Leggere questo articolo in:

I problemi si succedono uno dopo l'altro

Inondazioni, peste suina africana, guerre commerciali, ondate di calore... come verranno influenzati i profitti mai visti che si prevedevano?...

Domenica 14 Luglio 2019 (3 mesi 30 giorni fa)
mi piace

I rischi e gli shock inaspettati non sono nuovi per i produttori di suini di tutto il mondo. La differenza è che di solito non si verificano contemporaneamente malattie che rappresentano una minaccia esistenziale, inondazioni, ondate di calore torride, guerre doganali, scarsi raccolti, uso degli alimenti come arma strategica per bloccare le importazioni da specifici paesi (si pensi al Canada), sovrapproduzione ed altre calamità (pensate ai vostri problemi locali). E, nonostante questo, ci sono profitti, sì, profitti ovunque, ma cominciano a ridursi...

È così strano avere l'attuale livello di profitti a luglio nell'emisfero settentrionale? Sembra probabile che i suini spagnoli stiano perdendo peso a causa dell'intenso calore, quindi il normale aumento dei prezzi stagionali estivi dovrebbe aumentare ulteriormente i profitti degli allevatori, senza alcun ulteriore aiuto da parte delle esportazioni.

Non vi è dubbio che la domanda di carni da parte delle regioni in cui si sta diffondendo la peste suina africana, la Cina e il Sud-Est asiatico, è dietro questi profitti, poiché assorbono carni suine da tutto il mondo. Il mercato grigio, il mercato nero, i mercati regolari e gli intermediari, riescono a malapena a dormire mentre usano la carne con strategie raffinate per ridurre al minimo i problemi specifici di approvvigionamento ed i vari prezzi. Sono addestrati per ottenere tutte le carni suine di cui hanno bisogno, con una previsione minima sul prezzo.

Se si aggiungono a questi fattori tutti gli argomenti discussi in precedenza in questa sezione, si avrà un'influenza torbida che impedirà che si verifichino benefici esplosivi e a livelli mai visti prima, che molti membri del settore suinicolo si aspettavano in precedenza. Negli Stati Uniti, continuiamo a vedere come le previsioni sui prezzi per dicembre di quest'anno diminuiscono sempre di più, come gli attuali prezzi di mercato, sebbene generino profitti, stanno cadendo più rapidamente rispetto ad un'estate normale...

Una delle minacce emergenti alla redditività, che sta appena iniziando a essere valutata, sono le enormi inondazioni primaverili che hanno colpito gli Stati Uniti e che hanno saturato l'intera "fascia di mais" (corn belt), essendo particolarmente gravi nell'Est (Illinois, Indiana e Ohio). I prezzi del mais sono già aumentati di $ 1,00 / bushel ($ 40 / t) sul mercato in contanti correnti, aggiungendo circa $ 7,50-10,00 a capo al costo totale di produzione (scrofa e suino da macello) per animali di peso pari a 280 lb (127 kg) al macello. Quello che stiamo iniziando a vedere, nei prossimi mesi è l'aumento del costo dell'alimentazione e la riduzione del prezzo del suino.

L'USDA di solito attende che la coltivazione di soia e mais sia completamente germogliata prima di apportare modifiche sostanziali alla produzione annuale prevista. In un anno normale, questo sarebbe successo settimane fa, ma quest'anno non è ancora avvenuto nell'intera fascia di mais (corn belt). Ricordate il proverbio quasi sempre infallibile che dice "la pioggia fa grano" (“rain makes grain”) e anche se è difficile mantenere la fiducia nel proverbio quando l'acqua copre gli stivali, la storia dice che devi fidarti del ritornello senza tener conto dell'umidità che bagna i tuoi piedi. Un grande stoccaggio, un maggior numero di ettari coltivati a mais rispetto al previsto ed enormi raccolti di mais e soia in programma in Argentina e Brasile probabilmente impediranno che questo aumento dei costi di produzione diventi un incubo.

L'ultimo censimento dei suini dell'USDA (27 giugno 2019) è stato davvero impressionante. Negli Stati Uniti ci sono più suini che mai (almeno da quando è iniziato il censimento, a metà degli anni '60). Il numero di suini da macello è aumentato del 4% rispetto all'anno precedente e il peso medio alla macellazione è stato aumentato, e in luglio si è mantenuto (attualmente è 281,5 libbre, 127 kg), solo rallentato da penalizzazioni sostanziali applicato agli animali con i pesi più alti del camion. Stiamo osservando una lenta, ma persistente tendenza a concentrare l'ingrasso nell'Iowa ed il movimento degli allevamenti (e l'espansione che portano) verso gli stati vicini come il Missouri, l'Illinois e il Nebraska. Il Dakota del Sud, che confina con l'Iowa al confine nord-occidentale, osserva anche qui un'espansione delle scrofe, mentre diminuisce nella Carolina del Nord.

Conoscere i cambiamenti nelle principali tendenze della filiera suinicola statunitense aiuta a prevedere questi movimenti prima che l'USDA li confermi. Abbiamo già scritto in precedenza sui motivi di grandi gruppi di allevatori nell'investire in grandi impianti di macellazione-lavorazione e confezionamento (i più recenti sono gli impianti Clemens Coldwater, Triumph e Prestage Eagle Grove). L'hanno fatto per essere in grado di "vedere" in entrambe le direzioni (davanti e indietro della filiera) e ottimizzare così i loro investimenti a lungo termine. A questo bisogna aggiungere che le consolidate società di consulenza veterinaria hanno creato un servizio integrale di pianificazione, acquisizione e costruzione di nuovi siti, consulenza genetica e vendite / acquisti, gestione della produzione, servizi di marketing, acquisto di macelli e, sì, anche di servizi veterinari! L'emergere di questi grandi gruppi e il loro continuo consolidamento competitivo è alla base di quanto indica la relazione di giugno dell'USDA "Hogs and Pigs Report": produttività media record, lo spostamento geografico della produzione per ottimizzare i costi sanitari e altri (come mangimi e trasporti) e per avvicinarsi ai relativi macelli. Il modo in cui questi gruppi affrontano la prima grande sfida di redditività sostenuta, ci fornirà indizi sulle tendenze future: aumento del consolidamento o riduzione dei rischi, riduzione al minimo della frammentazione e ritorno alla specializzazione. La Storia è la storia dell'ascesa e della caduta delle tendenze della moda di tutti i tipi (History is the story of the rise and fall of bandwagons of every kind.)...

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags