Leggere questo articolo in:

Applicazioni pratiche dei probiotici nella produzione suina

I probiotici possono aumentare l'assunzione di cibo nelle scrofe, proteggere i suinetti contro le diarree, migliorare la qualità della carne, ecc...

Lunedì 13 Maggio 2019 (11 giorni fa)
1 mi piace

I probiotici sono utilizzati in tutte le fasi della produzione suina: allevamento, svezzamento e ingrasso. In generale, il loro uso mira a stabilire un microbiota sano, a migliorare la salute, il benessere e la produttività dei suini (Cho et al., 2011). Tuttavia, se siamo più specifici, l'applicazione pratica (o il risultato) dell'uso dei probiotici può essere diversa in ogni contesto (vedi tabella 1). Questo articolo descrive brevemente le principali applicazioni per le quali sono state valutate nelle diverse fasi della produzione suina.

Tab 1. Principali applicazioni dei probiotici nel settore suinicolo. Adattato da Barba-Vidal et al. "Practical aspects of the use of probiotics in pig production: A review". Livestock Science 223 (2019) 84–96.

Scrofe
  • Riduzione dei segni clinici delle patologie uterine / mammarie
  • Aumento del consumo dei mangimi durante le ultime fasi di gestazione o in lattazione
  • Miglioramento della condizione corporale alla fine della lattazione
  • Riduzione dell'intervallo svezzamento–calore grazie alla mobilitazione dell'energia
  • Migliora la qualità del colostro e la qualità e quantità del latte
  • Riduzione dei patogeni intestinali nelle scrofe e/o suinetti
  • Modulazione dell'immunità della figliata
  • Miglioramento della dimensione della figliata
  • Miglioramento dell'indice di crescita dei suinetti
  • Riduzione dei segni clinici delle diarree nei suinetti
  • Trasferimento dei probiotici ai suinetti
  • Modulazione della risposta allo stress
Svezzamento
  • Modulazione del microbiota intestinale del suinetto
  • Protezione nei confronti di batteri patogeni, squilibri gastrointestinali e diarree
  • Miglioramento della funzione della barriera intestinale
  • Modulazione dell'immunità
  • Miglioramento della digeribilità, del tasso di crescita e della conversione alimentare
  • Miglioramento dei parametri produttivi nei suinetti
  • Supplementazione di nutrienti specifici
Suini all'ingrasso
  • Miglioramento della qualità delle carni
  • Miglioramento della digeribilità
  • Riduzione delle contaminazioni mediante la riduzione del NH3-N fecale
  • Riduzione delle infezioni patogene subcliniche o zoonosi
  • Riduzione della mortalità
  • Miglioramento degli incrementi ponderali
  • Miglioramento della salute intestinale

Scrofe e suinetti lattanti

La somministrazione di trattamenti probiotici alle scrofe ha mostrato un doppio potenziale, includendo sia i benefici per loro che per i suinetti. L'integrazione con probiotici nelle scrofe, può aumentare l'assunzione di cibo durante le fasi finali della gravidanza o della lattazione, migliorando le condizioni corporali alla fine della lattazione (Bohmer et al., 2006). Questa situazione è auspicabile perché potrebbe ridurre la necessità di mobilitare energia durante la lattazione. A sua volta, ciò potrebbe spiegare la riduzione dell'intervallo svezzamento-calore che è stato descritto anche con l'uso dei probiotici (Hayakawa et al., 2016). Sono stati anche descritti i vantaggi relativi alle performance riproduttive nelle scrofe. Ad esempio, un aumento del numero di suinetti (Apic et al., 2014) o tassi di crescita più elevati con un peso maggiore allo svezzamento (Alexopoulos et al., 2004). Inoltre, una riduzione dei patogeni intestinali (Kritas et al., 2015), dei segni clinici di patologie uterine e / o mammarie (Apic et al., 2014), insieme a minori segni clinici di diarrea nei suinetti ( Taras et al., 2006). Infine, c'è un crescente interesse scientifico per valutare la capacità delle scrofe di trasferire i probiotici ai suinetti nelle loro fasi iniziali della vita (Scharek-Tedin et al., 2015).

Suinetti in svezzamento

Fino ad oggi, lo svezzamento è il periodo in cui i probiotici ricevono più interesse per la produzione di suini, con l'obiettivo di migliorare il risultato dello svezzamento (de Lange et al., 2010). I suinetti svezzati hanno una bassa resistenza alle malattie, il che li rende vulnerabili alle reazioni dello stress e all'invasione da parte di microrganismi patogeni (Konstantinov et al., 2006). Questo può essere un problema serio, poiché questo periodo è considerato critico in termini di produttività perché le performance nella prima settimana dopo lo svezzamento può essere correlata con le performance finali fino al peso di mercato per la macellazione (Kats et al., 1992).

Potenzialmente, i probiotici possono essere utili nei suinetti in diversi modi. Ad esempio, è stato descritto che l'integrazione nello svezzamento con i probiotici può prevenire o migliorare le diarree (Bhandari et al., 2008), ripristinare l'equilibrio microbico dopo una transitoria riduzione dei batteri benefici (Krause et al., 2010), proteggere contro i batteri patogeni (Casey et al., 2007), migliorano la funzione di barriera intestinale (Guerra-Ordaz et al., 2014) e stimolano l'immunità (Lessard et al., 2009). In molti casi è stato descritto che i probiotici hanno migliorato i parametri produttivi dei suinetti svezzati come conseguenza di uno, o una combinazione, dei motivi precedenti (Ahmed et al., 2014, Bhandari et al., 2010).

Suini all'ingrasso

L'obiettivo principale dell'uso dei probiotici in questa fase sarebbe il miglioramento della produttività. La letteratura scientifica pubblicata finora sosterrebbe l'idea che, sebbene i suini di questa età abbiano maggiore immunità e capacità di resistere ai problemi intestinali, c'è ancora spazio per i probiotici per agire e migliorare la crescita; specialmente nelle prime fasi di ingrasso o in diete ad alta densità (Meng et al., 2010). Altri obiettivi che possono essere perseguiti con l'uso dei probiotici in questa fase, sono il miglioramento della qualità della carne e delle sue proprietà organolettiche, dal momento che è stato descritto che i probiotici influenzano il colore, l'infiltrazione del grasso e la consistenza della carne (Černauskienė et al., 2011); e riducono potenziali infezioni zoonotiche come Salmonella spp. (Casey et al., 2007). Infine, un altro campo interessante, ma poco esplorato, è la riduzione degli inquinanti ambientali nei liquami. È stato descritto che diversi probiotici sono in grado di ridurre potenzialmente i contaminanti ambientali dei liquami, quali l'idrogeno solforato (H2S, molto tossico) o l'ammoniaca (NH3), specialmente nei suini alimentati con diete ad alta densità di nutrienti (Yan e Kim , 2013). I meccanismi diretti di questi effetti sono ancora sconosciuti, sebbene ci siano probabilmente meccanismi indiretti coinvolti, come il miglioramento dell'efficienza alimentare, la ritenzione dei nutrienti e la modulazione del microbiota intestinale.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags