Leggere questo articolo in:

La PSA, peste suina africana, in Vietnam causa una scarsezza di carni suine

La PSA ha causato una significativa diminuzione della popolazione di suini nel paese, dove vi è il maggior consumo pro capite di prodotti a base di carni suine del sud-est asiatico...

Lunedì 22 Luglio 2019 (4 mesi fa)
mi piace

A causa della presenza di peste suina africana (PSA) nel paese, il Vietnam potrebbe avere un deficit di circa 500.000 tonnellate di carne suina, quasi il 20% della domanda nel periodo tra questo mese di luglio e l'inizio dell'anno 2020 , secondo le informazioni pubblicate da Viet Nam News, che fa eco a un rapporto di consulenza della Ipsos Business Consulting, raccolto da ICEX.

La recente diffusione della PSA, praticamente in tutto il paese, ha portato all'abbattimento di oltre 3 milioni di suini, secondo le ultime informazioni fornite dal Ministero dell'Agricoltura del Vietnam. La mancanza di inventario per soddisfare le esigenze del mercato e, soprattutto, la preoccupazione installata tra i consumatori per quanto riguarda la sicurezza alimentare dei prodotti locali stanno anche aumentando la domanda di prodotti di marca con maggiore qualità e tracciabilità garantita, così come le importazioni di carni suine dagli Stati Uniti, dal Canada, dalla Spagna, dalla Germania, dalla Polonia e dalla Francia, che sono salite alle stelle negli ultimi quattro mesi.

Il Vietnam è il più grande consumatore di carne suina pro capite nel Sud-Est asiatico, con circa 31,3 chilogrammi per persona all'anno e un consumo totale annuo di oltre tre milioni di tonnellate. Grazie a questo, questa repubblica si è posizionata come il quinto mercato più grande del mondo e ha sviluppato un'importante industria locale. Questa copre oltre l'80% del fabbisogno di consumo interno, ma, tuttavia, offre ancora un prodotto non competitivo in un'area in cui il fattore determinante nella decisione di acquisto è il prezzo.

Questa situazione e l'esistenza di opportunità di business per le società straniere hanno incoraggiato la crescita delle esportazioni spagnole negli ultimi anni, che ha permesso alla Spagna di posizionarsi come uno dei principali fornitori stranieri, con una stretta quota di mercato al 7%.

Secondo i dati offerti dai database ICEX, le vendite spagnole di carni suine in Vietnam hanno rappresentato circa 201 milioni di euro nel 2018, oltre il 30% rispetto a quanto realizzato nell'anno precedente.

I dati relativi ai primi quattro mesi dell'anno in corso, sui quali esistono già statistiche ufficiali, riflettono anche un aumento superiore al 30% e ciò è stato particolarmente significativo nel caso dei prodotti raggruppati sotto la voce Taric come "frattaglie commestibili congelate ", in cui l'aumento delle vendite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno ha raggiunto il 60% con l'aggiunta di quasi due milioni di euro.

Giovedì 11 luglio 2019/ ICEX/ Spagna.
https://www.icex.es

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

22-Nov-201915-Nov-201908-Nov-201901-Nov-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui