Leggere questo articolo in:

Aumento dei ritorni: è colpa della gestione o della PRRS?...

In un allevamento PRRS+ aumentano i ritorni in pieno aumento del censimento delle scrofe e nel cambio di gestione in bande da 3 settimane a 1...

Il caso reale che viene esposto è avvenuto in un allevamento di 800 scrofe produttive nel processo di aumento del parco scrofe fino a 1150 scrofe produttive, con un forte rinnovo con l'introduzione di scrofette durante l'anno. Lavoriamo in gruppi di 3 settimane e pianifichiamo il passaggio alla gestione settimanale quando il censimento raggiunge le 1000 scrofe. L'allevamento storicamente ha percentuali di ritorni globali attorno al target set del 10%, la maggior parte di questi ritorni sono ciclici, la seconda più frequente sono le tardive (perdite di gestazione nei box comuni).

La comparsa di percentuali rilevanti di ritorni aciclici è limitata ai periodi di instabilità della PRRS.

Prima fase del caso. Ricircolazione della PRRS

Durante il secondo trimestre del 2017 aumentano i ritorni aciclici e tardivi, così come le nascite premature. È un episodio simile ad altri sperimentati in precedenti occasioni in cui è ricircolata la PRRS. Inoltre, abbiamo una percentuale più elevata di scrofette in allevamento per essere in piena crescita del censimento, il che aumenta il rischio. Queste scrofette attraversano una quarantena minima di 90 giorni in un edificio isolato, indipendente dal resto dell'allevamento, sono immunizzate con vaccino vivo commerciale e sono sempre testate con fluidi orali prima di trasferirle in gestazione: se i test analitici sono positivi con la PCR, le scrofette vengono trattenute fino a quando non danno risultati negativi.

Nonostante tutte queste misure di immunizzazione, controllo e relativamente buona biosicurezza interna, i veterinari erano consapevoli che durante l'aumento del censimento c'era un maggior rischio di ricircolo della PRRS.

Prima del verificarsi dei suddetti ritorni aciclici e di alcuni aborti, vengono prelevati campioni e, come previsto, viene diagnosticato il ricircolo della PRRS. Tutte le solite misure sono state prese rapidamente, controllando la situazione.

Seconda Fase del caso. Ricompaiono i ritorni aciclici

L'allevamento rimane stabile per poco più di un mese, quando i ritorni aciclici ricominciano a comparire. Immediatamente i problemi vengono nuovamente attribuiti alla PRRS. In questa occasione, i veterinari non prendono nemmeno i campioni perché "è come al solito" e le misure di controllo vengono applicate direttamente.

Dopo un mese di ritorni aciclici e con le classiche misure di controllo adottate nei ricircoli, non si osserva alcun miglioramento di questi ritorni. Di fronte a questo fatto, ci rivolgiamo immediatamente all'analisi dei dati per cercare una guida poiché questo "ricircolo" non risponde ai modelli precedenti.

Effettivamente, dopo aver osservato i dati preliminari, viene comprovato che i ritorni tardivi sono molto minori che durante l'episodio di PRRS del trimestre precedente (Figura 1, in arancione).

Figura 1. Tipo di ritorni nei periodi con problemi di ritorni.

Ritorni
Totali Precoci Ciclici 1 Aciclici Ciclici 2 tardivi
Secondo trimestre 2017 116 6 38 28 3 41
Terzo trimestre 2017 119 8 41 29 14 27

A partire da questa tabella, viene deciso di analizzare in profondità i ritorni aciclici che si mantengono esattamente uguali nei 2 trimestri (Figura 1, in blu).

L'analisi del 2° trimestre del 2017 (causa diagnosticata come ricircolazione della PRRS mediante test di laboratorio) mostra che la maggior parte dei ritorni aciclici avviene nelle scrofette (Figura 2).

Figura 2. Distribuzione dei ritorni aciclici. Secondo trimestre del 2017. ID-1ªC = intervallo svezzamento a prima copertura.
Figura 2. Distribuzione dei ritorni aciclici. Secondo trimestre del 2017. ID-1ªC = intervallo svezzamento a prima copertura.

Tuttavia, analizzando il modello dei ritorni aciclici del terzo trimestre, viene rilevato che ora i ritorni NON sono scrofette e che il 67% delle scrofe con ritorni aciclici del primo ritorno, ha un intervallo di svezzamento alla prima copertura (ID-1ªC ) maggiore di 8 giorni (Figura 3).

Figura 3. Distribuzione dei ritorni aciclici. Terzo trimestre del 2017. ID-1ªC = intervallo svezzamento a prima copertura.
Figura 3. Distribuzione dei ritorni aciclici. Terzo trimestre del 2017. ID-1ªC = intervallo svezzamento a prima copertura.

Osservando questo drastico cambio di pattern, vengono immediatamente presi dei campioni ed i risultati mostrano che il virus della PRRS è stabile, quindi pensiamo ad un'altra causa: la fase di gestione in bande da 3 settimane a bande settimanali.

Come accennato all'inizio, l'allevamento sta aumentando il censimento per superare le 1000 scrofe produttive, quindi si decide di passare da bande a 3 settimane a bande settimanali per facilitare la gestione.

Per fare questo, un terzo delle scrofe viene trattato con ormoni per ritardare la comparsa del calore una settimana e quindi essere in grado di distribuire un lotto svezzato in tre settimane (Figura 4). Viene analizzata la situazione di queste scrofe.

Figura 4. Processo del passaggio da bande a 3 settimane (B3S) a bande settimanali.
Figura 4. Processo del passaggio da bande a 3 settimane (B3S) a bande settimanali.

Come si può vedere nel gruppo delle figure 5, le scrofe con un ID-1ªC> 8 giorni rappresentano esattamente un terzo delle scrofe totali svezzate durante questo periodo di tempo. L'87% di loro sono state coperte nelle date che si adattano a questi calori ritardati con ormoni dovuto al passaggio alle bande settimanali. I loro ritorni superano più del doppio dell'altro gruppo (ID-1ªC <8 giorni) e il 41% di esse sono acicliche.

Si è concluso che la causa di questi ritorni aciclici è molto probabile che abbia origine nei trattamenti ormonali falliti. Le scrofe vanno in estro a 5 giorni dopo lo svezzamento, ma non vengono coperte fino a 12 giorni, il che sarebbe il tempo previsto con un corretto trattamento ormonale.

ID- 1ªC < 8 giorni ID-1ªC > 8 giorni
% di scrofe 68 % 32 %
Ritorni 9,8 % 19,4 %
Ritorni aciclici 19 % 41 %

Figure&nbsp;5. Ripartizione dei ritorni delle&nbsp;scrofe che stanno passano alla gestione settimanale.
Figure 5. Ripartizione dei ritorni delle scrofe che stanno passano alla gestione settimanale.

Normalmente, si associano i ritorni aciclici a problemi sanitari, specialmente negli allevamenti infetti dalla PRRS o dall'influenza.

Tuttavia, l'origine di un problema non dovrebbe mai essere dato per scontato solo perché è simile ad altre esperienze precedenti.

Ancora una volta, una corretta analisi dei dati aiuta i professionisti responsabili a scoprire le possibili cause dei problemi negli allevamenti.

Casi Clinici

Aumento improvviso dei ritorni...27-Ago-2018 28 giorni fa

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags