Leggere questo articolo in:

Diete alternative alla soia e caratteristiche fisico-chimiche e sensoriali della carne suina

Le fonti alternative proteiche, come microalghe o larve di insetti, non compromettono le caratteristiche finali di qualità delle carni suine...

Martedì 29 Ottobre 2019 (1 mesi 14 giorni fa)
mi piace

La limitazione delle aree disponibili per la coltivazione, insieme alla dipendenza dell'Unione europea dalle importazioni di soia per alimentare una popolazione in crescita con una domanda crescente di proteine animali, porterà all'uso di nuove alternative alla produzione di farina di soia come fonti proteiche, comunemente usate negli alimenti per gli animali. In questo campo, le microalghe e gli alimenti a base di insetti sono diventate due possibili alternative.

L'obiettivo di questo studio era di determinare l'impatto sulle caratteristiche fisico-chimiche e sensoriali delle carni suine dall'uso di fonti alternative di proteine nella dieta. In particolare, è stata valutata la sostituzione dietetica della farina di soia con microalghe di Spirulina (Arthrospira platensis) o larve di mosca nera soldato (Hermetia illucens) parzialmente sgrassate.

A tale scopo, un totale di 48 suini (Pietrain x (Large White × Landrace)) (22 ± 1,6 kg PC) sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi sperimentali e un controllo con due repliche. I trattamenti sperimentali consistevano in una dieta di controllo (a base di soia) e due diete integrate, in cui il 50%, nella replica 1, e il 75%, nella replica 2, di farina di soia veniva sostituito da Spirulina ( SP) o larve di Hermetia illucens (HI) parzialmente sgrassate. Le diete della prima fase (25-50 kg di peso corporeo) sono state somministrate per 5 settimane e quelle della seconda fase per 3 settimane, fino a quando gli animali hanno raggiunto i 75 kg di PV. La fase di ingrasso (6 settimane) comprendeva una sostituzione al 100% della farina di soia. Le qualità fisico-chimiche e sensoriali delle carni suine sono state controllate nelle abituali condizioni degli imballaggi industriali (imballaggi in atmosfera modificata altamente ossigenati-highly-oxygenated modified atmosphere packaging ).

Valori più elevati di acidi grassi polinsaturi sono stati osservati in entrambi i gruppi alternativi. Per quanto riguarda i parametri sensoriali, le fonti di proteine SP e HI hanno prodotto odori generali più marcati rispetto al gruppo di controllo, mentre solo HI ha prodotto valori di succulenza significativamente più elevati rispetto ai gruppi di controllo (e SP ).

In conclusione, i prodotti finali differivano di poco dal controllo, per quanto riguarda gli aspetti sensoriali e le differenze riscontrate nei prodotti risultanti dall'alimentazione alternativa, il che poteva essere interpretato come miglioramenti sensoriali.

Altmann, B. A., Neumann, C., Rothstein, S., Liebert, F., and Mörlein, D. (2019). Do dietary soy alternatives lead to pork quality improvements or drawbacks? A look into micro-alga and insect protein in swine diets. Meat science. https://doi.org/10.1016/j.meatsci.2019.03.001

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags