Leggere questo articolo in:

Come posso smettere di tagliare le code in maniera routinaria?

Le normative europee indicano che prima di procedere al taglio delle code devono essere prese altre misure per evitare le morsicature, quindi un'analisi approfondita deve essere fatta in ogni allevamento...

Uno degli aspetti che negli ultimi anni ha posto maggiormente l'accento su ciò che si riferisce al benessere del suino è il taglio della coda e la connessione diretta con la morsicatura delle code. La situazione attuale è quella che il taglio delle code non è proibito, però bisogna evitare che il taglio delle code sia una pratica routinaria. La situazione di partenza, generalizzata in tutto il mondo, è che la pratica del taglio della coda è stata la tecnica utilizzata per evitare le morsicature. Con il taglio delle code non solo è stata prevenuta la comparsa delle morsicature nei suini in fase di crescita ed in ingrasso, ma ha anche ridotto al minimo l'impatto in caso di episodi.

Secondo i regolamenti europei, ogni paese dell'UE, ad eccezione di Svezia e Finlandia, dove il taglio delle code è severamente vietato, ha dovuto presentare un piano d'azione alla DG Santé, che ha il compito di verificare che si rispettino gli obiettivi stabiliti. Allo stesso modo, l'HFAA (Health and Food Audits and Analysis) è l'organismo responsabile della verifica della conformità di questi piani d'azione. Secondo le informazioni che abbiamo, al di là delle normative dell'UE, non c'è nessun altro paese europeo che abbia legiferato in termini di limitazione del taglio delle code nei suini e inoltre non conosciamo alcuna iniziativa privata in questo senso.

Sulla base della legislazione sul benessere dei suini in Europa, l'attenzione deve essere cambiata per cercare di evitare le morsicature delle code nei suini con mezzi diversi dal taglio della coda.

La grande domanda: Come posso smettere di tagliare le code in maniera routinaria?

Il normativa indica che può essere eseguito solo "quando vi sono prove che si sono verificati lesioni alle code di altri suini".

Ma in aggiunta, la normativa indica che prima di procedere al taglio delle code bisogna adottare altre misure che prevengano le morsicature. Questo è il motivo per cui è indicato che: "Prima della sua esecuzione (taglio della coda), devono essere adottate misure per prevenire la caudofagia ed altri vizi, tenendo conto delle condizioni ambientali e della densità di allevamento. Per questo motivo, le condizioni ambientali o i sistemi di gestione dovrebbero essere modificati se sono inadeguati. "

Risultato: è necessario modificare le condizioni in cui i suini sono allevati per poter determinare se in queste "nuove condizioni" è o non è possibile produrre suini con code intatte.

In questa situazione abbiamo due sfide:

  • L'individualità per allevamento della presenza o meno del grado delle morsicature (bisogna lavorare allevamento per allevamento e molto probabilmente quello che funziona in un allevamento può non funzionare in un altro).
  • La moltitudine dei fattori scatenanti di un episodio di morsicature.

Per questo motivo in Spagna si è affrontata la sfida congiuntamente nel settore: il Ministero dell'Agricoltura, della pesca e dell'alimentazione e le Comunità Autonome, hanno sviluppato un Piano d'Azione per evitare le morsicature e ridurre la necessità della pratica del taglio delle code. In questo piano d'azione, un albero decisionale preparato da ANPROGAPOR è stato incluso e adattato dal MAPA per facilitare il modo in cui l'allevatore ed il veterinario possano prendere decisioni per smettere di tagliare le code.

Albero della presa di decisioni sul taglio delle code elaborato da ANPROGAPOR
Albero della presa di decisioni sul taglio delle code elaborato da ANPROGAPOR

Il punto chiave per ridurre la morsicatura delle code è cercare di controllare i fattori che lo scatenano e per questo è necessario fare una esauriente analisi dei rischi in ogni allevamento per poter essere in grado di eseguire il piano d'azione che controlli o prevenga i rischi della comparsa.

Fattori di rischio:

  1. Densità. La normativa stabilisce le densità minime per ogni categoria di suino e / o peso. Una minore densità sarà positiva quando si tratta di prevenire le morsicature, ma allo stesso tempo è una delle misure con il maggiore impatto economico.
  2. Uso di materiale d'arricchimento. La mancanza o l'inadeguatezza del materiale di arricchimento è un altro rischio. Sono importanti tanto la quantità, la disposizione come la sostituzione regolare. Inoltre, questo materiale deve essere in grado di essere esplorabile, masticabile, manipolabile e commestibile. Sarebbe comodo avere del materiale molto nuovo che fosse usato solo per fermare gli episodi. È necessario quantificare l'uso corretto del materiale.
  3. Condizioni ambientali. Sia il comfort termico che la concentrazione di gas, alcuni irritanti, possono influenzare il comportamento dei suini. Una corretta regolazione della temperatura ed una ventilazione omogenea facilitano la prevenzione delle morsicature.
  4. Sanità Animale. La presenza di problemi infettivi può aumentare il rischio delle morsicature, sia perché gli animali ammalati che per quelli febbricitanti che hanno meno capacità di risposta evasiva o perché il disagio sanitario si traduce in aggressività.
  5. Alimentazione. La competitività per il cibo, il modo di presentarlo e la composizione sono fondamentali per ridurre lo stress dei suini e prevenire le morsicature. Per quanto riguarda l'acqua, l'accesso, lo smaltimento e il flusso sono importanti per ridurre lo stress e quindi le morsicature.
  6. Fattori individuali. Al momento si sta lavorando con razze diverse che possono essere più o meno docili o più o meno aggressive, così che il "nervosismo" di alcuni suini può essere un fattore di rischio.
  7. Castrazione. La produzione di maschi interi è anche un rischio rispetto a quelli castrati, a causa di un comportamento più attivo.
  8. Condizioni di management. La dimensione del gruppo (molto piccolo o grande) è un fattore di rischio, così come una gestione inadeguata con mescolamento dei suini che modificano un ambiente sociale conosciuto.
  9. Altri. Sfortunatamente in materia di morsicatura delle code possiamo trovare altri fattori di rischio che possono influenzare la loro comparsa, fattori tanto complicati da controllare e prevenire come cambiamenti nelle pressioni barometriche, cambiamenti stagionali, differenze di temperatura tra giorno e notte ...

In sintesi, non è facile smettere di tagliare le code in un allevamento di suini con una certa percentuale di successo. Ma, la strada è fatta per camminare e bisogna prendere misure e affrontare i fattori di rischio per stabilizzare il comportamento dei suini, evitando così che le morsicature o altri vizi indesiderati vengano prodotti dall'allevatore o dai suoi tecnici responsabili. Si prevede che anche nella prossima Commissione europea sarà una questione prioritaria, pertanto sarà mantenuta la pressione a tutti i livelli, compresa la raccolta di informazioni sul livello di impatto a livello dei macelli.

Qualsiasi allevamento che non può smettere di tagliare le code, nonostante i miglioramenti introdotti, dovrebbe essere in grado di dimostrare graficamente e documentalmente che sta valutando e tentando di risolvere i fattori di rischio in modo che, in modo efficace, il taglio delle code non sia di routine.

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Prodotti associati al negozio on line

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags