Leggere questo articolo in:

Previsioni dei costi dei mangimi nel 2018: soia...

Una grande offerta, una filiera globale efficiente e coordinata garantisce una farina di soia economica, mangimi economici ed alti profitti...

Venerdì 9 Febbraio 2018 (17 giorni fa)

Continuiamo con la discussione dei dati sulla previsione della redditività per la produzione di suini nel 2018. La redditività attesa a fine gennaio di quest'anno negli Stati Uniti è impressionante: $ 25 / capo. Nonostante gli utili storici non distribuiti nel 2013 e nel 2014 a causa della riduzione della produzione del 10%, o poco più, causata dal PEDv, si deve tornare indietro al 2010 per trovare un anno che ha prodotto la redditività attesa per il 2018 Nel 2010 negli Stati Uniti sono stati macellati poco più di 110 milioni di suini con un peso medio vivo di 272 libbre (123,4 kg). L'USDA riferisce che, nel 2017, la macellazione totale ammontava a 121,3 milioni di suini, con una media di 283 libbre (128,4 kg). Si prevede che la produzione totale nel 2018 sarà superiore del 2-4%, a seconda dell'analista. A sua volta, il settore suinicolo si aspetta dei benefici che si sono verificati nella zona in espansione dei cicli di espansione e recessione suina del 1950 degli anni 1980, quando la produzione di suini si guadagnò il soprannome di "cancellatore di mutui" perché i suini spesso hanno pagato prestiti avuti per gli allevamenti, compresi i prestiti agricoli o prestiti per le vacche da latte e bovini da carne degli stessi allevamenti.

La previsione per quanto riguarda i mangimi è un fattore chiave di redditività, come menzionato sopra. Entro il 2018, è attesa la continuazione di costi relativamente bassi e insolitamente stabili. L'ultima volta ci siamo concentrati sul mais e questo mese focalizzeremo la nostra attenzione sui semi di soia che, insieme al mais, sono i due ingredienti principali delle diete dei suini e loro due determinano in larga misura il costo del mangime. Mentre molti altri cereali e semi oleosi possono essere sostituiti sia dalla farina di mais che dalla farina di soia: i loro sostituti presentano una serie di problemi che li rendono, in generale, meno desiderabili.

Come è prevedibile, anche le aree del mondo che guidano la produzione di mais guidano il settore della soia, poiché entrambe le colture possono presentare alcuni risparmi nella rotazione e le caratteristiche del terreno richieste sono simili per entrambi. Il servizio agricolo e alimentare (FAS) dell'USDA riferisce che le proiezioni preliminari per il 2016/2017 e il 2017/2018 mostrano che la produzione mondiale principale proviene dagli Stati Uniti e dal Brasile, situati uno accanto all'altro, con un leggero vantaggio per gli Stati Uniti (120 milioni tonnellate (mt) e 110 mt rispettivamente), seguita da Argentina (56 mt), Cina (14,2 mt), India (10 mt), Paraguay (9,4 mt) e Canada (8 mt).

L'Asia come continente è di gran lunga il principale importatore di soia e la Cina lo è a livello nazionale. La rapida espansione e trasformazione dei moderni sistemi di produzione di pollame e suini ha notevolmente aumentato questa domanda. L'UE-27 è un importante importatore di semi di soia, in particolare dai paesi membri incentrati su suini e polli (Olanda, Germania, Spagna, Francia e Italia).

Nel quadro generale del flusso del commercio mondiale, l'America del Sud esporta soprattutto in Cina, Europa e Malesia, mentre gli Stati Uniti si concentrano su Cina, Messico e Giappone. Pertanto, qualsiasi effetto sulla domanda in una di queste regioni può avere un impatto sui prezzi mondiali. È interessante notare che i grandi operatori finanziari finanziano i raccolti brasiliani fornendo input (più del denaro) come parte del contratto produttivo e quindi controllano il movimento verso la destinazione finale della vendita. Pertanto, organizzano la produzione in termini di genetica, input utilizzati, raccolto, trasporto e successiva lavorazione, come la macinatura o l'estrazione dell'olio. Questi tipi di accordi negli Stati Uniti consentono l'uso di semi con le caratteristiche genetiche più appropriate per ciascuna regione. Le caratteristiche del prodotto sono adattate alla domanda globale in modo che un piccolo numero di aziende coordinino ed eseguano una strategia globale nella produzione, trasporto, lavorazione, esportazione e vendita diretta di semi di soia.

Il Brasile sta crescendo in termini di superficie coltivata, mentre gli Stati Uniti stanno crescendo più lentamente attraverso il progresso genetico e aumentando gradualmente la resa. L'uso della terra è un problema scottante in Brasile e una parte significativa delle colture si trova nella vecchia giungla, con terreni limitati e una minore produttività potenziale a lungo termine. Tuttavia, la produzione aumenta ogni anno, aggiungendo l'eccesso di cereali per mangimi. Se la produzione animale rallenta il suo rapido tasso di espansione, il che sembra probabile nel prossimo anno, potrebbe esserci una situazione rapida e drammatica di eccesso di offerta. Tutte queste condizioni creano un'abbondanza a medio termine di cereali e semi oleosi per l'alimentazione animale, che consente costi di produzione bassi e stabili per la produzione animale in tutto il mondo. La differenza stagionale in entrambi gli emisferi offre un nuovo raccolto ogni sei mesi, che riduce i periodi di scarsa disponibilità tra le colture nello stesso emisfero. Come nel mais, gli stock di soia sono molto alti, così come la produzione mondiale, e tutto ciò genera una previsione di redditività superiore alle attese se la domanda di carne suina continua a crescere. Il mese prossimo, di più...

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags