Leggere questo articolo in:

Impatto della carenza di anidride carbonica (CO2) sul settore delle carni del Regno Unito e non solo...

La carenza di anidride carbonica può influire sull'offerta di carni e prodotti a base di carni per i consumatori del Regno Unito poiché è ampiamente utilizzata nell'industria di trasformazione delle carni.

Giovedì 19 Luglio 2018 (4 mesi 22 giorni fa)
mi piace

L'anidride carbonica è utilizzata per il confezionamento dei prodotti ad atmosfera modificata e come metodo di stordimento non cruento al momento della macellazione. Una carenza di CO2 interesserà quindi un'ampia varietà di alimenti, dalla carne cotta e fresca ai pasti preparati e alle insalate preconfezionate.

Mentre alcune centrali di CO2 hanno accettato di riavviare le operazioni dopo la chiusura per la manutenzione programmata, le forniture fresche inizieranno ad uscire lentamente verso le aziende nelle prossime settimane. Ciò significa che possiamo aspettarci che la catena di approvvigionamento alimentare continui a essere interrotta durante questo periodo, il che comporta un costo.

Gli effetti nascosti della carenza di CO2 si faranno sentire molto al di là di ciò che il consumatore vede sugli scaffali dei supermercati. Se i macelli e gli impianti di lavorazione della carne non sono in grado di accogliere gli animali e di elaborare i prodotti, vi è il rischio che gli animali ritornino agli allevamenti e, di conseguenza, un problema di benessere animale.

È diventato chiaro che la CO2 svolge un ruolo fondamentale nel processo di produzione di alimenti e bevande e che le imprese potrebbero dover interrompere se non sono in grado di garantire un'offerta adeguata. Alcune aziende del settore della carne semplicemente non hanno altri metodi di produzione che non sono a base di CO2, e la riconfigurazione dei loro impianti non è un'opzione. Ciò significa che le aziende stanno già chiudendo le loro linee di produzione e chiedono al personale di non andare al lavoro, il che ha un impatto sui salari dei dipendenti e mette sotto pressione le finanze delle aziende.

Questa crisi ha evidenziato il fatto che la catena di approvvigionamento alimentare del Regno Unito è alla mercé di un piccolo numero di grandi produttori di fertilizzanti (quattro o cinque società) sparsi in tutta l'Europa settentrionale, e i loro sottoprodotti dei loro impianti sono essenziali per mantenere la nostra catena alimentare in movimento.

I produttori di fertilizzanti e, per estensione, i loro consumatori che consumano CO2 nell'industria alimentare e delle bevande dipendono dal fatto che i prezzi delle materie prime e la domanda di nitrato di ammonio rimangono elevati. Se questo va giù (come è avvenuto quest'anno), viene prodotto meno fertilizzante, le fabbriche rallentano la produzione e chiudono prima. Il risultato è che le riserve di CO2 si stanno esaurendo.

Sebbene questo non sia un grosso problema per i produttori di fertilizzanti, è di importanza molto più strategica per la sicurezza alimentare del Paese.

Sabato 7 lugliot 2018/ British Meat Processors Association/ Regno Unito.
http://britishmeatindustry.org

Articoli correlati

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

07-Dic-201830-Nov-201823-Nov-201816-Nov-2018

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui