Nutrizione

Transizione alle diete senza ossido di zinco (2/2): gli additivi...

Figura 1. Effetti della sostituzione del ZnO (3.000ppm) con una miscela di acidi organici e monogliceridi di acidi grassi a media catena (OA+MG-AGCM, 8kg/t) nella fase starter nei suinetti (8 repliche/trattamento, 12 suinetti per replica). Il modello includeva il trattamento, la dimensione dei suinetti all'nizio (P<0,001 per il peso finale e l'accrescimento) e la loro interazione (P>0,05). EEM=errore standard dalla media.

E' molto difficile che un solo additivo sia capace di simulare gli effetti dell'aggiunta di antibiotici o di ZnO. Per questo, sarà necessario combinare gruppi di additivi in acqua e nel mangime, per agire in maniera preventiva e curativa... All'interno della nutrizione, sarà necessario prendere tutta una serie di misure che si possono raggruppare in 5 linee...

... continua a leggere (+)

Effetto dello stress da caldo sulla digeribilità degli amminoacidi nei suini

Correlazione tra la temperatura ambientale e la temperatura corporea dei suini (r2 = 0.90)

I suini esposti a condizioni di stress da caldo aumentano la propria temperatura corporale e si vedono con le villosità intestinali accorciate, le quali aumentano le perdite di AA endogeni e riducono l'abbondanza di trasportatori di AA nell'intestino, la digeribilità ileale apparente e standardizzata degli AA...

... continua a leggere (+)

Alimentazione delle scrofe ad libitum in sala parto

24-Apr-2017 (5 mesi 27 giorni fa)
Scrofe appena coperte con eccessiva perdita di condizione corporale

Quando le scrofe non vengono soddisfatte nei loro fabbisogni nutrizionali, ottengono quanto è necessario dalle proprie riserve energetiche e proteiche per poter mantenere la produzione lattea. Durante la prima settimana di lattazione è quando osserviamo la maggior parte del deficit, questo perchè quello che mangia la scrofa non riesce a compensare la crescente produzione di latte, fino a 10 giorni dopo il parto...

... continua a leggere (+)