Leggere questo articolo in:

Le materie prime rimangono sotto l'influenza della guerra commerciale...

Le tensioni geopolitiche degli Stati Uniti con il resto del mondo fanno temere un rallentamento economico globale...

Mercoledì 11 Luglio 2018 (5 mesi 4 giorni fa)
2 mi piace

La decisione della BCE di non alzare i tassi prima dell'estate 2019, ha pressato l'euro, con un calo di valore, che negli ultimi giorni del mese si è ripreso fino a raggiungere il livello di 1.1658 il 29 giugno.

La tensione tra Stati Uniti e Cina sta crescendo e l'unico danneggiato è il mercato mondiale. Verso la metà del mese, la Cina ha annunciato nuove misure contro le minacce statunitensi di tassare per oltre 200 miliardi di importazioni dalla Cina. Le misure annunciate dalla Cina consistevano nell'applicazione di una tassa del 25% su molti prodotti statunitensi a partire dal 6 luglio 2018. Queste tensioni hanno causato la caduta dei prezzi delle materie prime, lasciando di nuovo da parte i fondamentali, come abbiamo visto per alcuni mesi.

Cereali

Il 21 giugno 2018 è stato pubblicato il regolamento 2018/88, in cui l'Unione europea ha confermato l'entrata in vigore delle tariffe su determinati prodotti originari degli Stati Uniti.

Questo regolamento ha un impatto diretto sul mais, dal 22 giugno 2018 è entrata in vigore una tariffa del 25% sul mais originario degli Stati Uniti.

Anche se in altri anni abbiamo appena visto il mais proveniente dagli Stati Uniti, questa campagna, da marzo a giugno, ha raggiunto 983.924 tonnellate in tutta la Spagna. I porti con maggiore rilevanza sono stati Tarragona con 342.100 t, Cartagena con 294.164 t e Coruña con 204.660 t.

Queste tariffe sono la risposta all'imposizione delle tariffe che gli Stati Uniti hanno stabilito su acciaio e alluminio dell'UE, questo giugno.

La scarsa produzione di mais brasiliano, insieme con l'ucraino e il timore che la tariffa di importazione per il mais possa tornare, a causa della caduta dei futures, ci porta a vedere un possibile aumento dei prezzi del mais.

Nel caso del grano, l'USDA questo mese ha ridotto le previsioni di produzione di grano russo dell'attuale campagna a 68,5 milioni di tonnellate, contro gli 85 milioni della precedente campagna, a causa della preoccupazione del clima secco nel bacino del Mare Nero.

Il 28 giugno, la Commissione europea ha pubblicato le stime del raccolto dell'UE per la stagione 2018/19, con una riduzione di 3 milioni di tonnellate per il grano tenero e una riduzione di 2,6 milioni di tonnellate per l'orzo, rispetto al pubblicazione del mese precedente.

Alleghiamo il grafico 1 dove possiamo vedere come le previsioni del raccolto per il 2018/19 si sono evolute da maggio a giugno.

Grafico 1. Evoluzione delle previsioni dei raccolti nella UE da maggio a giugno
Grafico 1. Evoluzione delle previsioni dei raccolti nella UE da maggio a giugno

Oleaginose

I semi di soia cadono precipitosamente, temendo che la Cina imponga dazi sui semi statunitensi, e la farina e gli oli li seguiranno. I fondi dei semi di soia sono passati da +104.000 contratti lunghi a -45.000 contratti brevi.

Siamo di fronte a un mercato, dove le tensioni geopolitiche degli Stati Uniti con il resto del mondo, fanno temere un rallentamento economico globale.

Alla fine del mese abbiamo visto anche la caduta del mercato azionario, perché gli investitori sono sempre più preoccupati.

Quindi possiamo dire che, un mese in più, continuiamo con un mercato in attesa, governato da azioni politiche.

Articoli correlati

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags