Leggere questo articolo in:

UE: Accordo sulle pratiche commerciali sleali nella catena di approvvigionamento alimentare, vedi Linee Guida

Le pratiche commerciali sleali nell'accordo di filiera alimentare proteggeranno tutti gli agricoltori dell'UE.

Venerdì 4 Gennaio 2019 (5 mesi 12 giorni fa)
mi piace

Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione hanno raggiunto un accordo politico su una nuova serie di norme che garantiranno, per tutti gli agricoltori dell'UE e la grande maggioranza dell'agricoltura dell'UE contro le pratiche contrarie ai principi di buona fede e lealtà.

La nuova legislazione UE riguarda i prodotti agricoli e alimentari commercializzati come parte della catena di approvvigionamento alimentare e vietati per la prima volta fino a 16 pratiche commerciali sleali imposti unilateralmente da un partner commerciale. Altre pratiche saranno consentite solo se concordate in termini chiari e non ambigui tra le parti interessate.

La Commissione europea ha presentato la sua proposta legislativa nell'aprile 2018 per garantire una maggiore equità nella catena alimentare e garantire un livello minimo di protezione in tutta l'Unione. Questa è la prima volta che la legislazione europea sarà attuata in questo settore. Il nuovo quadro conferisce agli Stati membri il potere di applicare le nuove norme e di imporre sanzioni in caso di infrazioni.

Alla riunione negoziale finale con i rappresentanti del Parlamento europeo e del Consiglio, il commissario per l'agricoltura e lo sviluppo, Phil Hogan, ha dichiarato al riguardo: "L'accordo concluso oggi sotto forma di una direttiva è la prima a questo riguardo in quanto fornisce una protezione importante a tutti gli agricoltori dell'UE, alle loro organizzazioni e alle piccole e medie imprese. Saranno ora protetti da tutti i principali operatori che agiscono ingiustamente e al di fuori delle regole. Vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti i negoziatori per il loro approccio costruttivo e il loro duro lavoro nel raggiungere l'accordo politico di oggi. Sono particolarmente lieto che l'accordo sia stato raggiunto in un tempo notevolmente breve, solo otto mesi dopo la presentazione della proposta da parte della Commissione. "

L'accordo di oggi si applicherà a chiunque sia coinvolto nella catena di approvvigionamento alimentare il cui fatturato massimo è di 350 milioni di euro, con livelli di protezione differenziati al di sotto di questa soglia. Le nuove norme riguarderanno dettaglianti, trasformatori alimentari, grossisti, cooperative o organizzazioni di produttori o singoli produttori che adottano una delle pratiche commerciali sleali individuate.

Tra divieto commercio sleale includere: i ritardi di pagamento dei prodotti alimentari deperibili, la cancellazione di ordini all'ultimo minuto, le modifiche unilaterali e retroattive ai contratti, l'obbligo per il prestatore di pagare per il cibo sprecato e il rifiuto di stabilire contratti scritti.

Altre pratiche saranno consentite solo se concordate in termini chiari e non ambigui tra le parti, vale a dire: il ritorno al fornitore del cibo invenduto da parte dell'acquirente; il fatto che un fornitore deve pagare un anticipo all'acquirente per ottenere o mantenere un accordo di fornitura per i prodotti alimentari; il finanziamento da parte del fornitore della promozione o della commercializzazione dei prodotti alimentari venduti dal compratore.

L'implementazione di queste pratiche non comporterà aumenti dei prezzi per i consumatori. Nella consultazione pubblica della Commissione prima della presentazione della proposta, le organizzazioni dei consumatori hanno incoraggiato la regolamentazione di queste pratiche a causa del loro impatto negativo a lungo termine sui consumatori.

Il fatto che gli Stati membri possano introdurre nella loro legislazione nazionale una soglia di oltre 350 milioni di euro o adottare altre misure se lo desiderano è un elemento importante di questa legislazione. L'accordo prevede anche una clausola di revisione quadriennale; in altre parole, significa che le disposizioni dell'atto legislativo dovranno essere riviste durante la prossima legislatura.

Gli Stati membri dovranno designare le autorità per far rispettare le nuove norme, tra cui l'imposizione di sanzioni e l'esame dei reclami. I reclamanti possono richiedere il rispetto della riservatezza per prevenire possibili ritorsioni. La Commissione istituirà un meccanismo di coordinamento tra le autorità di controllo per facilitare lo scambio di buone pratiche.

L'accordo raggiunto oggi sarà seguito da un voto al Parlamento europeo e al Consiglio per approvare formalmente il testo. Una volta adottati integralmente, gli Stati membri

Contesto

Il programma di lavoro 2018 della Commissione afferma che "proporrà misure per migliorare il funzionamento della filiera alimentare per aiutare gli agricoltori a rafforzare la loro posizione sul mercato e proteggersi dagli shock futuri". ".

L'iniziativa presentata oggi segue i commenti del presidente Juncker per la catena alimentare nel suo discorso sullo stato dell'Unione 2015 e il 2016, ed è una risposta politica alla risoluzione del Parlamento europeo adottata nel giugno 2016, invitando la Commissione europea a presentare una proposta per un quadro europeo sulle pratiche commerciali sleali. Da parte sua, il Consiglio ha invitato la Commissione nel dicembre 2016 per effettuare una valutazione d'impatto per fornire un quadro legislativo o di altre misure non legislative che consentono l'Unione affronti pratiche commerciali sleali.

La Commissione ha lavorato sin dall'inizio del suo mandato per promuovere una catena di approvvigionamento alimentare più equa ed equilibrata. Nel 2016, la Commissione ha istituito il gruppo di lavoro sui mercati agricoli (AMTF- Agricultural Markets Task Force ) per valutare il ruolo degli agricoltori in tutta la catena di approvvigionamento alimentare e formulare raccomandazioni su come ottenerlo e come potrebbe essere rafforzato. Sulla base di tali raccomandazioni, nel 2017 la Commissione ha avviato una valutazione d'impatto iniziale e una consultazione pubblica sul miglioramento della catena di approvvigionamento alimentare, che a sua volta ha individuato le pratiche commerciali sleali alle quali gli operatori dovrebbero spesso affrontare.

In un recente sondaggio di opinione pubblica su scala europea, pubblicato nel febbraio 2018, una grande maggioranza di intervistati (88%) ha ritenuto importante rafforzare il ruolo degli agricoltori nella filiera alimentare. Il 96% di coloro che hanno risposto alla consultazione pubblica del 2017 sulla modernizzazione della PAC ha concordato con la proposta di migliorare la posizione degli agricoltori nella catena del valore, compresa la lotta alle pratiche commerciali sleali dovrebbe essere un obiettivo della politica agricola comune dell'Unione.

Mercoledì 19 dicembre 2018/ CE/ Unione Europea.
http://europa.eu/rapid

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

14-Giu-201907-Giu-201931-Mag-201924-Mag-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui