Leggere questo articolo in:

Orzo

Valori nutrizionali (comparazione di tabelle, FEDNA, CVB, INRA, NRC e brasiliane), produzione, commercio e studi più recenti sull'orzo...

Venerdì 28 Settembre 2018 (1 anni 2 mesi 14 giorni fa)
1 mi piace

Introduzione

L'orzo (Hordeum vulgare) è una erbacea monocotiledone del ciclo vegetativo annuale della famiglia delle graminacee con grande adattabilità a diversi terreni e zone climatiche. In passato, erano state utilizzate varietà di orzo di 6 tipi (orzo equino) utilizzato per l'alimentazione animale e due varietà (orzo da birra) per la produzione di birra, ma ora la produzione di orzo di 6 varietà è stato ridotto a favore delle 2 varietà in quanto possono essere utilizzate sia per l'industria della birra e del malto che per l'alimentazione animale.

Grani d'orzo (Hordeum vulgare L.). Foto di Sanjay Acharya.
Grani d'orzo (Hordeum vulgare L.). Foto di Sanjay Acharya.

La semente è composta da circa un 3,8% di germe, 18,1% di crusca (pericarpo e testa) e 78,1% di endosperma (incluso l'aleurone). L'orzo contiene livelli relativamente elevati di proteine e minerali rispetto ad altri cereali come il mais ed il sorgo ed un basso contenuto di lipidi. Il chicco d'orzo ha un contenuto zuccherino compreso tra 1,5 e 2,5 per lo più sotto forma di zuccheri solubili (saccarosio e raffinosio), ma differisce sostanzialmente dal resto dei cereali più utilizzati nell'alimentazione dei suini per il suo contenuto di fibre poco lignificate, che può essere il doppio rispetto al mais, sorgo, grano o segale (più simile all'avena). La caratteristica differenziale della fibra dell'orzo è che la maggior parte di essa è costituita da ß-glucani e pentosani, che variano a seconda delle condizioni climatiche e di coltivazione. In effetti, il suo valore energetico (EM / kg) è inferiore a quello del frumento e del mais.

Produzione e commercio

Produzione

Evoluzione della produzione mondiale di orzo per campagna. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori.
Evoluzione della produzione mondiale di orzo per campagna. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori.

I 10 principali paesi produttori di orzo nella campagna 2016/2017. Produzione tra parentesi in migliaia di tonnellate. Fonte: FAS-USDA
I 10 principali paesi produttori di orzo nella campagna 2016/2017. Produzione tra parentesi in migliaia di tonnellate. Fonte: FAS-USDA

Commercio

Evoluzione delle esportazioni di orzo per campagne. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori
Evoluzione delle esportazioni di orzo per campagne. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori

I 10 principali paesi esportatori nella campagna 2016/2017. Quantità di esportazione tra parentesi in migliaia di tonnellate. Fonte: FAS-USDA
I 10 principali paesi esportatori nella campagna 2016/2017. Quantità di esportazione tra parentesi in migliaia di tonnellate. Fonte: FAS-USDA

Evoluzione delle importazione d'orzo per campagne. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori
Evoluzione delle importazione d'orzo per campagne. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori

I 10 principali paesi importatori nella campagna 2016/2017. Quantità di importazione tra parentesi in migliaia di tonnellate. Fonte: FAS-USDA
I 10 principali paesi importatori nella campagna 2016/2017. Quantità di importazione tra parentesi in migliaia di tonnellate. Fonte: FAS-USDA

Studio comparativo dei valori nutrizionali

I sistemi utilizzati nella comparazione sono: FEDNA (Spagna), CVB (Olanda), INRA (Francia), NRC (USA) e brasiliane.

FEDNA CVB INRA NRC Brasile
MS (%) 88,9-89,9 86,7 86,7 89,9 87,1
Valore energetico (kcal/kg)
Proteina grezza (%) 9,6-11,3 10 10,1 11,33 10,8
Estratto etereo (%) 1,7 1,8 1,8 2,11 1,7
Fibra grezza (%) 4,7 4,3 4,6 3,9 4,25
Almido (%) 52,5-51,9 52,8-54,0 52,2 50,21 52,1
Zuccheri (%) 1,6 2,3 2,1 - -
ED crescita 33151-33702 - 3070 3150 3106
EM crescita 32301-32702 - 2970 3073 3019
EN crescita 23251-23452 2390 2280 2327 2305
EN scrofe 23751-23952 2390 2320 2327 2380
Valore proteico
Digeribilità proteina grezza (%) 78 74 75 79 79,5
Composizione aminoacidi (% PG)
Lys 3,6 3,6 3,8 4,5 3,8
Met 1,64 1,7 1,7 2,3 1,67
Met + Cys 3,83 3,9 4 5,2 4,07
Tre 3,31 3,4 3,4 4,1 3,33
Trp 1,2 1,2 1,2 1,5 1,2
Ile 3,5 3,5 3,6 4,2 3,33
Val 4,9 4,9 5,1 5,9 4,44
Arg 4,91 4,9 4,8 6,0 4,91
Digeribilità ileale standardizzata (% PG)
Lys 78 76 75 75 73,7
Met 84 82 84 82 82
Met + Cys 82 80 84 81 82
Tre 79 79 75 76 74,3
Trp 80 77 79 82 76,9
Ile 81 82 81 79 80,6
Val 80 80 80 80 78,9
Arg 83 84 83 85 83,3
Minerali (%)
Ca 0,06 0,05 0,07 0,06 0,05
P 0,32 0,31 0,34 0,35 0,35
P fitico 0,21 0,23 0,187 0,22 0,2
P disponibile 0,11 - - - 0,15
P digeribile 0,10 0,11 0,11 0,158 -
Na 0,02 0,01 0,01 0,02 0,02
Cl 0,12 0,1 0,11 0,12 0,12
K 0,4 0,49 0,48 0,38 0,43
Mg 0,1 0,12 0,11 0,14 0,13

1Orzo 2 varietà nazionali spagnole con un contenuto di proteina grezza del 9,6%
2Orzo 2 varietà nazionali spagnole con un contenuto di proteina grezza del 11,3%

A differenza delle altre tabelle, la FEDNA distingue chiaramente tra due qualità di orzo classificate in base al contenuto proteico, mentre CVB, INRA e Brasile considerano una singola qualità di orzo con valori intermedi (10,0-10,8%) ad eccezione di NRC che è equiparato alla gamma alta di FEDNA come valore unico di proteina (11,3%). Questo fatto è strettamente correlato al fatto che NRC fornisce il valore di fibra più basso seguito da Brasile, INRA e CVB con una correlazione negativa (r2 = -0,83), che è molto marcata tra il contenuto di proteine e fibre (ad eccezione dell'orzo ad elevato contenuto proteico per FEDNA che considera un valore fisso per il contenuto di fibre). La stessa relazione, anche se meno marcata (r2 = 0,56) è osservata tra il contenuto di proteine e amido.

Queste correlazioni hanno un impatto diretto sulla stima del valore dell'energia netta (EN) poiché la chiara correlazione positiva tra il contenuto di amido e la EN è evidente (ad eccezione dell'INRA che stima l'energia al minimo la EN per i valori alti di amido rispetto al resto dei sistemi di valutazione). Va notato che, a differenza del resto dei sistemi di valutazione, NRC fornisce valori più elevati delle proteine per l'orzo (15% rispetto a FEDNA a basso contenuto proteico e stesso valore di alto contenuto di proteine) e grasso (20%), ma inferiore per la fibra (20%), essendo l'orzo un cereale fibroso. Per quanto riguarda il valore energetico, sia INRA che NRC, stimano la EN tra il 2 e il 3% in meno rispetto a FEDNA, mentre BRASILE e CVB sono solo leggermente più alti (0,2 e 0,5%).

In termini di amminoacidi totali, prendendo come riferimento la lisina, si può osservare che, mentre FEDNA e CVB danno valori simili, INRA e Brasile presentano un aumento del 5% del contenuto di lisina. Più estremo è il caso di NRC che ha un valore di lisina del 20% più alto. I valori per il resto degli amminoacidi totali sono abbastanza proporzionali alla lisina. Il coefficiente di digeribilità della lisina è compreso tra il 74% (Brasile) e il 78% (FEDNA), mentre il resto dei sistemi di valutazione (CVB, INRA e NRC) rimane a livelli intermedi del 75-76%. Eccezionalmente, l'INRA fornisce valori superiori di digeribilità degli amminoacidi solforati e l'NRC fornisce un coefficiente di digeribilità più elevato del triptofano.

Risultati recenti

  1. Comparazione del contenuto in energia e digeribilità degli aminoacidi dell'orzo proveniente da diverse origini ​​​​​Differenze nella composizione chimica, nel contenuto di energia metabolizzabile e nella digeribilità ileale apparente (DIA) e standardizzata (DIE) degli AA, sono state osservate tra gli orzi originari dell'Australia, della Francia o del Canada. Il valore nutrizionale dell'orzo proveniente dal Canada e dall'Australia era superiore a quello della Francia, che è un'informazione rilevante quando si formula un mangime utilizzando cereali importati.
  2. Digeribilità ileale apparente e standardizzata di amminoacidi in diversi cultivars di orzo utilizzati in mangimi da ingrasso.
    Si osservano differenze di digeribilità ileale della proteina grezza e degli AA tra varietà di orzo, ma è difficile prevedere la digeribilità ileale standardizzata per la maggior parte degli amminoacidi dell'orzo a causa delle caratteristiche chimiche.
  3. Determinazione e stima del contenuto in energia digeribile e metabolizzabile dell'orzo per i suini da ingrasso a seconda della sua composizione chimica.
    Il contenuto in ED ed EM dell'orzo di diverse origine si può predire con una precisione accettabile, medianti equazioni di regressione quando sono usati nei mangimi da ingrasso.
  4. Il decorticamento parziale aumenta il contenuto di energia e la digeribilità dei nutrienti dell'orzo per i suini da ingrasso.
    La ED e la EM, così come la digeribilità totale apparente dei nutrienti dell'orzo, sia ad elevato o basso contenuto in fibra, migliorano con il decorticamento: il valore nutritivo dell'orzo scarso in fibra e decorticato è comparabile con quello del mais giallo dentato.
  5. La digeribilità ileata standardizzata degli amminoacidi in 8 genotipi di orzo usati nei suini da ingrasso:
    A partire da questo studio, si è creata una completa base di dati con la composizione chimica e DIS della proteina grezza e AA in 8 genotipi attuali di orzo. Tuttavia, siccome i valori di DIS riscontrati sono inferiori a quelli delle tabelle, si richiedono correzioni per minimizzare il rischio di sovrastimare il valore reale della proteina dell'orzo per i suini.
  6. Determinazione delle perdite endogene basali a livello di ileo e della digeribilità ileale standardizzata degli amminoacidi dell'orzo per suini da ingrasso:
    Per ingredienti bassi in proteina, come l'orzo, i metodi di regressione possono dare risultati migliori rispetto alla correzione dei valori di digeribilità ileale apparente per le perdite endogene di AA a livello ileale, determinate dalle condizioni di alimentazione senza N, dato che le intersezioni e le pendenze delle equazioni di regressione lineare tra il contenuto digestivo ileale apparente e la proteina grezza e gli AA totali della dieta, danno stime dirette delle perdite endogene di AA ileali e della digeribilità ileale standardizzata della proteina grezza e degli AA.
  7. L'orzo decorticato o no, selezionato per bassi tenori di acido fitico ha aumentato la digeribilità apparente su tutto il tratto digerente del fosforo e del calcio nelle diete per suinetti:
    L'orzo mutante LPA 955 (M955) è stato efficace, sia per l'orzo intero, come decorticato, nelle diete isocaloriche dei suinetti. I suini alimentati con LPA M955 hanno consumato circa il 31% in meno di P ed hanno escreto circa il 78% in meno di P fecale e c. il 30% in meno di Ca fecale rispetto a quelli alimentati con orzo normale + P inorganico che aveva lo stesso contenuto di P disponibile rispetto alla dieta M955. Per cui, l'orzo LPA, especialmente il M955 con un 95% di P disponibile, riduce l'uso di P inorganico nelle diete suine, riduce la contaminazione da P nel liquame ed aiuterà a raggiungere l'obiettivo di concentrazione di P sostenibile.
  8. L'estrusione di orzo e avena influenzano il microbiota fecale ed il profilo di acidi grassi a catena corta nei suini in accrescimento:
    Si valutò l'effetto dell'estrusione dell'orzo e avena sul microbiota fecale e la formazione di acidi grassi a catena corta utilizzando i suini come modello. L'estrusione dei cereali influenza la composizione e la diversità del microbiota in modo di renderlo meno benefico per la salute, con minor produzione di acido butirrico.
  9. Il frumento e l'orzo influenzano in modo diverso il microbiota intestinale del suino:
    Il frumento e l'orzo influenzano in modo diverso la composizione microbica, in particolare nell'intestino piccolo: l'orzo aumenta la proporzione di Lactobacillus spp:Enterobacteriaceae, che sottolinea il suo potenziale di manipolazione benefica dell'ecosistema microbico intestinale.
  10. I metodi di regressione e quelli diretti non differiscono sulle stime dei valori energetici digeribili e metabolizzabili dell'orzo, sorgo e frumento per i suini Il confronto tra i metodi diretti e di regressione per determinare i valori dell'energia digeribile (ED) e per i valori dell'energia metabolizzabile (ME) di orzo, sorgo e frumento per suini suggerisce che la regressione ed i metodi diretti non forniscono stime diverse di ED ed EM per l'uso di questi cereali nei suini.

Riferimenti

Foreing Agricultural Service. USDA. https://apps.fas.usda.gov/psdonline/app/index.html
FEDNA: http://www.fundacionfedna.org/
FND. CVB Feed Table 2016. http://www.cvbdiervoeding.nl
INRA. Sauvant D, Perez, J, y Tran G, 2004, Tables de composition et de valeur nutritive des matières premières destinées aux animaux d'élevage,
NRC 1982. United States-Canadian Tables of Feed Composition: Nutritional Data for United States and Canadian Feeds, Third Revision.
Rostagno, H,S, 2017, Tablas Brasileñas para aves y cerdos, Composición de Alimentos y Requerimientos Nutricionales, 4° Ed,

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags