Leggere questo articolo in:

L'impianto di macellazione-lavorazione carni è l'anello chiave per il successo

Per l'allevatore, indipendentemente dalla sua efficienza, è essenziale allinearsi con un macellatore-trasformatore che abbia dimostrato essere un attore di successo e resiliente a lungo termine con accesso al mercato globale...

Mercoledì 5 Settembre 2018 (2 mesi 13 giorni fa)
mi piace

L'aumento strutturale del 4%, o più, della produzione annuale totale che si è verificata quest'anno negli Stati Uniti ha messo sotto pressione lo "status quo" globale, aumentando la competitività di tutti i paesi il cui futuro richiede una crescita sostenuta attraverso le esportazioni. La capacità di cogliere la crescente domanda globale, guidata dall'aumento dei ricavi, richiederà un costante miglioramento della competitività, che non consiste solo nell'abbassare i costi di produzione o di lavorazione (anche se evidentemente è ancora fondamentale). La resilienza economica di fronte ai picchi di eccesso di offerta, la scarsità di input, la comparsa improvvisa di di malattie che impediscono l'esportazione (come la PSA) la rinegoziazione dei vecchi accordi commerciali o i conflitti bellici regionali che riallineano i partners commerciali, ecc...sarà il fattore determinante del successo a lungo termine.

Riprendiamo, ancora una volta, il discorso sul ruolo del trasformatore di carni suine come il collegamento chiave per la resilienza economica a lungo termine nella lotta dei paesi per una zona redditizia nel crescente commercio mondiale delle carni suine. Iniziamo da qui perché vediamo una sorta di battaglia epica al rallentatore tra i paesi produttori di carne suina per ottenere una posizione redditizia, crescente e duratura nel mercato delle esportazioni. Ciò non può essere raggiunto solo attraverso una produzione efficiente e di alta qualità, poiché sia i segmenti di produzione che quelli di trasformazione devono assumere le caratteristiche di una joint venture ben oleata. Non è essenziale che abbiano lo stesso proprietario (che, tuttavia, non garantisce il successo), ma aiuta, dal momento che le vecchie tradizioni dell'industria e del pensiero di gruppo stanno morendo lentamente.

Ci riferiamo al trasformatore come collegamento chiave, perché solo da questo punto privilegiato può essere catturato l'intero spettro di informazioni, guardando sia all'indietro (produzione di animali vivi e carcasse) che a quelli in avanti (acquirenti finali). Da questo punto centrale, le informazioni possono essere utilizzate o trasmesse così come sono apprese. Per l'allevatore, indipendentemente dalla sua efficienza, è essenziale allinearsi con un trasformatore che abbia dimostrato di essere un attore di successo e resiliente a lungo termine, con accesso al mercato globale (direttamente o indirettamente).

Quali sono alcuni dei modi in cui il binomio allevatore / trasformatore può promuovere o meno la resilienza a lungo termine? La prima e più importante caratteristica che deve avere un trasformatore è essere disposti a condividere con gli allevatori in modo trasparente le informazioni ottenute durante le macellazioni. Ciò include dati importanti come il peso individuale e la qualità. Inoltre, c'è la volontà di aiutare l'allevatore ad ottenere informazioni sui loro suini che possono servire a realizzare investimenti a lungo termine, più accurati, in termini di tecnologia, genetica e caratteristiche delle carcasse in grado di produrre un prodotto premium per il mercato interno e globale? Questa è una caratteristica che si vede solo nelle filiere coordinate, dove i gli allevatori possiedono l'impianto di macellazione-lavorazione. Nelle filiere più arretrate, la maggior parte delle informazioni viene mantenuta perché si ritiene che l'allevatore le possa utilizzare contro la competitività del trasformatore.

Per quanto riguarda il prezzo, che il trasformatore presenti un semplice schema di prezzi per i pesi e la qualità all'allevatore, è una condizione necessaria, ma insufficiente per un successo a lungo termine per entrambe le parti. Frequentemente, queste matrici di prezzo sono costruite dalla distribuzione annuale o trimestrale di tutti i suini ricevuti e sono progettate per mettere sotto pressione l'intero gruppo nella direzione, che più interessa al trasformatore. Un grande allevatore all'interno di questo gruppo non può condividere le stesse caratteristiche medie (pensa al peso medio al macello degli animali e alla variazione dei pesi delle carcasse vendute) dell'intero gruppo, quindi riceverà un profitto diluito sia per la sua produzione, che per compensare i suoi miglioramenti. Inoltre, alcune matrici di prezzo includono incentivi / penalizzazioni per l'allevatore che, in definitiva, riducono solo il costo del trasformatore, piuttosto che il miglioramento del valore finale. Un costo che avrebbe potuto essere ridotto attraverso una migliore amministrazione o il reinvestimento nella tecnologia di trasformazione.

Alcune aziende si rifiutano semplicemente di condividere le informazioni delle macellazioni con gli allevatori se non in forma aggregata (peso totale e prezzo / capo medio), altre le forniscono in formati non elettronici, con cui è complicato lavorare. Altri le forniscono ad intervalli che non sono adeguati per aggiustare la competitività...

Infine, ci sono trasformatori strutturalmente separati dai loro fornitori di suini: questi sistemi ci sono in tutto il mondo e usano intermediari o rivenditori che acquistano i suini e li portano ai macelli di loro scelta. Questi tipi di intermediari bloccano quasi tutte le informazioni utili per gli allevatori. I brokers bloccano le informazioni critiche in entrambe le direzioni e limitano la competitività futura sia dell'allevatore che del trasformatore. Questi tipi di mercati hanno svolto un ruolo importante e necessario nell'assemblaggio in passato, ma attualmente funzionano solo in piccole filiere localizzate e sottosviluppate.

Le filiere regionali devono sviluppare la resilienza economica per ottenere un punto d'appoggio per il futuro del settore suinicolo globale dei suini. Il macellatore-trasformatore è la chiave del successo. I giorni del "nascondere la palla" per mantenere il proprio vantaggio sono finiti. Il vantaggio economico della condivisione di informazioni tra il binomio allevatore/ trasformatore viene sempre più applicato da filiere coordinate che non si trovano nelle sabbie mobili della tradizione. Dobbiamo muoverci in quella direzione o dovremo affrontare un futuro sempre più difficile...

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags