Leggere questo articolo in:

Riassunto della Allen D. Leman Swine Conference 2019 (1/6): biosicurezza

L'edizione di quest'anno si è svolta dal 14 al 17 settembre 2019 a Saint Paul (Minnesota) ed è stata presieduta da Montserrat Torremorell. Iniziamo con le presentazioni sulla biosicurezza...

Negli ultimi anni è stata presieduta dal Dr. Bob Morrison, recentemente scomparso, la cui memoria è stata molto presente durante tutto il Congresso (Morrison Swine Innovator Prize, Morrison Fellowship e Morrison Lecture). L'omaggio alla memoria è stato rivolto anche al Dr. Mike Murtaugh che è deceduto mentre è stata celebrata l'edizione dell'anno scorso. E' stata evidenziata una menzione d'onore fatta al Dr. Gonzalo Castro per tutta la sua carriera che, da questo mezzo, voglio riconoscere e congratularmi...

Sono state presentate 9 pre-conferenze, 4 key-notes, 73 comunicazioni (comprese le presentazioni di studenti dell'Università) e 77 poster, che affrontano tutti i pilastri della produzione. Per quanto riguarda la sanità, sono stati evidenziati aspetti del Virus della Sindrome Riproduttiva e Respiratoria dei Suini, del Virus dell'Influenza, del Senecavirus A, del virus della Peste Suina Africana, del Circovirus Suino, Streptococcus suis, Brachispira hyodysenteriae, Mycoplasma hyopneumoniae y Mycoplasma hyosynoviae, evidenziando la caratterizzazione mediante specifici test diagnostici. Ci sono stati numerosi lavori su questioni riproduttive, produzione suina priva di antibiotici, nutrizione in diverse fasi della produzione, implicazioni del microbiota sulla produzione - salute e la biosicurezza.

Abbiamo partecipato in 900 veterinari di suini provenienti da 20 paesi. Gli sponsor dell'evento sono state 16 aziende che cito in categorie: Diamante (Zoetis), Platino (Boehringer Ingelheim), Silver (Cambridge Technologies, Furst-Mcness Company, MSD), Bronze (Diamond V, Elanco, Phibro, PIC) e Copper (Adisseo, Aurora, Compeer Financial, Choice, Kemin, PMI e Topigs Norsvin). Inoltre, hanno partecipato 66 aziende espositrici con stand commerciale.

Biosicurezza

Risk of introduction and transmission of ASF though feed – Megan Niederwerder – Kansas State University

Simula un modello transoceanico di trasmissione del virus della PSA nelle materie prime che può sopravvivere in normali condizioni di trasporto in diverse materie prime (soia, colina, aminoacidi ...). La seconda parte del modello si concentra sulla dose efficace necessaria affinché il virus sia infettivo, dimostrando che l'infezione è più probabile nelle materie liquide a dosi più basse (3 chili di mangime equivalgono a 1 di liquido), se trasformiamo in dosi di virus di 104 la probabilità infettiva è praticamente la stessa. A queste dosi e dopo 10 esposizioni la probabilità di infezione tende al 100%. La terza parte del progetto si concentra su misure per mitigare il rischio di trasmissione nei mangimi e nei loro ingredienti. L'emivita del virus nel mangime è di circa 30 giorni, a seconda dell'ambiente / condizioni di trasporto (da 9,6 a 14,2 giorni rimane abbastanza stabile nelle condizioni di trasporto transoceanico).

What can we do? Methods to keep viruses out of the feed supply chain – Cassandra Jones – Kansas State University

Il mangime è uno dei potenziali meccanismi per introdurre il virus della PSA in un paese o in un sistema produttivo, quindi i meccanismi di biosicurezza devono essere rigorosi, sia dal momento della raccolta delle materie prime che del loro trasporto verso impianti di trasformazione, aziende integratoristiche, mangimifici mangimi e persino gli allevamenti stessi. Pertanto è importante mettere delle barriere al virus in ciascuna di queste fasi (come un percorso ad ostacoli). L'industria ha intrapreso numerose iniziative incentrate su restrizioni volontarie all'importazione basate sui propri canali regolatori (Feed Risk Task Force).

All'interno dei mangimifici ci sono aree a maggior rischio di permanenza dei virus, come le aree di riposo dei lavoratori, uffici, parcheggi dei camion, perimetro di trasporto, aree di pulizia dei camion...

Risk of virus introduction in vitamins, soybean products and other feed additives – Jennifer van de Ligt – University of Minnesota

L'albero decisionale per evitare i rischi si basa sullo stato sanitario, i regolamenti, la distribuzione, la convalida dei processi, la credibilità delle misure di sicurezza applicando i controlli dalla produzione alla trasformazione, distribuzione e vendita (la tracciabilità è il comune denominatore). La filiera delle vitamine è fondamentale nella produzione di mangimi, focalizzata sia sul trasporto delle vitamine pure sia sulle stesse pre-miscelate per aziende di integratori, mangimifici ed allevamenti. La maggior parte delle vitamine sono prodotte in Cina sulla base di GMP farmaceutiche e vengono trasportate in forma pura. La filiera della soia comprende i campi di produzione e conservazione, oltre ai loro trattamenti per inibire i fattori anti-nutrizionali che, in linea di principio, inattivano il virus.

L'uso di alghe RISNA riduce la sopravvivenza del virus quando vengono incorporate nelle materie prime...

Canadian import requirements for feed ingredients and other synergies with US preventive actions – Egan Brockhoff- Prairie Swine health Services

Dallo scoppio della diarrea epidemica nel gennaio 2014 a causa della possibile contaminazione di un mangime, il governo canadese ha sviluppato un piano di valutazione delle materie prime che riguarda sia gli animali vivi che i prodotti di origine animale, le materie prime e gli ingredienti dei mangimi. Si concentra sulla fornitura di informazioni pertinenti sui rischi e sulla necessità di misure rigorose di biosicurezza per gli attori del settore. A tal fine, il governo, l'industria e uno specifico gruppo di lavoro di fronte alla PSA, hanno preparato un rapporto con 13 fattori di rischio suddivisi in tre categorie. La prima comprende i fattori di rischio intrinseci (volume di produzione e importazione di ingredienti), la seconda sono le mitigazioni e la terza le compliance / conformità (risultati delle ispezioni e il loro impatto e la storia delle azioni di rinforzo). Quest'anno il governo ha dichiarato le aree di controllo secondarie concentrandosi sui principali porti marittimi internazionali canadesi ed ha emesso un ordine che modifica i requisiti di importazione di cereali e oli non trasformati, nonché di alimenti destinati ad essere utilizzati nell'industria dei mangimi composti (29 Marzo 2019). Tra le altre misure, richiede l'uso di contenitori specifici che trasportano sempre la stessa materia prima, evitando la contaminazione incrociata, oltre a un minimo di 20 giorni di trasporto a 20 ° C o 100 giorni a 10 ° C (o 70° C per 30 minuti). Pertanto hanno limitato il numero di importatori a 20, di cui solo 3 provenienti dalla Cina. Al momento solo due continenti sono indenni dalla PSA (Australia e America).

A new model for evaluating the ability of additives to reduce the risk of viral contaminated feed – Scott Dee – Pipestone Applied Research

È importante avere una posizione proattiva e responsabile quando si acquistano materie prime e additivi per mangimi, oltre a svolgere azioni specifiche in ciascuna società, come la definizione di fornitori sicuri, navi in quarantena, aree di stoccaggio e audit regolari di tutti i procedimenti...

Hanno testato diversi prodotti che possono avere un effetto sull'inattivazione di alcuni virus negli additivi alimentari rendendoli più sicuri nell'alimentazione dei suini (ADM - Daafit S, Alltech, Anitox, Kemin, Cargill, DSM, Novus, PMI).

Dealing with fires and explosions: implications for emergency euthanasia – Cameron Schmitt – Pipestone Veterinary Services

Anything that can go wrong, will go wrong” – Legge di Murphy. Come Veterinari nessuno ci ha parlato all'università di questo tipo di catastrofi (tornado, incendi, esplosioni, inondazioni ...) e delle loro conseguenze sugli animali e sulla produzione in allevamento. Quindi, dobbiamo informare le compagnie assicurative, in modo professionale, di tutti i dettagli di cui avranno bisogno in caso di calamità: documenti, date esatte, orari, numero di animali, età, pesi ... corredati con materiale fotografico. Questo ci permetterà di avere una persona a portata di mano quando ne abbiamo bisogno. Tutti questi problemi influenzano il morale dei lavoratori e producono un notevole grado di impotenza, oltre alle grandi perdite economiche e alla cessazione dell'attività in molti casi.

Preparing for farm disasters – Matthew Berger – Gislason&Hunter

Dobbiamo aver identificato e ordinato i potenziali rischi nei nostri allevamenti, riesaminando contratti, polizze assicurative, rapporti sui requisiti normativi e disponendo di un piano di emergenza per iscritto, ben definito, articolo per articolo...

Alcuni dei principali rischi sono legati alle strutture ed alle attrezzature (controllo ambientale, vasche dei liquami, esplosione di silos), nonché a eventi esterni (incendi, tornado, cadute di tetti, focolai acuti di malattie). In ogni caso, dobbiamo valutare le perdite dirette e l'interruzione della produzione che includono i suini morti, la cura di animali vivi, la disponibilità di nuovi suini, la disponibilità di mangime, il ripristino attraverso la pulizia e il rinnovo delle attrezzature, manodopera (valore reale e costo della sostituzione). È essenziale che le clausole delle assicurazioni riflettano chiaramente ciò che coprono e ciò che non coprono, nonché i loro importi, evitando scuse per l'uso contraddittorio o poco chiaro del linguaggio. Le principali clausole che devono essere prese in considerazione e differenziate dalle "cause di forza maggiore" includono tempeste, inondazioni, incendi, esplosioni, tsunami, eruzioni vulcaniche, guerre, conflitti, epidemie, azioni governative e normative. Le situazioni di esclusione dovrebbero inoltre essere prese in considerazione nelle clausole assicurative come i rischi di inquinamento e di contaminazione.

Poster sulla PSA. L'applicazione dell'irradiazione ultravioletta UV-C alla dose di 3.000 J / L applicata al plasma suino inoculato con il virus della Peste Suina Africana è in grado di inattivare il 4,61 log dello stesso, considerato dall'OMS un procedimento sicuro per ridurre il rischio di trasmissione in alimenti e mangimi.

Antonio Palomo

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?Se hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags