Leggere questo articolo in:

Probiotici, prebiotici e colostro come supplementi per suinetti vaccinati nei confronti del PRRSV

Lo sviluppo della risposta immunitaria dei suinetti nei confronti del PRRSV non migliora con la supplementazione con probiotici, prebiotici o colostro nei suinetti allo svezzamento...

Mercoledì 13 Settembre 2017 (1 anni 7 mesi 5 giorni fa)
mi piace

Allo svezzamento, il sistema immunitario dei suinetti, purtroppo, non è completamente sviluppato e la protezione immunitaria materna, acquisita attraverso il colostro ed il latte diminuisce. I fattori nutrizionali, inclusi gli additivi per mangimi, possono aiutare a mantenere la risposta immunitaria nei suinetti, tuttavia, il loro impatto sulla risposta vaccinale non è stato ampiamente studiato. Per questo motivo è stata valutata la risposta immunitaria dei suinetti nei confronti di una vaccinazione contro il Virus della Sindrome Respiratoria e Riproduttiva Suina (PRRSV), dopo aver aggiunto diversi additivi nei mangimi.

Per questa prova sono stati utilizzati 4 gruppi di 10 suinetti, in un periodo sperimentale di 39gg. I trattamenti sperimentali utilizzati erano: una dieta controllo (C), una preparazione di lievito autolisata di Saccharomyces cerevisiae (YA) allo 0,2%, colostro bovino in polvere (CM) allo 0,9% ed il probiotico Bacillus cereus var. toyoi (BC) aggiunto a 109 unità formanti colonie/kg di mangime. I suinetti di 3 settimane di vita furono vaccinati contro il virus della PRRS e vennero prelevati campioni di sangue prima della vaccinazione a 7, 21 e 35gg dopo la vaccinazione per analisi di emogrammi completi, citometria a flusso per la fenotipizzazione di differenti sottoinsiemi di linfociti del sangue periferico, anticorpi IgG ed un test ELISpot per rilevare linfociti specifici dell'interferone γ.

I risultati indicarono che le performance dei soggetti non furono influenzate dalle diete sperimentali. I parametri ematologici ed i conteggi delle cellule del sangue completo mostrarono variazioni dipendenti dal tempo, mentre non si osservarono effetti correlati con l'alimentazione. Nelle analisi dei marcatori di superficie dei linfociti si rilevarono variazioni dipendenti dal tempo, però senza effetti associati ai trattamenti sperimentali. Le cellule CD4-CD8α+ raggiunsero i livelli più alti a 21gg dopo la vaccinazione e diminuirono successivamente. Le cellule CD2+ CD5 dimuirono in tutti i gruppi fino al giorno 35. Le cellule CD2+CD5+ vennero riscontrate a livelli costanti durante il periodo di osservazione, mentre le CD2-CD5+ al giorno 21 e le cellule CD4-CD8α+ diminuivano con il tempo. Le cellule doppiamente positive CD4+CD8α+ aumentavano in funzione dell'età in tutti i gruppi. Vennero determinati livelli crescenti di IgG specifiche, però non si è stati in grado di dimostrare effetti dei trattamenti sulle cellule T produttrici di interferone γ. Lo sviluppo del sistema immunitario nei suinetti sembra seguire un modello tipico che dipende dal tempo. Le variazioni osservate nelle altre popolazioni di cellule immunitarie probabilmente sono correlate con l'età.

Nelle condizioni sperimentali di questo studio non si osservò alcun effetto positivo degli additivi nei mangimi.

Speiser, S., Scharek-Tedin, L., Mader, A., Saalmüller, A., Gerner, W., Männer, K., Stadler, K., Zentek, J. (2015). Immune response of piglets on a PRRSV vaccination—Altered by different feed additives?. Livestock Science, 174, 96-104.https://doi.org/10.1016/j.livsci.2015.01.010

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags