Leggere questo articolo in:

FAO: produzione e commercio globale delle carni suine nel 2018, analisi flussi import export

Secondo la FAO, la produzione mondiale di carne suina nel 2018 ha registrato una crescita marginale e le esportazioni mondiali sono aumentate dell'1,6% anno su anno.

Martedì 23 Aprile 2019 (6 mesi 30 giorni fa)
mi piace

Produzione di carne

Secondo il "Rassegna del mercato delle carni della FAO: sintesi dell'evoluzione del mercato mondiale della carne nel 2018", la produzione mondiale di carni suine nel 2018 è stimata in 120,5 milioni di tonnellate, registrando una crescita marginale dello 0,6% rispetto al 2017.

  • In Cina, la contrazione della produzione di carne suina non era del tutto imprevedibile, dato l'inizio della peste suina africana (PSA), che già alla fine di dicembre aveva provocato l'abbattimento di 950.000 suini. Il settore era sulla strada della ripresa fino all'inizio della diffusione della PSA, anche se c'era già preoccupazione per l'aumento dei costi dei mangimi dovuto all'aumento dei prezzi della soia a causa della maggiore richiesta dalla produzione di nutrire il sistema di produzione industriale e la disputa commerciale che ha portato a tariffe più elevate per la soia importata dagli Stati Uniti d'America.
  • In Brasile, la produzione di carne suina è stata inferiore di circa il 3% rispetto al 2017. All'inizio dell'anno la produzione ha sofferto a causa della perdita di domanda di importazioni dopo la scoperta di frodi nei controlli dei prodotti a base di carne, nota come Operazione " Carne Fraca ". Successivamente, lo sciopero dei trasportatori interruppe la fornitura di cibo in diverse zone del Brasile e il trasporto di animali e carne verso i mercati. Inoltre, i prezzi del mais sono aumentati di oltre il 50%, mentre i prezzi alla produzione sono diminuiti, minando ulteriormente gli incentivi per i produttori.
  • Si stima che la produzione di carne suina in Vietnam è diminuita del 2,4% nel 2018, a causa dell'instabilità del mercato negli ultimi anni. Dopo diversi anni di espansione della produzione, si è verificata una situazione di eccesso di offerta, che ha fatto crollare i prezzi della carne suina nel 2017, causando una perdita di reddito per gli allevatori di suini. In risposta, gli allevatori hanno ridotto il patrimonio suinicolo. Tuttavia, nel 2018, in seguito agli avvertimenti sull'esplosione della peste suina africana nell'Unione europea, il governo ha sospeso le importazioni, aumentando i prezzi di mercato di quasi il 200 per cento a metà del 2018, rispetto allo stesso periodo del 2017 .
  • In Ucrania, la produzione di carne suina è diminuita per il terzo anno consecutivo, a causa di una serie di fattori: la riduzione dello stock riproduttivo, la diffusione della PSA, la riduzione della domanda da parte dei consumatori a causa del basso potere d'acquisto, riduzione degli aiuti pubblici e perdita di mercati esteri.

Al contrario,

  • Nell'Unione Europea, dopo una contrazione nel 2017, la produzione di carni suine è rimbalzata del 2,5% a 24,3 milioni di tonnellate nel 2018, sostenuta da prezzi interni favorevoli che hanno portato ad un aumento della popolazione suina. Tuttavia, dalla metà del 2018, i prezzi hanno iniziato a indebolirsi a causa della riduzione degli ordini di importazione.
  • Si stima che la produzione di carne suina negli Stati Uniti è aumentata del 2,9% a quasi 12 milioni di tonnellate nel 2018. L'aumento del numero di macelli è dovuto a un inventario più ampio, stimato a 75,5 milioni di suini a partire dal 1 settembre, il più alto censimento registrato dal 2009.
  • Nella Federazione Russa, la produzione di carni suine è stimata a 3,8 milioni di tonnellate nel 2018, quasi l'8% in più rispetto al 2017, confermando la costante crescita del settore negli ultimi anni. L'aumento del contributo degli allevamenti su larga scala che sono ben integrati con altre attività agricole, compresa la produzione di mais, è stato un fattore importante.

Export di carni suine

Le esportazioni mondiali di carne suina sono stimate a 8,4 milioni di tonnellate nel 2018, con un aumento anno su anno dell'1,6%. Questo è stato il risultato dell'aumento delle esportazioni da Stati Uniti, Unione Europea, Cile e Messico, parzialmente compensate dalle contrazioni delle esportazioni in Brasile, Canada e Vietnam. Gran parte del commercio allargato era dovuto a maggiori acquisti dalla Repubblica di Corea, dal Messico, dalla Colombia e dalle Filippine.

  • L'espansione delle esportazioni di carne suina dagli Stati Uniti è stato il risultato di abbondanti disponibilità di esportazioni, prezzi competitivi e stabilità costante delle importazioni dal Messico e dal Giappone, nonché un aumento delle vendite nella Repubblica di Corea e in Colombia, che ha compensato tra l'altro le ridotte vendite alla Cina.
  • Le esportazioni di carni suine dall'Unione Europea sono aumentate, parzialmente recuperando da un calo delle esportazioni nel 2017 (-8,4%), a seguito della resilienza del settore, bilanciando la forte restrizione delle importazioni cinesi con l'espansione delle esportazioni verso destinazioni alternative, tra cui Giappone, Repubblica di Corea, Stati Uniti e Filippine.
  • Le esportazioni di carni suine dal Cile e Messico, sebbene siano rimaste sotto le 200.000 tonnellate, sono aumentate significativamente nel 2018, con un maggiore accesso al mercato in Cina, Giappone, Repubblica di Corea, Federazione Russa e Stati Uniti.

Al contrario,

  • Le esportazioni di carni suine dal Brasile sono diminuiti di quasi il 6%. A seguito di un divieto imposto dalla Federazione Russa, le esportazioni del Brasile verso quel paese sono diminuite da 325.000 nel 2017 a circa 8.600 tonnellate nel 2018, con un calo del 97%. Tuttavia, ciò è stato compensato dall'aumento delle esportazioni verso destinazioni alternative, in particolare verso Cina, Singapore, Argentina, Uruguay e Cile.
  • Le esportazioni di carne suina dal Canada sono diminuite leggermente, come conseguenza della riduzione delle esportazioni verso gli Stati Uniti e la Cina. La diminuzione delle vendite di carne suina in Vietnam è dovuta alla riduzione della produzione di carne suina.

Importazione di carni suine

Le importazioni mondiali di carni suine nel 2018 erano dominate da Cina, Giappone, Messico, Repubblica di Corea e Stati Uniti, che insieme rappresentavano il 70% delle esportazioni mondiali.

  • Anche se rimane il più grande importatore di carni suine nel mondo, le importazioni da parte della Cina sono diminuite dell'8,5%, il che ha ulteriormente ridotto le importazioni dal picco del 2016.
  • Le importazioni da parte del Giappone si sono mantenute stabili, allo stesso livello del 2017.
  • Nella Repubblica della Corea, la popolarità della carne suina ha continuato a guidare gli aumenti delle importazioni, principalmente dagli Stati Uniti, dall'Unione Europea e dal Canada.
  • Le importazioni della Federazione Russa sono diminuite fino al 72%, principalmente a causa delle restrizioni imposte alle importazioni di carne e dall'aumento della produzione nazionale.

Aprile 2019/ FAO.
http://www.fao.org

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

22-Nov-201915-Nov-201908-Nov-201901-Nov-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui