Leggere questo articolo in:

Integrazione con una combinazione di vitamina D3 e 25(OH)D3 nelle scrofe

La combinazione di vitamina D3 e 25 (OH) D3 nelle diete per scrofe migliora il livello di vitamina D tanto nelle madri che nei loro suinetti...

Martedì 3 Settembre 2019 (2 mesi 12 giorni fa)
mi piace

È stato suggerito che la 25-idrossivitamina D3 (OH) D3) abbia una potenza biologica maggiore rispetto alla vitamina D3, migliorando l'assorbimento di calcio e fosforo e come regolatore della funzione immunitaria. Il ruolo principale svolto dalla vitamina D3 è importante per la crescita ed il mantenimento di uno scheletro funzionale al fine di mantenere la salute e migliorare il benessere e la longevità.

L'obiettivo del presente studio era determinare se l'alimentazione con una combinazione di vitamina D3 e 25 (OH) D3 influenzasse il livello di vitamina D nelle scrofe e nei suinetti neonati, la morfometria delle fibre muscolari alla nascita ed allo svezzamento e oltre alla successiva performance di crescita. A tale scopo, un totale di 69 scrofe a 3gg dalla copertura sono state assegnate ad uno dei tre trattamenti dietetici: (i) 1.500 UI / kg di vitamina D3 (CON), (ii) 500 UI / kg di vitamina D3 + 25 µg / kg 25 (OH) D3 (DL) e (iii) 1.500 UI / kg di vitamina D3 + 50 µg / kg di 25 (OH) D3 (DH).

Come risultato, rispetto alla morfometria delle fibre muscolari, i suinetti provenienti da scrofe alimentate con CON avevano meno fibre primarie rispetto ai suinetti provenienti da scrofe alimentate con il trattamento DH. I suinetti delle scrofe CON e DL mostrarono una maggior rapporto di fibre muscolari secondarie rispetto alle primarie, rispetto ai suinetti provenienti dalle scrofe DH.

Per quanto riguarda i metaboliti sierici, sono state osservate interazioni trattamento × tempo sia nelle scrofe che nei suinetti. In ogni momento, le concentrazioni sieriche di 25 (OH) D3 nelle scrofe erano sempre più alte in quelle alimentate con la dieta DH e più elevate allo svezzamento per tutti i trattamenti. Alla nascita, i suinetti di scrofe DH avevano concentrazioni più elevate di 25 (OH) D3 nel siero rispetto ai suinetti di scrofe DL.

Infine, allo svezzamento, le concentrazioni sieriche di 25 (OH) D3 erano più elevate nei suinetti di scrofe DH, seguite da suinetti di scrofe CON. Il colostro raccolto entro 12 ore dal parto conteneva meno 25 (OH) D3 del latte raccolto il giorno 21 di lattazione. Indipendentemente dal tempo, le concentrazioni di 25 (OH) D3 nel latte erano più alte nelle scrofe DH, seguite da DL e quindi CON.

In conclusione, la combinazione di vitamina D3 e 25 (OH) D3 nella dieta materna non ha influenzato le prestazioni di scrofe o suinetti. Tuttavia, la combinazione ha migliorato il livello di vitamina D delle scrofe e dei loro suinetti e ha aumentato le fibre muscolari primarie dei suinetti alla nascita, sebbene il numero totale di fibre muscolari non sia migliorato né alla nascita né allo svezzamento.

Thayer, M. T., Nelssen, J. L., Langemeier, A. J., Morton, J. M., Gonzalez, J. M., Kruger, S. R., Ou, Z., Makowski, A. J., & Bergstrom, J. R. (2019). The effects of maternal dietary supplementation of cholecalciferol (vitamin D3) and 25 (OH) D3 on sow and progeny performance. Translational Animal Science, 3(2), 692-708. https://doi.org/10.1093/tas/txz029

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags