Leggere questo articolo in:

Si stanno complicando gli svezzamenti? (3/3) Streptococcus suis

In questo 3° articolo vogliamo parlare di un altro ospite abituale dello svezzamento: lo Streptococcus suis, che causa sintomi clinici che possono includere meningite, artrite e morte improvvisa.

Nei 2 precedenti articoli abbiamo parlato con tre veterinari (Lali Coma, Patricia Prieto, Josep Bragulat), su come si stanno comportando gli svezzamenti al giorno d'oggi, dopo i cambiamenti nell'uso degli antibiotici e l'aumento delle produzioni causato dalla maggiore prolificità.

Se nel 1° articolo l'approccio era più generico e nel 2° ci siamo concentrati sui problemi digestivi, in questo 3° articolo vogliamo parlare di un altro ospite abituale dello svezzamento: lo Streptococcus suis, che causa sintomi clinici che possono includere meningite, artrite e morte improvvisa.

Per quanto riguarda il loro controllo senza antibiotici, i tre Autori concordano sul fatto che c'è un passo indietro rispetto, ad esempio, alla diarrea da E. coli.

L'amoxicillina, l'antibiotico di prima scelta per il trattamento della meningite da streptococco, è ancora ampiamente utilizzato come pre-miscela medicata nell'alimentazione degli animali o come prodotto idrosolubile.

Quali sono le basi per il controllo dello Streptococcus suis con un minor uso di antibiotici?

La Tabella 1 riassume i diversi gruppi di misure che possono essere adottate per combattere i problemi di streptococco. Abbiamo chiesto ai tre veterinari di dirci quali sono i più importanti per loro.

Tabella 1 Importanza delle diverse misure per il controllo dello Streptococcus Suis nello svezzamento secondo gli autori. Con qualche differenza di sfumature, ma si riesce a concludere che per loro le tre misure principali sono: un buon ambiente e un'adeguata ventilazione nello svezzamento, ridurre la densità e mantenere alti livelli di igiene in tutto ciò che significa manipolazione del suinetto in sala parto .

Bragulat Coma Prieto
Trattamenti preventivi basati sugli acidi 5 6 6
Pulizia delle scrofe nel pre-parto 3 5 4
Protocolli igienici in sala parto 4 1 1
Ambiente corretto in svezzamento 2 3 3
Riduzione delle densità negli svezzamenti 1 2 2
Uso di autovaccini (vaccini stabulogeni) n.v. 4 5

n.v: non valutato

Coma sottolinea che "il lavoro principale deve essere svolto nelle sale parto. Dobbiamo ripensare e rivedere molti dei protocolli e della gestione che sono stati fatti finora ".

"Il lavoro di controllo dello streptococco dovrebbe iniziare nelle sale parto. Prima di iniziare a lavorare con scrofe iperproliche si facevano molti trasferimenti di suinetti tra le scrofe, e si facevano molte scrofe balia.

Ora lavoriamo molto per migliorare la lattazione della scrofa. I nuovi sistemi di alimentazione come il feeding ball, o i sistemi di alimentazione automatica individualizzati, consentono di ottenere un elevato consumo di mangimi in lattazione e, quindi, una produzione di latte elevata. Più latte produce, più suinetti può allevare una scrofa e quindi il bisogno di balie è ridotto al minimo. Ridurre al minimo il numero di suinetti che vengono spostati è un primo passo nel controllo ".

"L'uso di taglia code elettrici o a gas cauterizzano le ferite, il cambio degli aghi almeno tra figliate," "in alcuni allevamenti si utilizzano aghi monouso per animale".

Altre misure che non possono essere ignorate sono l'età allo svezzamento, "dovrebbero essere evitati i suinetti svezzati a 17-18 giorni", ed è anche molto importante cosa fare con la gestione del basso peso dei suinetti allo svezzamento (<4.5kg "I suinetti con un peso di svezzamento basso sono un problema, ma ritardarli nelle sale parto non è la soluzione, si dovrebbero usare sale o box di pre-svezzamento"

L&#39;uso di moduli o box di pre-svezzamenti per suinetti di basso peso, permette di: 1.&nbsp;Svezzarli applicando un management adeguato per loro. 2.&nbsp;Pi&ugrave; omogeneit&agrave; di peso nelle sale di svezzamento. 3. Mantenere una gestione del tutto pieno, tutto vuoto, adeguato in sala parto.
L'uso di moduli o box di pre-svezzamenti per suinetti di basso peso, permette di: 1. Svezzarli applicando un management adeguato per loro. 2. Più omogeneità di peso nelle sale di svezzamento. 3. Mantenere una gestione del tutto pieno, tutto vuoto, adeguato in sala parto.

Per quanto riguarda la densità Prieto ritiene che sia uno dei punti da migliorare in molti allevamenti. "Molti allevamenti hanno aumentato la loro produzione di 2-3 o più suinetti per scrofa all'anno, e continuano invece ad avere gli stessi posti di svezzamento delle precedenti produzioni. È impensabile migliorare sanitariamente con questo scenario. Chiediamo 0,22 m2 / suinetto come minimo fino a 18-20 kg ".

Bragulat insiste "l'equazione della ventilazione scarsa + alta densità, causa sempre problemi di meningite (...) In inverno, in troppi allevamenti con riscaldamento insufficiente si intende raggiungere la temperatura ottimale dei suinetti basandosi su una ventilazione molto bassa, e questo è chiaramente un grave errore. A volte, soprattutto se si inizia con un suinetto svezzato di qualità, è preferibile sacrificare un certo grado di temperatura nella sala di svezzamento in cambio del mantenimento di un ambiente più pulito. "

Nel caso dello Streptococcus suis gli autovaccini (vaccini stabulogeni) sono uno strumento relativamente poco esplorato, per ora. Prieto ha una certa esperienza, ma i risultati sono ancora molto incostanti. "L'autovaccino (vaccino stabulogeno) richiede logicamente l'isolamento batteriologico per confermare che lo Streptococcus suis è l'agente causale. Nel nostro caso, abbiamo vaccinato e rivaccinato tutte le scrofe a tappeto e poi abbiamo applicato il vaccino in ogni ciclo ".

Coma ha una buona esperienza nel controllo della meningite con autovaccino quando compaiono in lattazione, ma non così bene da evitare i problemi nella fase di svezzamento.

Appare chiaro che le strategie di controllo dello Streptococcus suis comportano diverse misure di gestione delle sale parto e dello svezzamento, tutte finalizzate a ridurre la trasmissione dalla scrofa ai suinetti e al miglioramento delle condizioni ambientali e di densità negli svezzamenti.

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags