Leggere questo articolo in:

Morsicatura delle code: strategie per minimizzare il problema e misure di prevenzione, 2°articolo

Gli Autori condividono le loro strategie per controllare gli episodi di morsicatura delle code e anche le misure di prevenzione che applicano...

Sulla base dell'esperienza dei nostri 4 Veterinari che rappresentano alcune delle più importanti regioni di produzione di suini in tutto il mondo (come Germania, Nord America, Cina e Spagna), la morsicatura delle code sono attualmente uno dei più importanti problemi multifattoriali del settore suinicolo. Nel 1°articolo di questa serie, abbiamo discusso le diverse prospettive di questo problema. Abbiamo anche imparato che, mentre l'accesso a materiali manipolabili come il fieno è importante per soddisfare i bisogni dei suini di esplorare e masticare, ci sono molti altri fattori che influenzano la caudofagia. La mancanza di una singola chiara causa, rende questo problema frustrante e difficile da controllare. Durante questo secondo articolo, esamineremo le diverse strategie che gli Autori usano durante gli episodi di morsicatura della coda e anche le misure preventive che raccomandano agli allevatori, giorno dopo giorno...

Foto 1.Suini con la coda integra con materiale manipolabile. Foto:Inge Böhne
Foto 1.Suini con la coda integra con materiale manipolabile. Foto:Inge Böhne

Durante un episodio di caudofagia, tutti gli Autori concordano nella revisione della densità e le condizioni ambientali dei suini: è la prima azione che deve essere eseguita. Come ci viene detto, molto spesso la radice della causa iniziale di un episodio di caudofagia si trova in uno di questi punti. Dopo questo primo passo, Vidal, Böhne, e Pitkin raccomandano l'incorporazione di materiale manipolabile nei box per ridurre lo stress e distogliere l'attenzione dalle ferite di altri suini. I materiali manipolabili sono stati esaminati nell'articolo 1 di questa serie. In questo momento, Vidal della Spagna, considera anche di aumentare l'inclusione del sale nel mangime con l'obiettivo di aumentare il senso di sazietà. Successivamente, gli animali feriti con sanguinamento attivo dovrebbero essere trattati e suggerisce che l'uso di anelli di gomma nelle code poste nella parte anteriore del tessuto danneggiato è la strategia più rapida per fermare l'emorragia. Ricorda altresì che è importante rimuovere gli anelli di gomma prima che causino maggiori danni alla coda o dolore non necessario. Böhne rimarca che in Germania non è permesso l'uso di anelli di gomma, pertanto è basilare separare quanto prima l'animale colpito, trattarlo con analgesici ed antibiotici e, contemporaneamente, identificare e separare l'animale aggressore. Pitkin consiglia ai suoi allevatori di aggiungere l'ossido di magnesio nelle loro formule di mangime per aiutare a calmare i suini durante gli episodi di caudofagia. Altre strategie che lei sottolinea, oltre all'incorporazione di materiali manipolabili, include l'aggiunta di elettroliti e antipiretici solubili in acqua a condizione che si sospetti la partecipazione di un agente patogeno (foto 2).

Foto 2. Materiali manipolabili e giochi per i suini possono ridurre i casi di cannibalismo. Foto :Inge Böhne
Foto 2. Materiali manipolabili e giochi per i suini possono ridurre i casi di cannibalismo. Foto :Inge Böhne

Oltre alle misure preventive precedentemente descritte, i nostri Veterinari hanno altri suggerimenti. In base alla sua esperienza, il gruppo di Vidal presta particolare attenzione ai suini che provengono da una certa genetica con una percentuale maggiore di Large White, e anche quelli provenienti da certe linee di Pietrain. Böhne, Wang e Pitkin sono d'accordo sul fatto che un flusso variabile di animali nella linea di produzione è uno dei fattori più importanti da evitare. Wang, consulente in Cina, sottolinea l'importanza di controllare continuamente il piano di produzione con i suoi clienti per garantire un flusso corretto di suini nelle loro strutture. Wang ha una particolare attenzione alla formazione "in azienda" del personale, e sulla base di questa esperienza, la misura preventiva più importante è quella attuata dagli allevatori che assicurano che il loro flusso di suini sia pari alla capacità delle loro strutture, evitando così i colli di bottiglia a causa di una produzione irregolare e un improvviso aumento della densità dei suini. Oltre a una buona gestione del flusso dei suini, Pitkin aggiunge che la sua migliore strategia preventiva è quella di garantire che gli elementi più importanti dell'allevamento (cibo, acqua e aria) siano adeguati alle esigenze degli animali ospitati nelle strutture. Questa semplice equazione è talvolta messa in discussione perché gli allevamenti di scrofe cercano continuamente di svezzare il maggior numero possibile di suini e la produzione può potenzialmente superare la capacità dei flussi dello svezzamento e dell'ingrasso. "Questo è sempre stato percepito come un" buon "problema, tuttavia, dobbiamo pensare a come gestiremo questo eccesso di suinetti: li venderesti?" - dice Pitkin. Lei è d'accordo con Wang : dobbiamo tornare alle basi e ricalcolare la quantità di suini che dovremmo tenere in ciascuno dei nostri allevamenti o in che modo saremo in grado di mantenere il flusso di suini il più possibile coerente. Crede che pratiche, come l'eccessivo sovraffollamento, stiano forzando così tanto queste importanti regole e, quando esageriamo, è quando possiamo avere questi "focolai" di vizi negli allevamenti...

Articoli

Trucco: Tutto quello che serve in 1 foglio! 04-Ott-2018 2 mesi 6 giorni fa

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags