3 commenti

Leggere questo articolo in:

Una esperienza pratica con mangimi peri-parto

Gli inconvenienti di gestione che si presuppone comporti l'aggiunta di un mangime, vengono ampiamente compensati dai miglioramenti dei risultati produttivi e dalla diminuzione dei problemi nelle sale parto.

Venerdì 10 Marzo 2017 (2 anni 8 mesi 4 giorni fa)
mi piace

Perchè utilizzare un mangime specifico per il periparto

Uno dei principali problemi che affrontano le scrofe iperprolifiche è l'elevata mortalità dei suinetti ed il peso di questi allo svezzamento in conseguenza della relativa limitata produzione di latte.

Scrofa appena entrata in sala parto
Scrofa appena entrata in sala parto

Figura 1. Scrofa appena entrata in sala parto (cortesia Granja Escoda).

Ci sono sempre più evidenze bibliografiche che indicano che determinati nutrienti e protocolli di consumo nel periparto aiutano a migliorare la sopravvivenza e l'accrescimento dei suinetti durante la lattazione. Alcuni esempi sono:

  • Un elevato apporto di fibra nell'ultima settimana di gestazione aumenta la % di grasso nel colostro, l'ingestione da parte dei suinetti e riduce la mortalità sottoscrofa (F. Loisel 2013)
  • Quando il tenore di nutrienti  nella dieta è basso oppure quando si pratica un razionamento eccessivo prima del parto, la scrofa entra in catabolismo. Questo fatto aumenta la produzione di corpi chetonici che possono causare chetosi, pure non presentando in genere sintomi clinici, può provocare una produzione subottimale (Theil et al 2013).
  • Le scrofe che sono in catabolismo nelle ultime settimane di gestazione tendono a produrre meno colostro (Decalowe 2013)
  • Quanto minore è il bilancio elettrolitico del mangime (Na + K – Cl), minore è il pH dell'urina e minore la contaminazione batterica (DeRouchey 2003).
  • Le scrofe grasse al parto (>23 mm P2) producono meno colostro, per cui è doveroso evitare un ingrassamento eccessivo durante la gestazione (Decalowe 2014).
  • Scrofe che consumano molto mangime (>4 kg vs 1,5 kg) nell'ultima settimana di gestazione producono più colostro (3,999 kg vs 3,503 kg) (Decalowe 2014).
  • Quanto maggiore è il consumo di colostro per kg di peso vivo del suinetto, maggiori saranno gli accrescimenti e la sopravvivenza durante la lattazione (Decalowe 2014).

Per tutto questo, le aziende di nutrizione e genetica consigliano di mantenere il consumo alla fine della gestazione fino al giorno del parto e addirittura aumentare il consumo di nutrienti nel periparto attraverso un aumento delle quantità o della concentrazione del mangime in questo periodo.

Il periparto comprende il periodo che va dai 5-7 giorni prima del parto fino a 2 giorni dopo il parto. In questo frangente accadono cambi sostanziali e molto bruschi nella scrofa.

Alla fine della gestazione ci sono alterazioni ormonali drastiche. I feti iniziano a sintetizzare cortisolo in risposta allo stress che subbiscono all'avvicinarsi del parto, influenzando la produzione di steroidi da parte della scrofa. Salgono i livelli degli estrogeni, inclusa la produzione di prostaglandine che determineranno la luteolisi ed il conseguente calo del progesterone. Questi cambi avvengono 2 giorni prima del parto.

Un altro aspetto al quale dobbiamo prestare attenzione è lo stress della scrofa, che può avere aumentati i propri livelli di cortisolo e provocare problemi: parti languidi e riduzione della secrezione lattea.

Per cercare di minimizzare i rischi del periparto e aiutare il passaggio gestazione-lattazione, si utilizza una dieta specifica con uno scarso bilancio elettrolitico, aggiunta da acidi organici con l'obiettivo di migliorare lo stato sanitario della scrofa e di ridurre il rischio di infezioni urinarie. La presenza di alti livelli di fibra per ridurre il rischio di stitichezza e omega 3 per aumentare la vitalità dei suinetti.

Scrofa che ha appena partorito
Scrofa che ha appena partorito

Figura 2. Scrofa che ha appena partorito (cortesia Granja Escoda).

 

Come si usa nella pratica

Vediamo come abbiamo fatto ad usare un mangime periparto ed i risultati ottenuti in una scrofaia (sito 1) con 48 parti settimanali.

Le scrofe entrano in sala parto il mercoledì secondo i giorni medi di gestazione pari a 116.

Il mercoledì mangiano gestazione. Il giovedì si inizia con il periparto a 2,8 kg al giorno suddiviso in 2 pasti. Questo schema fino a lunedì.

Al primo mattino del lunedì si inietta prostaglandina perivulvalre alle scrofe che devono ancora partorire. A 24 ore di distanza si somministra ossitocina. Il giorno del parto le scrofe non mangiano, eccetto qualcuna che si alza in piedi e dimostri inquietudine e appetito: in questo caso si dà una paletta (circa 1 kg).

Il giorno dopo del parto si dà 3 kg di periparto in 2 pasti, sempre che mangino. Il giorno 2 si dà già 5 kg di periparto in 2 pasti e dal terzo giorno 5 kg di lattazione.

Da quando si usa il periparto, il numero di parti in cui fu necessaria l'esplorazione fu uguale a quello di prima, però abbiamo osservato i seguenti miglioramenti:

  • Meno scrofe con stitichezza
  • Maggior rapidità dell'aumento del consumo del mangime di lattazione
  • Maggior produzione di latte durante la lattazione
  • Minore mortalità delle scrofe in sala parto del 30%
  • Minore uso di antibiotici grazie ad una minor presenza di patologie

I risultati ottenuti dopo 6 mesi con questo protocollo con uso del periparto, in confronto con i dati del semestre precedente sono nelle tabelle 1 e grafici 1 e 2:

Tabella 1. Risultati medi dei parametri riproduttivi durante l'ultimo semestre in cui si è utilizzato il mangime periparto rispetto al semestre precedente e nello stesso periodo dell'anno precedente (periodi in cui non si usava un mangime specifico.

  Nº nati totali Nº nati vivi Nº Nati morti % nati morti Nº Svezzati % mortalità in sala parto Numero di parti
Ultimo semestre (uso  periparto) 15.52 13.75 1.77 11.40 12.23 11.05 1276
Semestre precedente 14.83 13.33 1.50 10.11 11.66 12.52 1189
Stesso semestre anno precedente 14.72 13.31 1.41 9.57 11.41 14.27 1124

Sopravvivenza dei suinetti svezzati rispetto ai nati totali
Sopravvivenza dei suinetti svezzati rispetto ai nati totali

Grafico 1. Sopravivenza dei suinetti svezzati rispetto ai nati totali durante l'ultimo semestre (uso di periparto) rispetto al semestre precedente e rispetto allo stesso semestre dell'anno prima (periodi  in cui non si usava periparto).

N° dei suinetti nativi vivi, totali e svezzati per figliata
N° dei suinetti nativi vivi, totali e svezzati per figliata

Grafico 2. Numero di suinetti nati vivi, totali e svezzati per figliata durante l'ultimo semestre (con periparto), rispetto al semestre precedente e rispetto allo stesso semestre dell'anno precedente (senza uso di periparto).

 

Conclusioni

Il periparto è un periodo critico che influenza sia il parto stesso, sia la lattazione. Dalla nutrizione è possibile portare dei miglioramenti significativi per la produzione suinicola.

Nonostante che in questo caso siano aumentati di più i nati totali che i nati vivi, questi si presentavano con maggior vitalità e sopravvivenza rispetto al passato.

Lo svantaggio gestionale è che dobbiamo aggiungere un altro tipo di mangime nel programma alimentare delle scrofe, dovendo somministrarlo manualmente, con il difetto in questo caso di dover entrare nella gabbia parto, dato che le gabbie erano posizionate con la mangiatoia contro il muro; da un'altro lato si è visto un miglioramento dei risultati produttivi in sala parto con conseguente diminuzione di uso di antibiotici e di lavoro, meno figliate hanno dovute essere trattate.

Inoltre si è notato un aumento del consumo totale in lattazione, il cui risultato si osservò nell'omogeneità e peso dei suinetti allo svezzamento; miglioramenti anche per la mortalità e numero di suinetti scartini in svezzamento.

Scrofa in lattazione
Scrofa in lattazione

Figura 3. Scrofa lattante (cortesia  Granja Escoda).

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
10-Mar-2017nicobuongiorn_1nicobuongiorn_1Ciao
Molto interessante, si può sapere la composizione del mangime per il periparto?
Grazie
15-Mar-2017telmatelmaCiao Nico, questa è un esempio di formulazione, meglio comunque sentire un tecnico, dato che si lavora con l'equilibrio di sali minerali e deve essere molto bilanciato.
Mais Macin 90% 25.0000 25.0 24.4 180.000
Orzo 22.0000 22.0 21.8 210.000
Crusca 2 20.0000 20.0 19.6 130.000
Farina Soia 47 15.0000 15.0 14.9 420.000
Polpe Bietola 10.0000 10.0 10.4 200.000
Nucleo 5% 5.0000 5.0 5.5 1340.000
Olio di Soia 3.0000 3.0 3.4 820.000
-----------------------------------
100.0000 100.0 100.0 29180.000
17-Mar-2017nicobuongiorn_1nicobuongiorn_1Ciao Telma e grazie per avermi risposto.
Da quello che ho capito la formula è questa
Mais 25 kg
Orzo 21,8 kg
Crusca 19,6 kg
Soia 15 kg
Polpe di bietola 10kg
Nucleo 5,5 kg
Olio di soia 3.4 kg
Questi ingredienti macinati e miscelati tra di loro.
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags