Leggere questo articolo in:

Farina di soia (44-48% PG)

Farina di soia. United Soybean Board
Farina di soia. United Soybean Board

Valore nutrizionale (confronto tra tabelle), produzione, commercio e studi più recenti sulla farina di soia...

Venerdì 2 Novembre 2018 (7 mesi 23 giorni fa)
1 mi piace

Introduzione

La soia (Glycine max) è una leguminosa della famiglia Fabaceae classificata all'interno del gruppo delle oleaginose. È una pianta di origine asiatica, autogama e sensibile al fotoperiodo. L'autogamia ha permesso lo sviluppo di varietà OGM negli Stati Uniti. Ci sono varietà dal ciclo breve (90 giorni) a molto lungo (200 giorni). Sebbene la coltivazione nell'UE di varietà di OGM non sia consentita, è consentita la loro commercializzazione.

La farina di soia è ottenuta come sottoprodotto dell'estrazione di olio di soia, essendo una fonte di proteine e di energia di alta qualità per l'alimentazione animale. Le farine di soia, comunemente utilizzate per la produzione di mangimi, provengono dal processo di estrazione per pressione e solventi, con un trattamento termico dei semi di soia, dando alle farine un'alta concentrazione di proteine (+/- 48%). Con la parziale reincorporazione delle buccette, si ottengono le diverse gradazioni proteiche comunemente utilizzate a livello commerciale.

È un ingrediente di alto valore nutrizionale perché rappresenta la principale fonte di proteine ed aminoacidi essenziali in zootecnia per essere ricchi di lisina, anche se relativamente carenti in metionina e triptofano. Tuttavia, la soia contiene un gran numero di fattori antinutrizionali termolabili (antitripsici, ureasi e lectine, che possono essere ridotti dopo aver applicato un corretto trattamento termico) e termostabili (glicina e β-conglicina, che possono portare ad una risposta immunitaria, danneggiare la mucosa intestinale e produrre diarrea negli animali giovani se la soia non viene trattata adeguatamente).

Produzione e commercio

1. Semi di soia

Evoluzione della produzione mondiale dei semi di soia nei 10 principali paesi produttori. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori.
Evoluzione della produzione mondiale dei semi di soia nei 10 principali paesi produttori. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori.

Evoluzione dei 10 paesi principali esportatori di semi di soia per campagna. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori
Evoluzione dei 10 paesi principali esportatori di semi di soia per campagna. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori

Evoluzione dei 10 principali importatori di semi di soia per campagna . Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori
Evoluzione dei 10 principali importatori di semi di soia per campagna . Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori

2. Farina di soia

Va notato che vi sono paesi con bassa produzione di soia, ma alta produzione di farina di soia, come nel caso dell'Unione Europea. Ciò è dovuto al fatto che gran parte dei semi di soia importata viene trasformata in farina.

Evoluzione della produzione mondiale della farina di soia nei 10 principali paesi produttori. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori.
Evoluzione della produzione mondiale della farina di soia nei 10 principali paesi produttori. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori.

Evoluzione dei 10 principali esportatori di farina di soia per campagna. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori
Evoluzione dei 10 principali esportatori di farina di soia per campagna. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori

Evoluzione dei 10 principali importatori di farina di soia per campagna. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori
Evoluzione dei 10 principali importatori di farina di soia per campagna. Fonte: FAS-USDA *Dati provvisori

Studio comparativo dei valori nutrizionali

I sistemi utilizzati nella comparazione sono: FEDNA (Spagna), CVB (Olanda), INRA (Francia), NRC (USA) e del Brasile.

FEDNA (44) FEDNA (48) CVB (44) CVB (48) INRA (46) INRA (50) NRC (44) NRC (48) BRASILE (44) BRASILE (47)
SS (%) 88,0 87,9 87,7 87,2 87,6 87,6 88,8 89,0 88,1 88,8
Valore energetico (kcal/kg)
Proteina Grezza (%) 44,0 48,5 42,6 48,5 43,3 47,2 43,9 47,7 44,1 48,1
Estratto Etereo (%) 1,9 1,9 2,2 1,9 1,7 1,5 1,2 1,5 1,1 1,1
Fibra Grezza (%) 5,9 3,2 6,0 3,7 6,1 3,9 6,6 3,9 5,4 4,6
Amido (%) 0,1 0,5 0,9 0,8 0,0 0,0 1,9 1,9 1,9 3,0
Zuccheri (%) 7,0 7,0 9,1 10,3 8,5 9,2 - - - -
EM crescita 3070 3265 - - 3170 3290 3382 3294 3118 3253
EN crescita 1950 2025 1964 2048 1920 2000 2148 2087 1947 2043
EN scrofe 2110 2195 1964 2048 2070 2120 2148 2087 2036 2120
Valore proteico
Digeribilità proteina grezza (%) 85 87 86 88 87 90 85 87 90 91
Composizione Aminoacidi (%)
Lys 6,08 6,16 6,20 6,20 6,10 6,10 6,29 6,20 6,17 6,05
Met 1,35 1,46 1,40 1,40 1,40 1,40 1,37 1,38 1,34 1,31
Met + Cys 2,83 2,97 2,90 2,90 2,90 2,90 2,92 2,85 2,81 2,83
Tre 3,91 3,96 3,90 3,90 3,90 3,90 4,01 3,90 3,92 3,89
Trp 1,30 1,35 1,30 1,30 1,30 1,30 1,34 1,38 1,41 1,39
Ile 4,45 4,56 4,60 4,60 4,60 4,60 4,46 4,48 4,69 4,64
Val 4,70 4,90 4,80 4,80 4,80 4,80 4,40 4,67 4,89 4,76
Arg 7,22 7,30 7,50 7,50 7,40 7,40 7,22 7,23 7,38 7,26
Digeribilità ileale standardizzata (%)
Lys 88 91 88 90 90 92 88 89 90,1 91,2
Met 89 92 89 91 91 93 89 90 91,8 92,5
Met + Cys 86 90 85,5 87,5 89 91 87 87 90,3 90
Tre 85 88 84 86 86 89 83 85 86,4 87,5
Trp 86 90 87 89 89 91 90 91 89,2 90,3
Ile 87 90 87 89 89 91 88 89 89,4 90,2
Val 86 90 86 88 88 90 80 87 88,1 89,5
Arg 92 95 92 94 94 95 92 94 94 94,7
Minerali (%)
Ca 0,29 0,29 0,31 0,30 0,34 0,34 0,35 0,33 0,24 0,35
P 0,61 0,65 0,66 0,64 0,62 0,62 0,64 0,71 0,59 0,59
P fitinico 0,40 0,43 0,46 0,45 0,37 0,37 0,36 0,38 0,37 0,36
P disponibile 0,19 0,21 - - - - - - 0,22 0,23
P digeribile 0,24 0,26 0,28 0,27 0,20 0,20 0,25 0,28 0,27 0,27
Na 0,02 0,02 0,02 0,02 0,00 0,03 0,01 0,08 0,02 0,02
Cl 0,02 0,06 0,04 0,04 0,04 0,09 0,05 0,49 0,05 0,05
K 2,20 2,20 2,19 2,18 2,12 2,11 1,96 2,24 1,83 2,11
Mg 0,27 0,27 0,30 0,29 0,29 0,29 0,29 0,27 - 0,23

ED = Energia digeribile; EM = Energia metabolizzabile; EN = energia netta; PB = Proteina Grezza

1 Farina di soia con un contenuto in proteina grezza del 44%
2 Farina di soia con un contenuto in proteina grezza del 48,5%

La maggior parte dei sistemi di valutazione classifica la farina di soia in funzione del contenuto proteico, questo valore dà il nome del prodotto, ad eccezione dell'INRA, che considera come valore il contenuto proteico più il grasso residuo dopo l'estrazione. Questo dà, per le diverse tabelle, un intervallo tra 4 e 5 farine di soia derivanti dall'estrazione. Tuttavia, per la presente revisione, i valori massimi e minimi sono stati scelti in coincidenza con gli estremi utilizzati a livello commerciale. Il contenuto di proteine è inversamente correlato al contenuto di fibre che agisce come un fattore di diluizione e determina il contenuto finale di proteine nelle farine commercialmente disponibili (R2 = -0,86). Ad eccezione del BRASILE, che fornisce i più alti coefficienti di digeribilità proteica per entrambi i tipi di farina di soia, il resto dei sistemi, FEDNA, CVB, INRA e NRC, presentano coefficienti di digeribilità molto simili tra loro. Nel caso di farina di soia ad alto contenuto proteico, sebbene i coefficienti di digeribilità della proteina siano simili tra FEDNA, CVB e NRC, i coefficienti di digeribilità applicati da INRA e BRAZIL sono più alti. È importante sottolineare che, in termini di energia netta (EN), sebbene NRC dia un valore più elevato (tra 180 e 230 kcal / kg in più rispetto al resto dei sistemi) per la farina di soia 44% PG ed anche per la 48 % PG, il valore dell'EN per il resto dei sistemi FEDNA, BRAZIL, INRA e CVB è molto simile (inferiore a 100 kcal / kg). Per quanto riguarda la soia 48% PG, il valore attribuito alla EN può essere considerato molto simile tra i sistemi di valutazione. Indipendentemente dai valori EN attribuiti dai diversi sistemi (FEDNA, INRA, NRC o BRAZIL), si deve notare che CVB offre equazioni per la previsione del valore energetico della farina di soia in base ai coefficienti di digeribilità, considerando fondamentalmente proteine, grassi , i polisaccaridi non amilacei, gli zuccheri e l'amido. Tuttavia, i coefficienti di digeribilità attribuiti alle proteine, grassi e polisaccaridi non amilacei sono i più influenti e variabili a seconda del tipo di farina nell'intervallo compreso tra il 44 e il 48% PG per questo sistema. In termini generali (ad eccezione di NRC per farina di soia 44% PG) e lo stesso del contenuto di proteine, la stima del valore EN è fondamentalmente determinata dal contenuto di fibre, poiché determina il contenuto di proteine ed entrambi sono determinanti dalla stima del valore EN (con R2 = 0,77 nella direzione positiva e R2 = 0,67 nella direzione negativa, rispettivamente per la proteina e la fibra). Il contenuto di amido ha anche una relazione positiva sul contenuto energetico non trascurabile, ed anche con una maggiore influenza rispetto al contenuto di grassi residui.

In termini di amminoacidi totali, prendendo come riferimento la lisina, si può osservare per la soia 44% PG che, mentre FEDNA e INRA danno valori simili, NRC, CVB e BRAZIL presentano valori più alti nel contenuto di lisina (ma le differenze non sono mai superiori al 3,5%). Tuttavia, per la farina di soia al 48% PG, INRA e BRAZIL presentano valori simili e più alti di NRC, CVB e FEDNA che presentano valori inferiori e simili tra di loro. I valori per il resto degli amminoacidi totali sono abbastanza proporzionali alla lisina per le diverse qualità di farina. Il coefficiente di digeribilità della lisina varia dall'88% (FEDNA, CVB e NRC) e dal 90% (INRA e BRAZIL) per la farina di soia 44% PG. Tuttavia, la differenza più piccola tra farina di soia 44% PG e 48% PG è NRC, con valori intermedi del 90-91% di CVB, FEDNA e BRAZIL e INRA che si distinguono per il 92%.


Risultati recenti

  1. La farina di mais-soia fermentata ha aumentato i livelli di IGF1 nei suini in fase di magronaggio-ingrasso
    La farina di mais-soia fermentata può aumentare in modo significativo l'unione di C/EBPβ al promotore IGF1, potenziando l'espressione e la produzione epatica di IGF1, migliorando gli accrescimenti dei suini.
  2. Effetto di una inclusione elevata di farina di soia e di fitasi sugli accrescimenti dei suinetti svezzati alloggiati in condizioni commerciali.
    Si possono aumentare i livelli di farina di soia nelle diete precoci di svezzamento senza influenzare negativamente gli accrescimenti e può anche avere un effetto positivo sui suini provenienti da scrofe positive alla PRRS riducendo i costi delle medicazioni. La supplementazione con fitasi ad alte concentrazioni può migliorare gli accrescimenti, indipendentemente dal livello di soia incluso nella dieta.
  3. Valutazione della farina di soia bioprocessata sulle performance e stato immunitario durante lo svezzamento.
    La farina di soia bioprocessata è un'alternativa adeguata alla farina di pesce e/o plasma essicato nelle diete delle prime fasi (I e II) dello svezzamento, basandosi sugli accrescimenti dei suini. L'ipersensibilità prolungata all'ovoalbumina (OVA) indica che la farina di soia bioprocessata può avere un impatto positivo sull'immunità dei suini. Il raddoppiamento delle IgG anti-OVA dà luogo a future ricerche sull'effetto della farina di soia bioprocessata sull'immunità dei suini.
  4. La comparazione della digeribilità degli amminoacidi della soia integrale con due farine di arachidi nei polli e nei suini in accrescimento.
    La digeribilità della proteina grezza e della maggior parte degli AA era minore nei polli rispetto ai suini, ma il profilo delle differenze della digeribilità degli AA tra gli ingredienti era similare in entrambe le specie.
  5. Utilizzo di amminoacidi e la composizione corporale di suini in accrescimento alimentati con farina di soia o farina di colza con o senza supplementazione con amminoacidi.
    La lavorazione della soia influisce negativamente sulla ritenzione dei nutrienti e sull'uso post-assorbimento degli AA digeribili (SID) per la ritenzione. Gli effetti della lavorazione furono compensati con la supplementazione di amminoacidi sintetici.
  6. Effetto della sostituzione della farina di soia convenzionale con la farina di soia a basso contenuto di oligosaccaridi sugli accrescimenti e caratteristiche della carcassa dei suini da ingrasso.
    La riduzione degli oligosaccaridi alla sostituzione della farina di soia convenzionale in fase iniziale, intermedia e finale del periodo svezzamento-finissaggio non ha migliorato gli accrescimenti nè le caratteristiche della carcassa dei suini.
  7. Composizione chimica e digeribilità degli amminoacidi della farina di soia prodotta negli USA, Cina, Argentina, Brasile o India.
    La digeribilità ileale standard della proteina grezza e degli AA dipende dal paese di provenienza della farina di soia. Queste differenze e la variabilità all'interno di ogni paese deve essere valutata quando si formulano i mangimi per suini.
  8. Digeribilità degli aminoacidi nella farina di soia per l'alimentazione dei suini prodotta in diverse regioni degli USA.
    Il valore della proteina non differisce tra la farina di soia prodotta negli USA, indipendentemente dalla localizzazione degli impianti di lavorazione.
  9. Effetto della sostituzione della farina di soia convenzionale con la farina di soia a basso contenuto di oligosaccaridi per suini in svezzamento.
    La farina di soia con bassi livelli di oligosaccaridi ha ridotto la viscosità del bolo alimentare, ma non ha avuto effetti sugli accrescimenti nè sulla morfologia intestinale quando è somministrata a suinetti durante le 2 prime settimane post-svezzamento.
  10. Valore nutritivo del panello di soia pressata a freddo estrusa o supplementata con nucleo polienzimatico.
    La supplementazione con enzimi valutata in questo studio ha migliorato la digeribilità di alcuni AA, ma ha avuto un effetto limitato sulla digeribilità dell'energia e di conseguenza, della EN del panello di soia pressata a freddo.
  11. Effetti dell'isoflavone di soia sulla capacità antiossidante intestinale e delle citochine in suinetti alimentati con olio di pesce ossidato.
    La supplementazione della dieta con isoflavoni può ridurre parzialmente gli effetti negativi della somministrazione di olio di pesce ossidato, migliorando la morfologia intestinale e la capacità antiossidativa e la funzione immunitaria dei suinetti.


Riferimenti

Foreing Agricultural Service. USDA. https://apps.fas.usda.gov/psdonline/app/index.html
FEDNA: http://www.fundacionfedna.org/
FND. CVB Feed Table 2016. http://www.cvbdiervoeding.nl
INRA. Sauvant D, Perez, J, y Tran G, 2004, Tables de composition et de valeur nutritive des matières premières destinées aux animaux d'élevage,
NRC 1982. United States-Canadian Tables of Feed Composition: Nutritional Data for United States and Canadian Feeds, Third Revision.
Rostagno, H,S, 2017, Tablas Brasileñas para aves y cerdos, Composición de Alimentos y Requerimientos Nutricionales, 4° Ed,

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags