Leggere questo articolo in:

Effetto dei contenuti dietetici ad alto contenuto di proteine e lisina e basso contenuto di grassi e fibre sulla qualità delle carni suine

Le diete ricche di proteine e lisina e povere di grassi e fibre nei suini in fase di crescita possono rendere le carcasse e le carni di valore superiore rispetto agli alimenti commerciali...

Martedì 25 Giugno 2019 (2 mesi 21 giorni fa)
mi piace

L'alimentazione rappresenta circa il 60-75% del costo totale nella produzione di carne suina; pertanto, una conoscenza approfondita dei principi nutrizionali è essenziale per mantenere il settore suinicolo più competitivo. L'alimentazione con livelli proteici più elevati è stata associata a miglioramenti nella composizione della carcassa, con un contenuto inferiore di grasso intramuscolare e carne meno tenera.

Pertanto, l'obiettivo del presente studio era di determinare in che modo i livelli variabili di proteine, lisina, grassi e fibre nelle diete suine hanno influenzato la crescita dei suini e la qualità della carne. A tale scopo, sono stati selezionati 12 suinetti castrati incrociati (≈4 mesi di età e 63,5 kg) assegnati casualmente a 2 gruppi: mangimi commerciali per suini (proteine min 14%, lisina min. 0,69%, grasso minimo 6,8%, fibra massima 8,7%) e una dieta arricchita (proteina minima 22%, lisina almeno 1,55%, grasso almeno 1,80%, fibra max. 2,6%). I suini sono stati alimentati con diete sperimentali per 56 giorni. Il peso corporeo (CP) è stato registrato settimanalmente. Il peso della carcassa calda, il colore NPPC, la compattezza NPPC, la marezzatura NPPC, l'area del lombo e lo spessore del grasso dorsale sono stati misurati alla decima e all'ultima costola. Sono stati calcolati la resa della carcassa e la percentuale di carne magra.

Come risultato, c'erano differenze minime tra le diete in relazione ai pesi settimanali e alla qualità della carne suina. Tuttavia, con la dieta arricchita c'era un IMG più alto per la settimana 1 (1,21 kg contro 0,76 kg). Ciò è probabilmente dovuto all'incremento compensativo correlato alla variazione del mangime. I suinetti alimentati con mangimi arricchiti presentavano una maggiore resa della carcassa (74,7 vs 71,0%) e più grasso nell'ultima costola (2,79 cm contro 2,03 cm). Inoltre, l'alimentazione arricchita ha prodotto valori L * più elevati nel lombo, ma non sono state osservate differenze visive nel colore NPPC. I suini alimentati con la dieta arricchita tendevano ad avere punteggi muscolari più ampi significativamente differenti. Tuttavia, i suini alimentati con la dieta arricchita mostravano un grasso più solido rispetto ai suini alimentati con una dieta commerciale.

Questi risultati suggeriscono che le diete ricche di proteine e lisina e povere di grassi e fibre portano a una maggiore resa della carcassa e apparentemente a un colore più chiaro. Pertanto, queste carcasse dovrebbero dare una maggiore resa economica.

Price, H., Williamson, S., Henson, J., and Mc Keith, A. G. (2019). Effects of various levels of protein, lysine, fat, and fiber on swine growth and pork quality. Meat and Muscle Biology, 1(3), 157-157. https://doi.org/10.221751/rmc2017.152

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags