Leggere questo articolo in:

Peste suina africana: esperienze con questo vecchio e nuovo amico

Un gruppo di professionisti del settore dei suini racconta la loro esperienza sul campo nella lotta contro la peste suina africana...

Il nostro settore suinicolo deve affrontare una minaccia globale a causa della diffusione del virus della peste suina africana (PSA). Con l'aumentare dell'esperienza con la malattia, da parte di 333 vogliamo collaborare con i professionisti del settore per condividere la loro prospettiva su come agire in questa sfida. Questo articolo è il 1° di una serie che descriverà l'esperienza di campo e le prospettive ottenute nel combattere la PSA.

I professionisti dei suini che abbiamo intervistato includono un consulente di produzione internazionale, veterinari dei paesi baltici e della Polonia ed uno specialista del Laboratorio di Referenza russo. Impariamo dalle loro diverse prospettive ed esperienze contro la malattia.

I nostri 4 specialisti nella produzione di suini concordano nel garantire che questo sia un momento molto preoccupante per il settore suinicolo. Il Sr. Corns, un consulente americano, ora residente in Europa, lavora da oltre 10 anni in Europa, Asia (principalmente Cina) e Russia. Consulente di produzione e biosicurezza per grandi clienti integrati verticalmente. Il signor Corns considera la PSA il problema numero uno in queste regioni. Durante l'intervista, ha citato il suo collega, il dott. Adrian Balaban dalla Romania, che ha detto che, a questo punto, "non è necessario prendere la PSA per subire i suoi danni". Ha sottolineato la sua preoccupazione per il fatto che l'approccio per affrontare la PSA è cambiato, da una scala regionale ad una scala globale...

Il Dr. Cepulis è un esperto professionista nella produzione di suini, con clienti nei paesi baltici di Lituania (LT), Lettonia (LV), Estonia e parti della Bielorussia. Sottolinea che i suoi clienti percepiscono la malattia come una grave minaccia che può rapidamente portare i loro allevamenti alla bancarotta. Allo stesso tempo, sottolinea che gli allevatori di suini allo stato brado ed i cacciatori non sono molto preoccupati per la diffusione della malattia. A suo avviso, la chiave dell'epidemiologia e della prevenzione delle malattie, in questa regione dell'UE con grandi foreste, è il controllo delle interazioni dei cinghiali con allevamenti di suini più piccoli. Sottolinea inoltre che, in Estonia, i cacciatori professionisti sono stati in grado di ridurre significativamente la popolazione di cinghiali e durante lo scorso anno non sono stati riscontrati altri focolai in alcun allevamento commerciale. In LT e LV, nello stesso periodo, la caccia veniva praticata da circoli di caccia non professionisti ed il numero di cinghiali non diminuiva. Ritiene che il rischio di PSA in LT e LV negli allevamenti domestici di suini sia maggiore a causa di questa differenza.

Il Dr. Karbowiak è membro della più grande clinica veterinaria di suini in Polonia. Sebbene percepisca che la PSA è il problema più importante nel suo paese, "la malattia non li spaventa più" come fece 3 anni fa, con i primi focolai nella sua zona. Con i clienti in Polonia e Ucraina, visita una vasta gamma di allevamenti, dai piccoli allevatori, con non più di 30 scrofe, alle grandi strutture che possono contenere fino a 3000 scrofe. È abituato a gestire le conseguenze di focolai vicini. È l'unico professionista nella sua clinica che ha diagnosticato un focolaio in un allevamento da ingrasso. L'obiettivo della sua clinica è quello di mantenere tutti i suoi clienti indenni dalla PSA, anche se il virus è presente e attivo nel suo paese.

Il nostro ultimo specialista è il Dr. Kolbasov, che è l'attuale Direttore del Centro di Referenza russo per la ricerca e la diagnosi della PSA nella regione di Vladimir, nella Russia centrale. Dal 2007, il Dr. Kolbasov è stato direttamente coinvolto nella diagnosi e nelle indagini su tutti i focolai segnalati in Russia. La sua esperienza con la PSA comprende casi con cinghiali e anche una vasta gamma del settore suinicolo e filiere collegate che includono tutti i tipi di allevamenti di suini, impianti di trasformazione e macelli. È anche lui d'accordo con l'importanza di questa malattia, che porta anche il soprannome di "malattia commerciale". Egli osserva che il livello di preoccupazione nella sua regione dipenderà da quanto tale regione dipende dal commercio: "Se la regione non è interessata al mercato estero, fortunatamente, questo non sarà un problema per i produttori di suini", afferma il Dr. Kolbasov . D'altra parte, ritiene che la PSA sia un buon indicatore del reale livello di biosicurezza dell'allevamento. È orgoglioso di dire che gli allevatori di suini hanno imparato molto e migliorato con questa esperienza. Ha spiegato che la mancanza di focolai di PSA in alcune aree è stata utilizzata come indicatore dei miglioramenti della biosicurezza e, quindi, come un buon indicatore del miglioramento della salute generale degli allevamenti di suini in Russia.

Ad eccezione dell'esperienza cinese di Mr. Corns, tutte le regioni rappresentate dai nostri specialisti di suini sono state inizialmente colpite da focolai di cinghiali. Tuttavia, l'evento responsabile della trasmissione del virus che ha causato focolai commerciali era diverso tra queste regioni.

Il Dr. Karbowiak ha condiviso con noi che l'evento principale responsabile del contagio dell'infezione nei cinghiali al confine con la Bielorussia, 3 anni dopo che è stato scoperto per la prima volta nei cinghiali, è stata la movimentazione illegale di suini. Questa movimentazione ha trasmesso il virus a strutture commerciali a 100 km di distanza e, di conseguenza, il virus si è diffuso dagli allevamenti del nord al sud-est della Polonia, fino al fiume Vistola (un'area ad alta concentrazione di cinghiali).

Dopo aver lavorato in Russia da prima che la PSA entrasse nel paese nel 2007, il Dr. Kolbasov ha molti anni di esperienza e può descrivere in dettaglio la catena iniziale di focolai nel suo paese. Questi focolai sono iniziati nella regione della Cecenia (cioè la regione di confine con la Georgia e con bassa densità di suini) nel 2007, per poi saltare nella regione russa dell'Ossezia del Nord, colpendo molti allevamenti commerciali. La sua esperienza "gli dice" che quando il virus arriva negli allevamenti commerciali, non è difficile eradicare la malattia dalla zona. Tuttavia, il problema diventa più difficile nelle regioni dove vi è alta densità di piccoli allevamenti all'aperto, che possono occupare molti ettari e spesso hanno standard di biosicurezza molto bassi.

Il Dr. Cepulis concorda con questo scenario epidemiologico e con il ruolo dei cinghiali. Descrive le estati come la stagione peggiore per la trasmissione della PSA tra produzione domestica di suini all'aperto ed i cinghiali nei paesi baltici.

Infine, Mr. Corns evidenzia la differenza nella epidemiologia della malattia in Cina ed in Romania. In Cina non esiste un numero significativo di cinghiali che svolgono un ruolo nella trasmissione e tuttavia sono state infettate strutture commerciali molto grandi con elevata biosicurezza. In Romania esiste un "cocktail epidemiologico" di cinghiali, allevamenti e sistemi di grandi dimensioni che vengono infettati e questa combinazione rende il controllo delle malattie uno dei più difficili nell'UE. Lo evidenzia la conduzione di indagini adeguate sui focolai: in ogni caso, è stato molto prezioso per i suoi clienti identificare errori di biosicurezza.

Nei seguenti articoli descriveremo come i nostri professionisti hanno descritto la malattia sul campo e come i veterinari ufficiali stanno rispondendo alla minaccia di possibili focolai.

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags