Leggere questo articolo in:

Siamo di fronte a un mercato molto volatile...

Il confronto tra le due maggiori economie del mondo ci ha condannato a un "mercato yo-yo"...

Venerdì 27 Aprile 2018 (1 anni 4 mesi 26 giorni fa)
mi piace

Il 3 aprile, l'amministrazione Trump ha alzato la posta in gioco in un crescente confronto commerciale con la Cina, annunciando i dazi del 25% su circa 1.300 prodotti di tecnologia industriale, trasporti e medici per cercare di forzare i cambiamenti nelle pratiche di proprietà intellettuale di Pechino.

Dopo la pubblicazione delle liste tariffarie, è iniziato un periodo di consultazione che durerà circa 2 mesi.

Questo annuncio ha causato una rapida minaccia di rappresaglie da parte dell'ambasciata cinese a Washington.

Il confronto tra le due maggiori economie del mondo sta causando timori sul mercato e ci ha condannati a un "mercato yo-yo". Il mercato notturno di Chicago ha registrato forti cali il 3 aprile, seguito da una successiva ripresa una volta che il mercato ha accettato che, per il momento, ciò che sta accadendo sono dimostrazioni di forza da parte dell'amministrazione Trump.

USA

Il mercato statunitense è ribassista per soia, DDG e mais, il che significa che origini alternative, come il Sud America, il Mar Nero e il Canada, sono rialziste.

Cereali

I prezzi dei cereali sono aumentati lo scorso marzo. Il mais lo ha fatto con più forza dato che era molto vicino al prezzo minimo all'importazione. Tuttavia l'aumento non è stato sostenuto.

Il 3 marzo, l'Unione Europea ha eliminato la tariffa per il mais, nonostante ciò, il mais americano è rimasto il più economico (181 USD FOB) per le sostituzioni.

Nel grafico di stagionalità dei prezzi del mais (grafico 1) possiamo vedere che il prezzo ha seguito un marcato aumento stagionale, sebbene sia stato paralizzante in queste ultime settimane.

Grafico 1. Stagionalità dei prezzi del mais FOT, €/tm (origine magazzini del porto di Tarragona).
Grafico 1. Stagionalità dei prezzi del mais FOT, €/tm (origine magazzini del porto di Tarragona).

Troviamo i premi per il frumento oltre i massimi degli ultimi 5 anni per questo periodo.

Nel grafico di stagionalità dei prezzi del frumento (grafico 2), possiamo vedere che il frumento sta approssimativamente seguendo la sua stagionalità dei prezzi.

Grafico 2. Stagionalità dei prezzi del frumento FOT, €/tm (origine dei magazzini del porto di Tarragona).
Grafico 2. Stagionalità dei prezzi del frumento FOT, €/tm (origine dei magazzini del porto di Tarragona).

In Europa lo stato dei cereali invernali è incerto, un'ondata tardiva di freddo si è aggiunta all'eccesso di acqua nell'Europa settentrionale. Questa ondata è stata particolarmente intensa negli Stati baltici, dove il potenziale del raccolto era già indebolito.

In Francia, Germania o Polonia, sono attesi pochi danni direttamente correlati al freddo.

Le piantagioni primaverili iniziano nell'UE. In Spagna, il miglioramento delle condizioni dell'acqua è favorevole per il buon avvio delle piantagioni primaverili.

Grafico 3. Umidità del suolo misurata come quantità di acqua (cm) in 2 metri superficiali, al 9 di aprile del 2018. Fonte: National Centers for Environmental Prediction.
Grafico 3. Umidità del suolo misurata come quantità di acqua (cm) in 2 metri superficiali, al 9 di aprile del 2018. Fonte: National Centers for Environmental Prediction.

Oleaginose

Lo scorso marzo il prezzo della farina di soia è sceso di 11 € e quello del girasole e della colza è aumentato (+12 € e +32 € rispettivamente).

Nel grafico di stagionalità dei prezzi della farina di soia (grafico 4) possiamo vedere che non segue la sua stagionalità, e che per il periodo in cui siamo i prezzi dovrebbero essere calati più lentamente e senza l'aumento così forte di questa ultima settimana.

Grafico 4. Stagionalità dei prezzi della soia FOT €/tm (origine magazzini del porto di Tarragona)
Grafico 4. Stagionalità dei prezzi della soia FOT €/tm (origine magazzini del porto di Tarragona)

I prezzi dell'olio di soia sono scesi di € 15. E anche la palma e il grasso sono diminuiti (rispettivamente -10 € e -5 €).

Il rapporto dell'USDA di marzo ha aumentato la produzione di olio di soia e ha ridotto il consumo di biodiesel negli Stati Uniti, con una riduzione della produzione in Argentina. Le esportazioni di olio di palma della Malesia sono state rallentate rispetto a gennaio e le scorte medie alla fine di gennaio e febbraio si sono attestate a 2,5 milioni di tonnellate, rispetto a 1,5 milioni dello scorso anno.

Alla luce di questi dati, il mercato mantiene una stabilità con una leggera tendenza al rialzo per i cereali e prezzi più elevati per i prodotti proteici, e gli operatori restano in attesa della risoluzione di tali incertezze.

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Articoli

Sulle traccie del 2015....preparandoci al peggio...02-Mag-2018 1 anni 4 mesi 20 giorni fa
Arrivano le perdite...ma le basi sono solide19-Apr-2018 1 anni 5 mesi 3 giorni fa

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags