Leggere questo articolo in:

La PSA, peste suina africana, sfida il settore suinicolo a dare priorità alla biosicurezza

Prodotti a base di carni suine salate e stagionate
Prodotti a base di carni suine salate e stagionate

Comprendiamo chiaramente quali sono le misure di biosicurezza più efficaci per prevenire la trasmissione della PSA tra allevamenti, quando la pressione dell'infezione aumenta? Quali sono le principali preoccupazioni dei produttori e dei veterinari che affrontano focolai ravvicinati della malattia?...

Per i paesi che continuano a essere negativi per la peste suina africana (PSA), le strategie nazionali di bioesclusione (biosicurezza esterna) mirano a prevenire il contatto con questo virus, transfrontaliero e di obbligo di notifica, che attraversa i propri confini internazionali con la movimentazione delle persone, le importazioni di carni contaminate o con gli spostamenti dei cinghiali. Tuttavia, una volta che la malattia raggiunge un nuovo paese o una nuova regione, e specialmente quando colpisce già la propria produzione suinicola, l'approccio si sposta verso la bioesclusione a livello di allevamento e qui sorgono nuove domande: Comprendiamo chiaramente quali sono le misure di biosicurezza più efficaci per prevenire la trasmissione della PSA tra allevamenti quando la pressione dell'infezione aumenta? Quali sono le principali preoccupazioni dei produttori e dei veterinari che affrontano focolai ravvicinati della malattia? Abbiamo posto queste e molte altre domande sulla loro esperienza pratica di biosicurezza ai nostri professionisti della specie suina in Russia, Cina, Baltico e Polonia, che riassumiamo in questo articolo.

Il Dr. Karbowiak e il Mr. Corns sono d'accordo che un unico piano di biosicurezza non si adatta a tutti gli allevamenti. Condividono l'opinione secondo cui ogni singolo allevamento / impresa / sistema individuale, deve rivedere a fondo i concetti di base della biosicurezza con le proprie attrezzature (vale a dire rischi associati a persone, veicoli, movimentazione di suini e mortalità, ecc...) e bisogna pianificare un progetto specifico di biosicurezza per ogni allevamento. Il Sr. Corns ha riassunto la sua strategia di formazione chiave per gli allevatori, rispetto a specifici piani di biosicurezza in allevamento nei confronti della PSA: "priorità, sviluppo ed esecuzione-prioritization, development, and execution". Tre parole che riassumono molto bene le tre azioni più importanti dal loro punto di vista. Incentra le raccomandazioni sulla biosicurezza in modo diverso in base a ciascuno scenario e applica tali raccomandazioni sia a livello di allevamento che a livello di paese (ad esempio, Cina vs Russia). Il Sr. Corns ha insistito sull'individuazione delle priorità. Ad esempio, ritiene che in Cina il rischio di esposizione delle persone ad animali vivi infetti e la possibile esposizione a carne suina contaminata sia molto più elevato che in qualsiasi altro paese. Di conseguenza, le sue 5 priorità più comuni per questo paese ed altri paesi con scenari simili ad elevato rischio di esposizione del virus sono:

  1. Trasporti: camion esterni, aree di carico, sistemi di asciugatura (TADD), lavaggio camion, controllo rigoroso delle rotte di trasporto.
  2. Persone: dipendenti e fornitori di servizi. Formazione sulla biosicurezza e valutazioni sia delle strutture di residenza degli operai situati nell'allevamento stesso sia dei periodi di riposo.
  3. Tracciabilità degli ingredienti dei mangimi e verifica delle fonti.
  4. Miglioramento degli audit di biosicurezza mediante revisori interni ed esterni.
  5. Eliminazione dei servizi di raccolta delle carcasse per i trattamenti, in particolare nelle aree attive / endemiche di PSA: le nuove strategie si concentrano sull'incenerimento e sul compostaggio.

Il Dr. Kolbasov, l'attuale direttore del Centro di Referenza russo per la ricerca e la diagnosi della PSA, è molto pratico quando fornisce consulenza sulla biosicurezza. Per lui, la via di trasmissione diretta più importante è la movimentazione incontrollata di suini infetti e il loro commercio illegale, che è considerato il fattore più importante nell'introduzione di PSA in nuove aree. Quando si considera la trasmissione indiretta della PSA, si sottolinea l'importanza di una buona progettazione delle aree di carico per la corretta movimentazione dei suini dall'allevamento al camion, il che garantisce che si muovano solo in una direzione e che non siano autorizzati a tornare indietro in allevamento. Infine, sottolinea l'importanza di una buona pulizia e disinfezione di queste aree di carico immediatamente dopo ogni utilizzo.

Il Dr. Čepulis, nostro consulente di suini con sede in Lituania che pratica in tutta la regione baltica, sottolinea l'importanza della formazione continua del personale in merito alla biosicurezza come persone chiave nell'attuazione del piano. È necessario formare il personale in modo che capisca davvero perché ciascuna delle regole è necessaria. Ci ha anche detto che, dal punto di vista legale, la maggior parte dei grandi allevamenti nella sua regione ha introdotto un "Annesso di Biosicurezza" nella maggior parte dei contratti di lavoro con i lavoratori agricoli o qualsiasi altro lavoratore di servizi correlato con l'allevamento. Questi allevamenti ora richiedono ai loro lavoratori di riconoscere ufficialmente il loro obbligo di conoscere e seguire le regole di biosicurezza dell'allevamento in ogni momento... Ha detto che alcuni allevamenti si stanno avvicinando anche agli altri allevamenti vicini (raggio di 10 km) per stabilire una zona priva di suini intorno alle proprie strutture attraverso la fornitura diretta di carne ai vicini. Questa è una strategia che il più grande produttore estone ha seguito per proteggere il business, in quanto ciò riduce potenzialmente le possibilità di focolai nei piccoli allevamenti all'aperto vicini.

In risposta alla domanda: "Qual'è la misura di biosicurezza numero uno implementata negli allevamenti dei vostri clienti a causa della PSA?" I 4 esperti hanno concordato sull'importanza della biosicurezza dei mangimi (ovvero tecnologia di riduzione del rischio e rischi di contaminazione associati agli ingredienti ed alla produzione). Oltre alla biosicurezza dei mangimi, l'altra preoccupazione principale era legata all'esposizione orale a prodotti suini contaminati. Hanno sottolineato l'importanza di comprendere le diverse tecnologie utilizzate per la preparazione di diversi prodotti a base di carne e se sono in grado di disattivare la presenza del virus. La restrizione del consumo della carne suina in allevamento, era chiaramente considerata un punto critico.

Il Dr. Kolbasov era preoccupato per il corretto monitoraggio e comprensione della tecnologia alimentare per i prodotti potenzialmente a base di carne cruda contaminata, come le salsicce. Ha citato alcuni prodotti a base di carni suine russe che sono solo carne cruda stagionata con sale, senza alcun altro trattamento di cottura. Un prodotto con molti rischi, in effetti, ma con una tradizione di consumo molto forte in Russia.

Il Dr. Čepulis è particolarmente preoccupato per la movimentazione delle persone (camionisti o braccianti agricoli) che trasportavano prodotti a base di carni suine da paesi infetti come la Bielorussia o l'Ucraina in aree negative. Inoltre, pancetta e salsicce affumicate salate, affumicate e fredde sono prodotti molto popolari in Ucraina, in Bielorussia e nel Baltico, poiché vengono consumate molto e tradizionalmente trasportate durante i viaggi. Il fatto che i potenziali residui di questi prodotti possano reinfettare i cinghiali o persino i suini domestici, conferma il fatto che il controllo delle frontiere dovrebbe essere più rigoroso.

Il Dr. Čepulis ha commentato che dovrebbero cercare prodotti a base di carni suine alle diverse frontiere, usando cani addestrati allo stesso modo in cui cercano droghe illegali. Come parte di questo scenario della PSA, il Dr. Čepulis consiglia inoltre al personale dell'allevamento di evitare di visitare la foresta per ridurre al minimo le possibilità di entrare in contatto con i cinghiali. Questa è talvolta una sfida, quando le attività nella foresta, come la caccia e la raccolta di bacche o funghi, fanno parte della loro cultura. Ridurre la densità di popolazione dei cinghiali è una misura efficace, ma non esclude la presenza del virus. La vaccinazione del cinghiale attraverso esche con vaccino orale potrebbe essere una buona soluzione in futuro, poiché eradicherebbe questa parte "selvaggia", lasciando felici entrambe le parti: cacciatori e allevatori.

Rastros y huellas de jabalíes.
Rastros y huellas de jabalíes.

Questo è l'ultimo di una serie di articoli che miravano a rivedere l'esperienza con la PSA di 4 esperti di suini di diverse regioni del mondo. Speriamo che questa e molte altre recensioni già disponibili in letteratura siano sufficienti per aggiornare le nostre conoscenze e riconoscere le strategie di biosicurezza che ci aiuteranno a fermare la diffusione di questo devastante virus.

Infine, vorrei citare Mr. Corns: "Affinché un'azienda abbia successo in questi tempi in uno scenario avverso di PSA, la biosicurezza deve essere incisa nelle fondamenta dell'azienda. In caso contrario, la PSA troverà i suoi punti deboli". Continuiamo ad imparare gli uni dagli altri per identificare i nostri punti più deboli e proteggere il nostro settore suinicolo...

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?Se hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags