Leggere questo articolo in:

Sopravvivenza di agenti patogeni virali negli ingredienti dei mangimi in condizioni di trasporto transfrontaliero

I risultati forniscono ulteriori prove del fatto che gli ingredienti contaminati destinati alla produzione di mangimi possono rappresentare un rischio per il trasporto di agenti patogeni a livello nazionale e globale.

Giovedì 19 Aprile 2018 (7 mesi 1 giorni fa)
mi piace

L'obiettivo di questo studio era di valutare, in condizioni transnazionali simulate, la sopravvivenza di agenti patogeni virali di importanza negli animali da macello, negli ingredienti per mangimi importati giornalmente dagli Stati Uniti. Undici virus sono stati selezionati in base alla loro importanza ed impatto globale per l'industria zootecnica, compresi il virus dell'afta epizootica (FMDV), virus della peste suina classica (PSCV), virus della peste suina africana (PSAV), virus di influenza A (IAV-S), virus della malattia di Aujeszky (PRV), virus Nipah (NiV), virus della sindrome riproduttiva e respiratoria dei suini (PRRSV), virus della malattia vescicolare dei suini (SVDV), stomatite vescicolare (VSV), Circovirus Suino di tipo 2 (PCV2) e virus esantema vescicolare dei suini (VESV). Sono stati usati virus sostitutivi con proprietà genetiche e fisiche simili per 6 dei virus studiati. I virus surrogati appartenevano alle stesse famiglie di virus dei patogeni target e includevano il Senecavirus A (SVA) per il virus dell'afta epizootica, il virus della diarrea virale bovina (BVDV) per il virus CSF, tipo herpesvirus bovino 1 (BHV-1) per il virus della malattia di Aujeszky, il virus del cimurro canino (CDV) per il virus Nipah, il sapelovirus suino (PSV) per il virus della malattia vescicolare dei suini (SVDV) e il calcivirus felino ( FCV) per il virus esantema vescicolare dei suini (VESV). Per i restanti virus bersaglio sono stati utilizzati agenti patogeni reali. La sopravvivenza del virus è stata valutata utilizzando modelli transfrontalieri transpacifici o transatlantici che coinvolgono ingredienti di mangime rappresentativi, tempi di trasporto e condizioni ambientali, con campioni analizzati mediante PCR, VI e / o biotest suino.

I virus SVA (che rappresentano FMDV), FCV (che rappresenta il VESV), BHV-1 (che rappresenta l'EAV), PRRSV, PSV (che rappresenta SVDV), PPAV e PCV2 hanno mantenuto la loro infettività durante il trasporto, mentre il BVDV (che rappresenta il PPCV), VSV, CDV (che rappresenta NiV) e IAV-S non ha mantenuto l'infettività. In particolare, sono sopravvissuti più virus nella farina di soia convenzionale, lisina cloridrato, colina cloruro, vitamina D e budella di maiale.
Questi risultati supportano i dati pubblicati sul rischio transfrontaliero di PEDV nei mangimi e dimostrano la sopravvivenza di determinati virus in ingredienti specifici per mangimi ("combinazioni ad alto rischio") in condizioni che simulano il trasporto tra continenti e forniscono prove aggiuntive che gli ingredienti dei mangimi contaminati possono rappresentare un rischio per il trasporto di agenti patogeni a livello nazionale e globale.

Dee SA, Bauermann FV, Niederwerder MC, Singrey A, Clement T, de Lima M, et al. (2018); Survival of viral pathogens in animal feed ingredients under transboundary shipping models. PLoS ONE 13(3): e0194509. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0194509

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags