Leggere questo articolo in:

Tregua di Pasqua...

Speriamo che la primavera porti un miglior consumo. I mercati esteri sono scricchiolanti (la Cina ha il prezzo dei suini più basso degli ultimi 10 anni) e non sarà facile collocare le eccedenze europee...

Martedì 27 Marzo 2018 (6 mesi 20 giorni fa)
mi piace

La tensione rialzista di febbraio ha ceduto il passo ad un marzo con rialzi più moderati e conferme dei prezzi nelle ultime 3 settimane sul mercato spagnolo. Siamo intrappolati in una specie di "tregua Pasquale" in attesa delle allegrie di primavera...

La Germania (mercato trainante d'Europa, non dimentichiamolo...), ha trascinato tutta Europa dietro a sé nel mese frenetico di febbraio e da incorniciare... Rialzo dopo rialzo il prezzo si è spostato da 1,30 € / kg carcassa a 1,55 in poche settimane. Una volta raggiunto questo livello, all'improvviso e senza preavviso in due settimane, si è rettificato ad un ribasso di 10 centesimi al kg, riposizionandosi a 1,45 € / kg carcassa (equivalente a circa 1,10 € / kg di peso vivo).

Nel momento in cui scrivo questo articolo il prezzo spagnolo è leader dei prezzi europei. Si constata anche che le macellazioni del primo trimestre sono state del 5% superiori a quelle del 1° trimestre dell'anno passato. Come avevamo commentato altre volte, si produce un apparente paradosso (si macella più di prima ed il prezzo è migliore in Spagna rispetto ad altri paesi europei) che non è altro che la realtà...

Gli aumenti improvvisi ed importanti del prezzo della carcassa non hanno potuto essere trasmessi alle carni... Inevitabilmente i margini dei macelli ne hanno risentito. Ora i macelli tedeschi possono essere, e di fatto lo sono, molto aggressivi con i propri prezzi, obbligando i macelli del sud-europa ad abbassare i prezzi per poter vendere. Settimana dopo settimana il macello osserva, impotente, la riduzione dei propri margini...

Speriamo che la primavera porti migliori consumi... I mercati esteri sono scricchiolanti (la Cina ha il prezzo dei suini più basso degli ultimi 10 anni) e non sarà facile collocare le eccedenze dell'Europa...

Nel 2017 è stato confermato quanto sapevamo già: oltre il 50% della carne suina prodotta in Spagna è stata esportata ( per il secondo anno consecutivo). Questo fatto è oramai irreversibile e nel 2018 la % dell'export aumenterà ancora, confermando le macellazioni che ci saranno. Con questo vorrei dire che volendo o no, la Spagna dipenderà sempre di più da quanto succede "nel mercato globale".

Oggi gli USA ed il Canada stanno macellando più che mai e accumulano 2 mesi consecutivi di ribassi. Oltre tutto, il dollaro è debole ed i loro export sono molto competitivi.

Ci sembra che il prezzo in Spagna per questa estate non raggiungerà i livelli degli anni passati. Crediamo possa non arrivare ai 1,30€. La curva del prezzo del 2018 è molto similare a quella del 2015: se continuasse così rimaniamo al di sotto...

E' certo che dopo Pasqua ci saranno molte settimane senza festività e che si potranno macellare tutti i suini che capitano, ma se il macello non guadagna, deciderà, logicamente, che macellare non vale la pena e limiterà le proprie attività. Ricordiamo che, in condizioni favorevoli, le macellazioni in Spagna raggiungono facilmente il milione di capi...

Concludiamo con un detto spagnolo: “Altri tempi verranno e quel che non può, potrà"...

Guillem Burset

Guillem Burset

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags