Leggere questo articolo in:

Capire il tradizionale ciclo del suino è la chiave per sapere che influenza avrà la PSA in Cina sui prezzi mondiali

L'attuale situazione in Cina presenta molte similitudini con la vecchia epoca ciclica della liquidazione degli allevamenti...

Martedì 12 Marzo 2019 (8 mesi 1 giorni fa)
mi piace

Il modello migliore che abbiamo per comprendere in che modo la PSA (peste suina africana) in Cina può influire sui prezzi e sulla previsione dei prezzi per i paesi esportatori è ... qualcosa che non succede più... Mi riferisco ai cicli dei prezzi del suino che sono stati prodotti, inevitabilmente, nell'industria dei suini nel momento in cui sono stati allevati all'aperto e nella fase pre-industriale, prima del 1990. Se sei abbastanza vecchio da ricordarlo di prima mano, ricorda la fase della liquidazione e le tue previsioni miglioreranno. Dato che l'esperienza di prima mano di molti allevatori, ricercatori e analisti è sempre più scarsa, l'opinione generale non fornisce informazioni attendibili.

Qui un pò di storia ci aiuterà. Durante il periodo della produzione preindustriale, negli Stati Uniti i suini venivano allevati come assicurazione contro i bassi prezzi del mais. Quando c'erano grandi raccolti di mais, spesso il prezzo non copriva i costi di produzione, quindi gli agricoltori acquistavano suini da ingrasso e aggiungevano valore al mais, trasformandolo in carni suine di maggior valore. A quei tempi era molto comune che molti, se non la maggior parte, producevano suini solo quando il prezzo del mais era basso, quindi, quando i suini diventavano abbondanti consumando tutto il mais in eccesso, il prezzo del suino diminuiva. Quando il prezzo del suino eguagliava il costo di produzione, gli allevatori smisero di comprare suinetti e / o riproduttori e si limitavano a mandare i suini al macello quando raggiungevano il peso di mercato, nello stesso momento in cui cominciavano a mandare le scrofe al macello. A volte alcune femmine molto giovani rimanevano come "gruppo di avvio rapido" per l'anno successivo se i prezzi miglioravano. Con maggior frequenza, vendevano tutti gli animali...

La cosa importante della fase di liquidazione è che il mercato stava già ricevendo (anzi, era già sovraccarico) di suini programmati quando, improvvisamente, arrivava ancora più carne suina quando si macellavano i riproduttori. La chiave è che non tutti gli allevatori liquidavano allo stesso tempo, poiché la decisione era in parte economica e in parte psicologica. Ciò allungava la fase dei prezzi bassi.

La parte economica prevaleva quando i prezzi raggiungevano un punto in cui non erano più redditizi. Dato che questo punto non è lo stesso per tutti gli allevatori, quelli che avevano i costi più alti si ritiravano prima, poi quelli che avevano i costi intermedi e infine quelli che avevano prodotto a un prezzo basso. La parte psicologica consisteva nel tentare di decidere, in un misto di paura e avidità, se il crollo del prezzo fosse temporaneo o sarebbe durato e se finisse per influenzare le tue finanze se non ti fossi liberato immediatamente dello stock. C'era una situazione di alto rischio / alto beneficio se continuavi quando tutti se ne andavano e, se si trattava di produrre un rimbalzo atipico e rapido dei prezzi, diventavi uno dei pochi che potevano vendere e ottenere benefici eccezionali. Sfortunatamente, le possibilità che ciò accadesse erano molto scarse...

Normalmente, la fase di liquidazione iniziava lentamente, aumentava fino alla completa macellazione, prima dei capi da ingrasso, poi dei riproduttori e poi gradualmente diminuiva. Questo processo richiedeva un anno o più per completarlo, prima che il prezzo del suino invertisse il trend. Spesso le situazioni potevano diventare brutte per quelli che rimanevano perché i prezzi normali dei suini erano già molto bassi e l'offerta aggiuntiva dovuta alla macellazione dei riproduttori significava che anche i migliori allevatori erano costretti a chiudere.

Ora esaminiamo la situazione attuale in Cina. Notate le similitudini con la vecchia fase di liquidazione dei suini. Innanzitutto, abbiamo una graduale diffusione della PSA che inizia nell'agosto 2018 ed è ancora attiva oggi, tuttavia, il ritmo dei nuovi casi sembra essere stato ridotto a una manciata nell'ultima settimana di febbraio. Per aumentare la componente psicologica della liquidazione, c'è stata un focolaio per la prima volta nella provincia di Hebei, vicino a Pechino, ricordando a tutti che la risoluzione non è imminente.

Ogni focolaio è stato seguito da un divieto della movimentazione degli animali e da una mini-liquidazione nell'allevamento colpito e in parte nella produzione circostante. Il divieto di movimentazione e la liquidazione che, in alcuni casi include strategicamente animali sani, che i proprietari portano al macello per evitare possibili perdite future, fa sì che le carni suine siano abbondanti nei mercati del "fresco" e che i prezzi crollino . I prezzi bassi e la carne abbondante non sono buoni amici delle importazioni. Le fonti indicano che la maggior parte dei divieti sulle movimentazioni iniziali relativi ai focolai sono stati risolti e che diverse province nell'importante area agricola della Cina centrale sembrano essere indenni dalla PSA. Possiamo aspettarci che questa situazione continui per diversi mesi. Un dettaglio interessante da notare è che il prezzo delle azioni delle principali società produttrici del paese è aumentato drasticamente negli ultimi 30 giorni, indicando che gli investitori si fidano del potenziale aiuto del governo.

Quando la carne suina comincia a scarseggiare, a causa delle liquidazioni iniziali associate ai primi casi, i primi allevamenti che recuperano o quelli che non sono stati infettati, aumenteranno nuovamente la produzione per coprire qualsiasi domanda. Dobbiamo anche tenere conto del rallentamento dell'economia cinese e di altri elementi che modereranno la domanda, cosa che abbiamo già analizzato il mese scorso e si vedrà che è molto probabile che la fase di liquidazione che ha avuto luogo finora abbia un impatto molto limitato sul prezzo mondiale del suino. Ovviamente, nuovi focolai in Cina, negli Stati Uniti o in altri casi nel cuore dell'UE, o in aree chiave come Spagna, Germania, Italia o Danimarca potrebbero modificare completamente la situazione...

Articoli correlati

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags