Leggere questo articolo in:

Stabilire il giorno "0" nei casi di Mycoplasma hyopneumoniae: a cosa serve??...

Nell'esempio di eliminazione del M. hyopneumoniae, il Giorno 0, si riferisce ad una data in cui le nullipare di un allevamento, siano state confermate come esposte alla forma viva del patogeno...

Lunedì 11 Giugno 2018 (3 mesi 11 giorni fa)
mi piace

Il Giorno 0 è un'espressione comunemente utilizzata per il controllo ed eliminazione di malattie dei suini. Tuttavia, non esiste una definizione standardizzata per il giorno "0" per tutte le malattie o patogeni. In questo articolo, offriamo una definizione e instruzioni per l'applicazione pratica prendendo come modello il Mycoplasma hyopneumoniae (M. hyopneumoniae).

In genere, si pensa che il Giorno 0 sia un concetto autoesplicativo, senza esserci bisogno di un ulteriore chiarimento, ma...per essere così ovvio ed essere applicato in differenti scenari si provoca una certa confusione...

Il Giorno 0 segna l'inzio ufficiale di una strategia di controllo di una malattia, applicando misure di regolare controllo o di eliminazione di una malattia in un allevamento. A partire da questo giorno, l'orologio inizia a girare e tutta la logistica del programma di controllo si conteggia e si organizza a partire da questo calendario. Normalmente, il Giorno 0 marca l'inizio della chiusura di un allevamento, evento che maggiormente interferisce con la gestione della scrofaia durante un'eradicazione. La chiusura dell'allevamento implica che non entrino più rimonta per un periodo pre determinato (normalmente per molti mesi), il che inevitabilmente condurrà ad un invecchiamento dell'allevamento, riducendo la flessibilità quando si vorrà decidere di eliminare le scrofe.

La chiusura dell'allevamento si intende come un metodo che permette un cambio dello status sanitario dell'allevamento, bloccando l'introduzione di individui potenzialmente sensibili in una popolazione in cui esiste una circolazione di un patogeno. I programmi di chiusura dell'allevamento dipendono da quale patogeno si tratta e delle sue caratteristiche epidemiologiche. E' importante sapere che la durata della chiusura dipende dalla persistenza del patogeno. Idealmente, la chiusura dell'allevamento permette un certo margine di tempo per l'infezione della popolazione, per lo sviluppo della malattia e per il recupero e conclusione del periodo di eliminazione del patogeno.

Nell'esempio di eliminazione del M. hyopneumoniae, il Giorno 0, si riferisce ad una data in cui le nullipare (figura 1) di un allevamento, siano state confermate come esposte alla forma viva del patogeno. Questa affermazione contiene molti punti variabili e devono essere definiti, pertanto si discuterà quanto seguente :

  • Nullipare: In allevamenti infetti endemicamente, si assume che le femmine che vivono in allevamento siano esposte al M. hyopneumoniae, per cui non vengono considerate parte della popolazione sensibile. Questa premessa può vedersi limitata per il fatto che in allevamenti infetti, si trovino naturalmente sub-popolazioni negative. Una possibile spiegazione è che la trasmissione del M. hyopneumoniae è molto lenta e che non tutti i contatti tra le femmine siano sufficienti per trasmettere l'infezione. Per cui, nonostante le attività del Giorno 0 si basino sulle scrofette, quando vengono progettati protocolli di controllo ed eliminazione, come minimo dovrebbero prendere in considerazione in ultimo le scrofe che abbiano già partorito in allevamento, anche se il Giorno 0 delle attività si basi sulle scrofette.
  • Conferma dell'esposizione: L'esposizione delle nullipare al M. hyopneumoniae non necessariamente implica un'esposizione efficace. Sarebbe sbagliato presupporre che tutti i tipi di esposizione raggiungano l'obiettivo iniziale di assicurare che tutte le femmine abbiano avuto contatto e generato una risposta al M hyopneumoniae. Quindi, si consiglia una conferma veloce dell'esposizione mediante una diagnosi. Il momento ed il protocollo diagnostico per questa conferma variano principalmente in funzione dei metodi usati per controllo e diagnosi, che includano, tra gli altri, la via e la dose infettante.
  • Forma viva: Nonostante l'adattamento della rimonta al M. hyopneumoniae si basi, sopratutto, sull'immunizzazione attiva con vaccini commerciali, è importante ricordare che questi prodotti non produrranno infezione con l'agente dato che sono fatti da batterine (bacterins).

L'infezione della rimonta con il M. hyopneumoniae può essere raggiunta in vari modi (che non sono il tema di questo articolo), ma avrà un impatto significativo sulla trasmissione della malattia e sulla sua dinamica. Altri fattori, come la virulenza del ceppo di M. hyopneumoniae, per esempio, possono influenzare la trasmissione del patogeno in allevamento e vanno tenuti in considerazione per stimare il Giorno 0 e, di conseguenza, il giorno della chiusura futura dell'allevamento.

Nonostante non sia facile stabilire una definizione semplice per il Giorno 0, come si descriveva prima, normalmente, si presuppone che possa essere definito quando la maggior parte dei capi sensibili dell'allevamento, siano stati inclusi nel programma di esposizione. Stabilire il Giorno 0 è fondamentale per i programmai di controllo ed eradicazione delle malattie e deve essere eseguito attentamente dai professionisti sanitari.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags