2 commenti

Leggere questo articolo in:

Effetti dell'alimentazione con DDGS di mais sulla qualità del grasso del suino

Alimentare i suini da ingrasso con diete che includono DDGS (distillers dried grains with solubles) di mais può ridurre il costo di alimentazione e mantenere la crescita, ma riduce la consistenza del grasso della carcassa. Come risolverlo?...

L'industria statunitense dell'etanolo produce circa 38 milioni di tonnellate di sottoprodotti del mais all'anno, di cui circa 8 milioni di tonnellate di distiller secchi di cereali con solubili (DDGS, distillers dried grains with solubles) vanno nelle diete per suini negli Stati Uniti. Inoltre, ulteriori 11 milioni di tonnellate di DDGS vengono esportate in 50 paesi in cui la maggior parte viene utilizzata per l'alimentazione suina. La maggior parte viene usata durante l'accrescimento-ingrasso, e la sua popolarità è dovuta al fatto che il suo costo, generalmente basso, gli consente di essere utilizzato come sostituto parziale della farina di mais e della soia nelle formule per suini. Come risultato di questo significativo risparmio, i nutrizionisti si sforzano di massimizzare i tassi di inclusione nelle formulazioni, mantenendo allo stesso tempo le prestazioni di crescita e la qualità della carcassa. Tuttavia, uno dei potenziali ostacoli all'uso di quantità elevate (> 20%) di DDGS nelle diete per accrescimento-ingrasso è la riduzione della consistenza del grasso della carcassa e della pancetta, che può causare una minore accettazione da parte del trasformatore e del consumatore in alcuni mercati.

I DDGS di mais si differenziano dagli altri ingredienti perché contiene dal 4% al 12% di olio di mais. L'olio di mais contiene alte concentrazioni di acidi grassi insaturi, in particolare l'acido linoleico (C18: 2). Pertanto, quando i suini in accrescimento-ingrasso ricevono diete contenenti elevate quantità di DDGS, con alto contenuto di grassi grezzi, la consistenza del grasso e la qualità del bacon sono ridotti (figura 1, a destra) rispetto a diete a base di farina di mais e soia (figura 1, a sinistra). Questi effetti sono maggiori nelle femmine (rispetto ai maschi castrati) e nei genotipi dei suini molto magri rispetto a quelli delle carcasse più grasse. È importante notare che questo effetto può anche essere osservato quando si fornisce una dieta con alti livelli di vari oli che, come l'olio di soia, contengono un'alta percentuale di acidi grassi insaturi.

Figura 1. Pancetta di suino alimentato con una dieta con farina di mais e soia (sinistra) e con una dieta con il 30% di DDGS con alto contenuto in oli (destra).
Figura 1. Pancetta di suino alimentato con una dieta con farina di mais e soia (sinistra) e con una dieta con il 30% di DDGS con alto contenuto in oli (destra).

Il grasso molle di maiale è un problema perché ha un aspetto "grasso" o oleoso a temperatura ambiente, e il più alto contenuto di acidi grassi polinsaturi può ridurre la durata di conservazione dei prodotti freschi di suino conservati per lunghi periodi di tempo negli stabilimenti al dettaglio. Inoltre, la pancetta eccessivamente morbida può essere più difficile da elaborare e la prestazione di affettare per ottenere pancetta è ridotta. Di conseguenza, sono state fatte molte ricerche per trovare modi per ottimizzare i tassi di inclusione di DDGS nella dieta per ridurre il costo dell'alimentazione senza compromettere la qualità del grasso.

Sebbene negli Stati Uniti non vi siano standard ufficiali sulla qualità del grasso suino, la maggior parte degli impianti di sezionamento e lavorazione della carne di maiale considera accettabile la qualità del grasso suino se ha un indice di iodio (IV-iodine value) inferiore a 74. Il valore di iodio è il rapporto tra il contenuto di acidi grassi insaturi e saturi di un lipide. Il valore dello iodio viene generalmente calcolato dalle concentrazioni di acidi grassi determinate dall'analisi chimica dei lipidi, ma può anche essere determinato direttamente da una specifica procedura di analisi di laboratorio. I maiali nella fase di ingrasso-finissaggio alimentati con diete regolari di farina di mais e soia hanno spesso un IV inferiore a 60, mentre le diete che contengono il 30% di DDGS con un elevato contenuto di olio (> 10% di grasso grezzo) possono spesso aumentare l'IV a più di 74.

Diverse strategie di alimentazione e formulazione dietetiche sono state sviluppate per gestire la qualità del grasso della carcassa e il grasso della pancetta nutrendo i suini in fase di ingrasso-finissaggio con diete che incorporano i DDGS.

1. Uso di fonti di DDGS con minor contenuto di olio (grasso grezzo) per consentire tassi più elevati di inclusione di DDGS nella dieta, riducendo al minimo il contenuto totale di acidi grassi insaturi nella dieta.

2. Formulare diete usando restrizioni per limitare la quantità totale di acidi grassi polinsaturi che consumano i suini in accrescimento-ingrasso. Tuttavia, è importante rendersi conto che diversi depositi di grasso di carcassa (grasso dorsale, grasso del guanciale e grasso di pancetta) rispondono in modo diverso alla composizione e alla quantità di acidi grassi presenti nella dieta. Wu et al. (2016) hanno confrontato l'accuratezza (errore di predizione) e la precisione (bias) dell'uso di varie restrizioni nella formulazione delle diete per raggiungere l'IV desiderata nel grasso dorsale nella carcassa (tabella 1). L'uso di equazioni di predizione basate sulla % di DDGS o la concentrazione di acido linoleico nella dieta generalmente si traduce in una minore accuratezza e precisione, mentre le equazioni di predizione basate sul prodotto a base di iodio (IVP) della dieta consumata al giorno hanno maggiore precisione. Tuttavia, per ottenere la massima accuratezza e predizione dell'IV del grasso della carcassa, è necessaria un'equazione di predizione più complessa (Paulk et al., 2015).

Tab 1. Confronto delle equazioni di previsione per stimare l'indice di iodio (IV) del grasso dorsale della carcassa, il grasso delle guance, la pancetta e la media IV dei 3 depositi di grasso della carcassa (adattato da Wu et al. , 2016).

Deposizione del grasso Equazione R2 Errore di Predizione1 Bias2 Referenza
Grasso dorsale
47,1 + 0,14 × IVP3 ingerito/die 0,86 6,43 -4,95 Madsen et al., 1992
52,4 + 0,315 × IVP dieta - 4,60 -2,15 Boyd et al., 1997
51,946 + 0,2715 × IVP dieta 0,16 6,45 -5,05 Benz et al., 2011
35,458 + 14,324 × % C18:2 dieta 0,73 8,36 -1,08 Benz et al., 2011
64,5 + 0,432 ×% DDGS nella dieta 0,92 8,26 7,10 Cromwell et al., 2011
60,13 + 0.27 × IVP dieta 0,81 5,04 3,05 Estrada Restrepo, 2013
70,06 + 0,29 × % DDGS nella dieta 0,81 9,19 8,00 Estrada Restrepo, 2013
84,83 + (6,87 × IAGE) – (3,90 × FAGE) – (0,12 × Id) – (1,30 × Fd) – (0,11 × IAGE × Fd) + (0,048 × FAGE × Id) + (0,12 × FAGE × Fd) – (0,006 × FNE) + (0,0005 × FNE × Fd) – (0,26 × BF) 0,95 4,01 -0,84 Paulk et al., 20154
Grasso della gola
56,479 + 0,247 × IVP dieta 0,32 4,92 -3,69 Benz et al., 2011
47,469 + 10,111 × %C18:2 nella dieta 0,90 5,57 -1,37 Benz et al., 2011
64,54 + 0,27 × IVP dieta 0,81 6,55 5,66 Estrada Restrepo, 2013
72,99 + 0,24 × % DDGS nella dieta 0,81 8,33 7,38 Estrada Restrepo, 2013
85,50 + (1,08 × IAGE) + (0,87 × FAGE) – (0,014 × Id) – (0,05 × Fd) + (0,038 × IAGE × Id) + (0,054 × FAGE × Fd) – (0,00066 × ENI) + (0,071 × PVI) – (2,19 × CAD) – (0,29 × GD) 0,93 4,73 -3,37 Paulk et al., 20154
Pancetta
58,32 + 0,25 × IVP nella dieta 0,74 3,43 1,41 Estrada Restrepo, 2013
67,35 + 0,26 × % DDGS nella dieta 0,75 6,66 5,53 Estrada Restrepo, 2013
106,16 + (6,21 × IAGE) – (1,50 × Fd) – (0,11 × IAGE × Fd) – (0,012 × ENI) + (0,00069 × ENI × Fd) – (0,18 × PCC) – (0,25 × GD) 0,94 3,27 1,73 Paulk et al., 20154
Media dei 3 depositi di grassi
58,103 + 0,2149 × IVP dieta 0,93 3,93 -2,23 Kellner, 2014
58,566 + 0,1393 × C18:2 ingerito/die, g 0,94 6,17 -4,90 Kellner, 2014

1Errore di predizione (il valore più piccolo indica una maggior precisione dell'equazione)
2Bias di predizione-Prediction bias (il minor valore assoluto indica la maggior precisione dell'equazione, valore negativo indica sottostima e valori positivi indicano sovrastima)
3IVP = Prodotto dell'indice di jodio = IV della dieta ×% lipidi nella dieta × 0,10 (Madsen et al., 1992)
4 Le abbreviature nelle equazioni sono: I = dieta iniziale, F = dieta finale, d = giorni di consumo, AGE = acidi grassi essenziali (C18: 2 e C18: 3,%), EN = energia netta (kcal / kg), PV = Peso Vivo (kg), CAD = consumo di alimento giornaliero (kg), PCC = peso della carcassa a caldo (kg), GD = spessore del grasso dorsale (mm)
.

3. Togliere i DDGS della dieta da 3 a 5 settimane prima della macellazione per permettere che il grasso della carcassa torni ad essere più consistente.

4. . Uso di frumento ed orzo come fonti principali di cereali nelle diete con DDGS al posto del mais per minimizzare l'aumento dell'IV nel grasso delle carcasse.

5. E' ben documentato che l'aggiunta di grassi animali saturi nelle diete con DDGS non provoca un miglioramento della qualità del grasso del suino.

6. Gli additivi alimentari efficaci ed approvati come il GRAS (generally recognized as safe) che sono utilizzati per ottenere il grasso di maiale desiderato e consistente nel bacon nel mercato statunitense si sono dimostrati efficaci quando vengono fornite diete contenenti alti tassi di inclusione di DDGS.

Conclusioni

Alimentare i suini all'ingrasso con diete contenenti DDGS di mais può ridurre sostanzialmente il costo di alimentazione e allo stesso tempo mantenere le prestazioni di crescita, ma riduce la compattezza del grasso della carcassa. Il grasso molle nel suino è una preoccupazione in alcuni mercati in tutto il mondo a causa dei suoi possibili effetti negativi sull'accettazione da parte del consumatore, la riduzione della durata di conservazione dei prodotti freschi, la riduzione delle prestazioni di taglio del bacon e una maggiore complessità della manipolazione dei pezzi. Tuttavia, è possibile ottenere una qualità accettabile del grasso suino limitando la quantità e il tempo durante i quali i DDGS sono forniti nella dieta utilizzando le equazioni di previsione per il valore di iodio del grasso della carcassa, quando si formulano diete per la crescita-ingrasso dei suini.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
29-Mag-2018pandreolpandreolMancano i valori del risparmio della dieta ci dobbiamo fidare? meglio se ce li fa vedere.
Eventualmente verificare se si possono usare per le scrofe.🐷
04-Giu-2018telmatelmaAbbiamo la risposta dell'autore:
"Si, i DDGS possono essere aggiunti al mangime di lattazione fino al 30% e in gestazione fino al 50% senza perdite di performance. Invece per l'ingrasso, posssiamo includere fino al 45% aggiungendo però amminoacidi cristallini per non perdere performance, in ogni caso l'aumentare delle inclusioni di DDGS ai grassi diminuisce linearmente la consistenza del grasso e la resa della carcassa".
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags