Leggere questo articolo in:

Analisi e modifica dei modelli di traffico dei veicoli in allevamento per migliorare la biosicurezza esterna

Un'analisi del traffico veicolare, facilmente eseguibile, può ridurre drasticamente il rischio di contaminazione crociata nell'allevamento di suini, riducendo possibili problemi di malattie...

Oltre all'introduzione di suini infetti (vale a dire la trasmissione diretta da suino a suino), l'introduzione di malattie attraverso i fomiti (ovvero la contaminazione crociata), è considerata uno dei principali rischi della trasmissione di malattie ad un allevamento. I veicoli che trasportano animali (vivi e morti), mangimi, personale di servizio e fornitori, spesso devono spostarsi tra i vari reparti dell'allevamento di suini. Indubbiamente, i veicoli sono, ovviamente, i fomiti più grandi e talvolta i più sporchi. Quando non vi è alcuna decontaminazione, dopo eventi ad alto rischio, come quelli in cui i suini vengono a contatto con installazioni di suini a basso stato di salute, luoghi in cui sono tenuti animali morti e macelli, il rischio di contaminazione da malattie intorno all'allevamento di suini, possono aumentare notevolmente. Sebbene il settore suinicolo stia investendo in modo significativo in migliori sistemi di pulizia e disinfezione dei veicoli (ad esempio asciugatura e decontaminazione assistite da calore dei veicoli per il trasporto di animali, TADD in lingua inglese), può essere una sfida garantire l'assenza di malattie da tutti i veicoli che entrano nei nostri allevamenti di produzione. Analizzare e modificare i modelli del traffico può avere un impatto significativo nel minimizzare i rischi di trasmissione delle malattie associate alle movimentazioni dei veicoli.

Immagine 1. Vista aerea dei diversi capannoni-reparti che formano l'allevamento
Immagine 1. Vista aerea dei diversi capannoni-reparti che formano l'allevamento

In questo articolo, esamineremo un esempio pratico e reale di un'analisi del traffico veicolare che è stata condotta in un sistema di produzione suina nella Spagna nord-orientale che ha guidato l'implementazione delle modifiche del flusso di traffico oltre ad altri aggiornamenti sulla biosicurezza, che proteggeranno l'allevamento da nuove introduzioni di malattie. La comprensione di questo processo aiuterà gli allevatori ed i veterinari a identificare ed a concentrarsi sull'eliminazione o sulla gestione delle aree a maggiore rischio di traffico per ciascun sito, al microscopio. Useremo l'esempio pratico di un allevamento commerciale a ciclo chiuso, che si trova nella stessa ubicazione (immagine 1). I suini vengono trasportati tra i capannoni di sale parto, di svezzamento e di ingrasso. Per il movimento degli animali usano veicoli sia propri che di terzi.

Immagine 2. Distribuzione delle fasi per capannone-reparto e rampe di carico originali (punti rossi).
Immagine 2. Distribuzione delle fasi per capannone-reparto e rampe di carico originali (punti rossi).

Nella prima visita della valutazione della biosicurezza del traffico veicolare, abbiamo analizzato l'allevamento usando un'immagine satellitare. Concentriamo la nostra conversazione sulla comprensione dei seguenti punti:

  1. Progettazione dell'allevamento (ovvero tipo di animale di produzione in ciascun capannone-reparto; ubicazione dei silos per i mangimi; punti di entrata dei rifornimenti; punti di entrata / uscita del personale, rampe di entrata / uscita degli animali) (immagine 2; puoi ingrandire le immagini facendo clic su di esse);
  2. Modelli dei flussi veicolari (ad esempio i veicoli dei lavoratori / visitatori, camion interni ed esterni utilizzati per spostare suini, consegne di mangimi, forniture, servizi, ecc...). In questo articolo ci concentreremo esclusivamente sui camion per la movimentazione dei suini (immagine 3);
  3. Progettazione ed utilizzo di rampe di carico (ovvero: se sono di carico, scarico o entrambi i tipi di movimentazioni nella stessa ubicazione-posizione).

Immagine 3. Flusso del traffico attuale. Il camion interno è stato rappresentato in blu e quello esterno in lilla. L'evidenziazione gialla rappresenta la zona a rischio di contaminazione crociata.
Immagine 3. Flusso del traffico attuale. Il camion interno è stato rappresentato in blu e quello esterno in lilla. L'evidenziazione gialla rappresenta la zona a rischio di contaminazione crociata.

Osserviamo rapidamente, che il camion esterno ed interno presentavano schemi di percorsi sovrapposti ed utilizzavano le stesse aree di carico. Le aree che rappresentano un rischio maggiore di contaminazione crociata tra veicoli esterni e interni, sono contrassegnate in giallo. In generale, dal punto di vista della biosicurezza, dovremmo considerare 2 tipi di aree di carico. Il loro utilizzo si basa sul tipo di suini che vengono caricati e sullo stato di pulizia dei veicoli che vengono utilizzati. Possono essere classificati come segue:

  • Aree di carico interne: dedicate al carico e scarico dei suini (ovvero dalle sale parto allo svezzamento, dallo svezzamento all'ingrasso, le scrofe da rimonta prodotte internamente alle strutture di adattamento) o all'entrata di rimonte ad elevata sanità (che vengono trasferiti all'allevamento ) e dove contattano solo i propri veicoli, che non sono utilizzati all'esterno dell'allevamento.
  • Aree di carico esterne: situate in un'area separata dalle precedenti per evitare la contaminazione crociata con le movimentazioni interne. Dedicate al caricamento di suini da macello e di scarti e dove solo i veicoli esterni entrano in contatto.

Basandoci sulle analisi del modello dei percorsi e delle aree identificate di contaminazione crociata tra veicoli e persone, è stato progettato e proposto all'allevatore un nuovo modello di flusso del traffico. Inoltre, è stato suggerito un aggiornamento della biosicurezza molto importante: la costruzione di un set di 4 nuove aree di carico per separare chiaramente i percorsi interni ed esterni dei veicoli (immagini 4 e 5).

Immagine 4. La costruzione delle nuove aree di carico hanno permesso di separare i percorsi del camion interno da quello esterno.
Immagine 4. La costruzione delle nuove aree di carico hanno permesso di separare i percorsi del camion interno da quello esterno.

Immagine 5. Piattaforma di una delle nuove aree di carico.
Immagine 5. Piattaforma di una delle nuove aree di carico.

Nel caso di questo allevamento, non sono state necessarie nuove aperture negli edifici per creare queste nuove aree di carico e ciò ha ridotto i costi dell'attuazione delle raccomandazioni (immagine 6, le nuove aree di carico e piattaforme sono rappresentate in verde). La soluzione comprendeva una serie di piattaforme che utilizzavano cancelli per dirigere il flusso dei suini verso le vecchie arre di carico (per uso interno) o verso quelle nuove (per uso esterno). Queste piattaforme hanno contribuito a creare una separazione spaziale tra le vie di trasporto ed hanno ridotto efficacemente il rischio di contaminazione crociata.

Immagine 6. In verde vengono evidenziate le nuove aree di carico proposte (punti verdi) e le due piattaforme create (anch'esse in verde). CI: Aree di carico interne; CE: Aree di carico esterne.
Immagine 6. In verde vengono evidenziate le nuove aree di carico proposte (punti verdi) e le due piattaforme create (anch'esse in verde). CI: Aree di carico interne; CE: Aree di carico esterne.

Altre importanti modifiche, che sono state raccomandate, includevano l'aggiunta di recinzioni e cancelli che impedivano l'uso scorretto di diverse strade all'interno ed attorno all'allevamento. Anche se si riduce il rischio di contaminazioni crociate (immagine 7), alcuni recinti non potevano limitare totalmente il movimento tra aree pulite e sporche. Infine, a seguito della nuova recinzione dell'allevamento, alcuni silos per i mangimi sono stati avvicinati alla recinzione in modo che i camion di trasporto mangime non entrassero all'interno del perimetro dell'allevamento.

Immagine 7. Rappresentazione delle modifiche proposte che incorporano le nuove aree di carico (punti verdi). La zona a rischio di contaminazione crociata (evidenziata in giallo) tra il camion interno (blu) e il camion esterno (lilla) è stata ridotta a 2 punti grazie all'apertura / adattamento dei percorsi ed alla modifica della recinzione.
Immagine 7. Rappresentazione delle modifiche proposte che incorporano le nuove aree di carico (punti verdi). La zona a rischio di contaminazione crociata (evidenziata in giallo) tra il camion interno (blu) e il camion esterno (lilla) è stata ridotta a 2 punti grazie all'apertura / adattamento dei percorsi ed alla modifica della recinzione.

Come accennato in precedenza, questo articolo si è concentrato solo sull'analisi e gli aggiornamenti della movimentazione dei suini. E' stata inoltre effettuata una analisi completa del traffico e sono state formulate raccomandazioni per la movimentazione del personale, delle forniture e dei servizi...

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags