Leggere questo articolo in:

Biosicurezza, misure di controllo e prevenzione nelle materie prime

Qual'è il rischio di trasmissione di malattie attraverso l'importazione di materie prime? Molti ingredienti sono prodotti in Cina...

Venerdì 8 Novembre 2019 (2 mesi 10 giorni fa)
mi piace

Introduzione

Dallo scoppio della diarrea epidemica suina (PED) nel Nord America, i ricercatori hanno dimostrato la presenza e l'infettività del PEDV nei mangimi, la sopravvivenza dei coronavirus in vari ingredienti (Trudeau et al 2017) e la trasmissione della PED dagli Stati Uniti al Canada attraverso l'importazione di materie prime di origine suina (Dee et al 2018). Recentemente, è stata dimostrata la sopravvivenza di più virus nelle materie prime per l'alimentazione dei suini. A causa di queste osservazioni in Nord America, sono stati sviluppati piani per ridurre la possibilità di trasmissione di malattie dei suini e l'obiettivo di questo articolo è descrivere le misure sviluppate più di recente...

I virus come contaminanti degli alimenti

In termini di rischio di trasmissione di malattie dei suini, il tipo di genoma ha implicazioni per la sopravvivenza dei virus nell'ambiente e l'efficacia dei trattamenti per inattivare il virus. L'uso del calore per inattivare batteri e altri agenti patogeni è comune negli alimenti e il modo migliore per caratterizzare i virus consiste nell'utilizzare la cinetica di inattivazione (tabella 1).

Tabella 1. Caratteristiche dei virus di interesse in Nord America come contaminanti degli alimenti

Virus Famiglia Genoma Involucro Impatto1 Sopravvivenza2 Resistenza al calore3
Afta Picornaviridae ssRNA, + No 9,0 12/14 D50 = 732-1,275 s
D80 = 2 - 6 s
Peste suina africana Asfaviridae dsDNA, + Si 8,3 10/14 D48 = 638 s
Peste suina classica Flaviviridae ssRNA, + Si 7,7 0/14 N/A
Diarrea epidemica suina Alphacoronaviridae ssRNA, + Si 5,7 5/7 D120 = 1,020 s

1Denominazione delle malattie virali più importanti del Nord America: 1 = meno importante e 9 = più importante (https://www.swinehealth.org/swine-disease-matrix/).
2Sopravvivenza dimostrata in 14 ingredienti (Dee et al., 2018).
3Dati ottenuti da (Knight et al., 2013) e (Trudeau et al., 2017c; Trudeau et al., 2017a). Il valore “D” è il tempo necessario per diminuire la concentrazione del patogeno in una unità logaritmica (90%) alla temperatura indicata nel sotto-indice.

I lavori svolti finora hanno dimostrato che i virus sono in grado di sopravvivere negli ingredienti e nel cibo finito per un tempo sufficiente a infettare gli animali tra i paesi. Tuttavia, va ricordato che esiste una grande differenza tra un contaminante e il rischio. Il contaminante (o il pericolo, hazard in inglese) è l'agente patogeno in grado di danneggiare gli animali; mentre il rischio è la probabilità che l'evento abbia luogo. La Figura 1 mostra che uno squalo è un pericolo, ma l'osservatore non è a rischio quando si trova sulla spiaggia. D'altra parte, sarai a rischio quando sarai esposto con lo squalo nel mare. In questo contesto, è stato dimostrato che i virus sopravvivono nei mangimi. Tuttavia, non hanno dimostrato che i virus sono presenti nella catena di approvvigionamento degli ingredienti.

Figura 1. La differenza tra pericolo e rischio. Fonte: EFSA
Figura 1. La differenza tra pericolo e rischio. Fonte: EFSA

Valutazione della filiera di approvvigionamento delle vitamine

Il Center for Epidemiology and Disease Transmission del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha riunito un gruppo di esperti nell'analisi dei rischi per valutare la possibilità che i virus entrino negli Stati Uniti in diversi modi. Il gruppo di esperti ha classificato il rischio di introduzione della peste suina africana (PSA) come trascurabile (non si verificherà quasi mai) a rischio moderato (pari possibilità di insorgenza e non occorrenza). Tuttavia, questi esperti catalogano il rischio con grande incertezza a causa delle poche informazioni disponibili. A causa di queste incertezze, veterinari e produttori di suini negli Stati Uniti hanno chiesto l'implementazione di programmi di risanamento ambientale e di biosicurezza sia nelle fabbriche di mangimi che nella catena di importazione dei prodotti.

Tabella 2. Sintesi delle vie di introduzione della peste suina africana negli Stati Uniti d'America(USDA-APHIS Veterinary Services)

Via Suini vivi Mangimi (origine animale) Mangimi (origine vegetale)
Legale Non apprezzabile con poca incertezza Basso a moderato con gran incertezza Non apprezzabile a moderato con gran incertezza
Illegale Non apprezzabile a bassa con moderata incertezza Non apprezzabile a bassa con gran incertezza Basso con gran incertezza

Figura 1. Descrizione generale della catena del valore delle vitamine per l'alimentazione degli animali.
Figura 1. Descrizione generale della catena del valore delle vitamine per l'alimentazione degli animali.

La stragrande maggioranza delle vitamine sono prodotte in Cina e, a seconda della vitamina, è quasi impossibile ottenere i volumi necessari per nutrire i suini negli Stati Uniti senza usare vitamine dalla Cina. Pertanto, gli scienziati dell'Università del Minnesota hanno incontrato produttori di suini, produttori e fornitori di vitamine per l'alimentazione animale. Le vitamine sono prodotte in impianti di produzione con rigorosi standard di sicurezza alimentare, programmi di buone pratiche di produzione e certificati di qualità di terze parti. Queste vitamine vengono trasportate nei paesi di destinazione in forma pura senza mescolarsi con altri ingredienti eccipienti. L'eccezione sono le vitamine come la vitamina A, che richiede la miscelazione con gelatina e colina clorato che richiede l'uso di mais. I fornitori di vitamine riconoscono che queste sono in transito e sotto la supervisione dei fornitori per più di 120 giorni, un tempo sufficiente per l'inattivazione del virus Seneca Valley e coprono anche i tempi minimi di ritenzione degli ingredienti raccomandati dai produttori di suini . Tuttavia, nel mercato mondiale ci sono fornitori e rivenditori di vitamine la cui capacità di conoscere l'origine dei prodotti importati è limitata.

Questa sintesi è il risultato di un incontro tra produttori di vitamine e produttori di suini ed è un esempio di collaborazione con l'industria dei mangimi e i produttori di suini per stabilire insieme misure di biosicurezza. Il documento completo può essere consultato Quí (pdf).

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?Se hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags