Leggere questo articolo in:

Stati Uniti: Campylobacter e Salmonelle, i principali agenti zoonotici nel 2016

Il report della Foodborne Diseases Active Surveillance Network della CDC (FoodNet) fornisce le informazioni più aggiornate sulle malattie trasmesse dagli alimenti negli USA.

Giovedì 27 Aprile 2017 (2 anni 6 mesi 16 giorni fa)
mi piace

Campylobacter e Salmonella sono state le principali cause di malattie di origine alimentare batterica negli Stati Uniti nel 2016, secondo i dati preliminari diffusi dalla CDC. Il report della Foodborne Diseases Active Surveillance Network della CDC (FoodNet) fornisce le informazioni più aggiornate sulle malattie trasmesse dagli alimenti negli USA.

FoodNet raccoglie i dati, sul 15% della popolazione degli Stati Uniti. I siti FoodNet hanno segnatato 24.029 infezioni alimentare, 5512 ospedalizzazioni e 98 decessi nel 2016. Il numero di malattie trasmissibili da germi sono stati causati da Campylobacter (8547), Salmonella (8172), Shigella (2913), E. coli (produttori tossina Shiga), Cryptosporidium (1816), Yersinia (302), Vibrio (252), Listeria (127) e Cyclospora (55). E' la prima volta che il rapporto include anche il numero totale di infezioni tra le quali le infezioni batteriche di origine alimentare diagnosticate solo da test diagnostici rapidi attraverso FoodNet. In precedenza, il rapporto includeva solo le infezioni batteriche di origine alimentare confermate solo con i metodi tradizionali basati sulle colture.

Le infezioni da Salmonella Typhimurium, spesso legate alla carne di manzo e pollame, è sceso del 18 per cento nel 2016 rispetto alla media 2013-2015. La continua riduzione di Salmonella Typhimurium può essere dovuto a misure di regolamentazione per ridurre la contaminazione da Salmonella nel pollame e la vaccinazione dei polli da parte dei produttori. Le infezioni di E. coli produttori della tossina Shiga, Yersinia e Cryptosporidium sono aumentate. Questi aumenti sono probabilmente a causa dei recenti test rapidi disponibili che rendono le infezioni più facile da diagnosticare, piuttosto che un vero aumento dei casi di malattia.

I nuovi dati riflettono la crescente popolarità dei test rapidi conosciuti come coltura con esami diagnostici indipendenti o CIDT(
culture-independent diagnostic tests). Questi test più veloci possono avere benefici immediati per il trattamento, ma non fornire le informazioni necessarie per stabilire se l'infezione è resistente agli antibiotici o è legata a un focolaio. Risultati positivi nei test rapidi possono essere seguiti con test basati su colture per avere  dati più dettagliati.

Giovedì 20 aprile 2017/ CDC/ Stati Uniti.
https://www.cdc.gov

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags

Ultima ora

Bollettino settimanale di notizie del mondo dei suini

Non sei iscritto nella lista

08-Nov-201901-Nov-201925-Ott-201918-Ott-2019

Fai il log in e spunta la lista

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui