Leggere questo articolo in:

Effetti dell'uso di diete con diversi livelli proteici sulla qualità delle carni suine

Le diete a basso contenuto proteico possono migliorare la qualità delle carni nei suini in accrescimento ed in ingrasso, ma bisogna prestare attenzione...

Martedì 2 Ottobre 2018 (2 mesi 8 giorni fa)
mi piace

La proporzione delle fibre muscolari svolge un ruolo importante nella qualità della carne e può essere regolata attraverso la dieta. Un'inadeguata fornitura di proteine causa cambiamenti nelle concentrazioni di AA liberi nel muscolo, i quali sono stati valutati come possibili marcatori biochimici della qualità delle carni suine. Tuttavia, non ci sono abbastanza ricerche sull'effetto del livello proteico sul muscolo.

L'obiettivo del presente studio era di valutare l'effetto sulla qualità della carne dell'uso di una dieta ridotta in proteina grezza (PB) integrata con AA nei suini in crescita ed in ingrasso. Per questo, sono stati effettuati due test. Nel primo studio, 18 suini in accrescimento (36,5 kg di PC) sono stati assegnati in modo casuale ad una delle tre diete a base di mais e soia che contenevano il 18% di PB (proteina normale, NP); 15% PB (basso contenuto di proteine, LP) o 12% PB (molto basso contenuto di proteine, VLP).

Nel 2° esperimento, altri 18 suini da ingrasso (62,3 kg di PC) sono stati assegnati in modo casuale a una delle tre diete: 16% PB (NP); 13% PB (LP) e 10% PB (VLP). Le diete LP e VLP di entrambi gli esperimenti sono state completate con AA cristallini per ottenere lo stesso contenuto di lisina, metionina, treonina e triptofano digeribile ileale standardizzato.

Alla fine di ogni studio, i campioni di muscolo longissimus dorsi (LM) sono stati prelevati da tutti i suini. I campioni sono stati utilizzati per determinare la qualità della carne, il contenuto di grasso intramuscolare (GRIN), la composizione di acidi grassi, il profilo degli AA liberi e l'espressione genica della catena pesante isoforme della miosina.

I suini in accrescimento ed in ingrasso alimentati con diete LP hanno mostrato un valore superiore di a* nella LM, mentre i suini da ingrasso alimentati con diete LP e VLP hanno rivelato una diminuzione dei valori di forza al taglio (decreased shear force values). Rispetto alla dieta NP, i suini in accrescimento ed in ingrasso alimentati con diete basse in PB avevano contenuti GRIN e MUFA più elevati e quindi contenuti in PUFA inferiori. Inoltre, sono state osservate alte concentrazioni di taurina e AA liberi (per le quali si suggerisce che producono carne più gustosa) nei suini in crescita e in ingrasso alimentati con la dieta VLP.

I risultati sembrano indicare che le diete a basso contenuto proteico (riduzione del 3% di PB nella dieta) potrebbero influenzare positivamente la qualità della carne dei suini in crescita e in ingrasso, probabilmente attraverso la regolazione del contenuto di GRIN e composizione degli acidi grassi, caratteristiche delle fibre e profilo degli AA liberi nel muscolo.

Li, Y. H., F. N. Li, Y. H. Duan, Q. P. Guo, C. Y. Wen, W. L. Wang, X. G. Huang, and Y. L. Yin. 2018. Low-protein diet improves meat quality of growing and finishing pigs through changing lipid metabolism, fiber characteristics, and free amino acid profile of the muscle. Journal of animal science 96: 3221-3232. https://doi.org/10.1093/jas/sky116

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags