, oltre all'azione sui minerali, è un tema che ogni giorno trova più evidenza. Però è il miglioramento della liberazione del fosforo a partire dalla molecola di P-fitico del mangime che ci può portare a non usare fonti di fosforo inorganico.

Nel Centro Agricolo Haus Düsse, Germania (DuPont, 2012) fu realizzato il seguente esperimento: 272 suini furono scelti (29-121 kg PV) e alimentati a broda in 3 fasi; la metà dei suini ricevette alimento con fosfato monocalcico (FMC) e 400FTU/kg di base e l'altra metà senza FMC, ma con l'aggiunta di 1000, 500 e 350 FTU/kg a seconda della fase alimentare, di 6-fitasi (batterica). Nella tabella 2,  i risultati mostrano che:

  • L'uso della 6-fitasi permette di alimentare i suini da 29 a 121 kg, senza l'uso di FMC, mantenendo le stesse performance e senza alterare le caratterisitiche della carcassa.
  • L'uso della 6-fitasi nei mangimi senza FMC ha permesso un guadagno netto superiore 1 €/capo.
  • La 6-fitasi in suini alimentati senza FMC è riuscita a ridurre del 36% l'eliminazione di fosforo.

 

Tabella 2: Risultati comparativi dei suini in prova (29 a 121 kg PV) alimentati con  e senza FMC, ma con aggiunta di 6-fitasi
(1000 FTU/kg, 500 FTU/kg  e 350 FTU/kg) (DuPont 2012, documentazione propria).

  Controllo, FMC + 400 FTU/kg SENZA FMC + 6-fitasi
Incremento medio giornaliero, g/gg 878 873
IC, g/c 2,58 2,54
Peso carcassa, kg 94,6 95,2
Resa della carcassa, % 78,4 78,8
Carne magra, % 57,6 57,3
Ceneri nell'osso*, g/kg SS 582 587
Ca nelle ceneri dell'osso, % 38,2 37,5
P nelle ceneri dell'osso, % 17,8 17,5
Guadagno sul costo del mangime, €/capo 75,5 76,6 (+1,1)
P2O5, kg/capo** 1,331 0,857 (-36%)

(*): 16 suini/trattamento; 3° osso metacarpo, calcolo delle ceneri, Ca e P.
(**): Pentossido di P, calcolato = eliminazione di P (kg/capo) * 2,29

 

Riflessione finale

L'uso delle fitasi in suinicoltura si sta dimostrando un ottimo strumento per i nutrizionisti al momento della formulazione di mangimi a minor costo, migliorando ulteriormente la loro qualità.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags