Leggere questo articolo in:

Presentazione clinica della peste suina africana sul campo, video

Come si è manifestata questa malattia sul campo, nei recenti focolai?... Non seguire sempre le descrizioni dei libri di testo ... Le figure professionali del settore suinicolo rispondono a questa ed a molte altre domande...

I focolai clinici della peste suina africana (PSA) non seguono sempre la descrizione dei libri di testo, secondo cui la "presentazione clinica" più importante della PSA nei suini è la morte improvvisa. In realtà, il virus è meno contagioso di molti altri che trattiamo regolarmente nei nostri allevamenti e, di conseguenza, il tempo necessario per la diffusione della malattia all'interno di un allevamento può variare da giorni a settimane. In allevamento, questa variabilità a volte confonde e può ritardare la sua diagnosi accurata sul campo. I principali segni clinici associati alle diverse forme di PSA sono riassunti nella Tabella 1. Come si può vedere, i segni clinici per ciascuna forma sono molto variabili. I fattori che determinano la presentazione della malattia includono la virulenza del virus, la via di esposizione, la dose infettiva, la presenza di altri agenti patogeni o il livello endemico dell'area. Però, come si sta manifestando il corso di questa malattia sul campo recentemente? Come si presentano i focolai? Quali sono i segni clinici più comuni? Abbiamo posto queste e molte altre domande ai nostri professionisti della specie suina che hanno esperienza diretta in Russia, nei Paesi baltici, in Polonia ed in Cina per imparare dalle loro esperienze sul campo.

Tab 1. Principali segni clinici e risultati post mortem osservati nelle diverse forme di PSA (Sanchez-Vizcaino et al., 2015)

Iperacuta Acuta Sub-acuta Cronica
Febbre Alta Alta Moderata Irregolare o inesistente
Trombocitopenia Assente Assente o lieve (tardiva) Transitoria Assente
Pelle Eritema Eritema Eritema Aree necrotiche
Linfonodi - Gastroepatico e renale con aspetto marmoreo La maggior parte dei linfonodi assomiglia ad un coagulo di sangue Infiammati
Milza - Splenomegalia iperemica Splenomegalia parziale iperemica o infarto focale Aumentato di volume con colorazione normale
Rene - Emorragie petecchiali, principalmente nella corteccia Emorragie petecchiali nella corteccia, nel midollo e nella pelvi; edema peri-renale -
Polmone - Edema alveolare severo - Pleurite e polmonite
Vescica biliare - Emorragie petecchiali Edema nella parete -
Cuore - Emorragie all'epicardio ed endocardio Emorragie all'epicardio ed endocardio; idro-pericardio Pericardite fibrinosa
Tonsille - - - Focolai necrotici
Alterazioni riproduttive - - Aborti Aborti

Tre dei nostri 4 specialisti hanno visto focolai di PSA sul campo, mentre il nostro 4° specialista lavora in un laboratorio di PSA. Il Dr. Kolbasov, attuale Direttore del Centro di Referenza russo per la ricerca e la diagnosi della PSA, riceve campioni positivi di tutti i nuovi casi dalle nuove regioni colpite in Russia. A livello di laboratorio, la sua funzione è quella di sequenziare tutti i nuovi ceppi ed eseguire test biologici. Ha confermato che tutti i campioni che ha ricevuto hanno prodotto i classici segni clinici di forme iperacute / acute. A suo avviso, i focolai di PSA nella produzione commerciale di suini in Russia sono stati identificati dai veterinari d'allevamento che riconoscono le diverse forme. Tuttavia, esprime preoccupazione per gli allevamenti all'aperto e ad uso famigliare, poiché le dimensioni ridotte di queste popolazioni rendono molto difficile identificare lo scoppio iniziale in allevamento. Di conseguenza, il "caso iniziale (index case)" di una nuova regione può facilmente passare inosservato. Se ci sono 2 suini in una azienda agricola e uno muore improvvisamente, è improbabile che vengano prelevati campioni diagnostici, perdendo informazioni su quel focolaio. È preoccupato per questo scenario perché una relazione tardiva sul caso iniziale, metterebbe a rischio tremendamente l'intera area.

Il Dr. Karbowiak ha diagnosticato il suo 1° focolaio di PSA in un allevamento di suini alla fine dell'inverno 2018 in Polonia. L'allevatore lo chiamò perché uno dei 2 box che contenevano 350 suini da 80 kg, su lettiera profonda di paglia, era apatica e mostravano segni di febbre alta. Due suini sono stati trovati morti la notte prima e altri 2 sono morti quella mattina. L'allevatore menzionò che 10 giorni prima dell'epidemia entrò in quel box con un trattore per cambiare la lettiera. La diagnosi differenziale del Dr. Karbowiak includeva il mal rosso acuto, pleuropolmonite acuta da Actinobacillus o focolaio acuto da virus dell'influenza suina A. Tuttavia, dopo aver eseguito le necroscopie ed aver osservato le milze ingrossate e le emorragie petecchiali nei reni degli animali colpiti, ha deciso di chiamare I veterinari ufficiali per rilevare un possibile focolaio di PSA (Immagine 1).

Immagine 1: Lesioni macroscopiche rilevate in un focolaio di PSA in Polonia, che include un grave aumento del tessuto splenico (splenomegalia) e reni congesti con abbondanti emorragie petecchiali multiple e focali. Per gentile concessione del Dr. Pawel Karbowiak
Immagine 1: Lesioni macroscopiche rilevate in un focolaio di PSA in Polonia, che include un grave aumento del tessuto splenico (splenomegalia) e reni congesti con abbondanti emorragie petecchiali multiple e focali. Per gentile concessione del Dr. Pawel Karbowiak

Il Dr. Corns ha visto scoppi di PSA in Cina e Russia. Corns allude alla presentazione del dott. Gustavo López dell'anno precedente in A.D. Leman Swine Conference e le sue esperienze russe con la PSA, I sintomi sono iniziati in un ingrasso commerciale e poi si sono trasferiti nell'unità di accrescimento scrofette (GDU- Gilt Development Unit). Gli animali presentavano lieve diarrea con sangue, aumento della temperatura e perdita di appetito. Non hanno risposto alla terapia antibiotica e da 10 a 14 giorni dopo l'inizio dell'epidemia, i suini colpiti di recente hanno iniziato a mostrare lesioni emorragiche sulla punta delle orecchie (cioè, orecchie blu). I risultati post mortem includevano milza ingrossata e linfonodi emorragici. Questi risultati, insieme alla mancanza di risposta al trattamento antibiotico, sono ciò che alla fine ha scatenato l'indagine e la diagnosi di PSA.

Il Dr. Cepulis, è un consulente veterinario con esperienza nei suini con sede in Lituania e che lavora in tutta la regione del Baltico. Ha seguito da vicino il più grande focolaio in Lituania durante l'estate del 2017. L'allevamento con 3000 scrofe a ciclo chiuso ha riportato un aumento della mortalità delle scrofe con mortalità improvvisa. Il momento in cui iniziarono a verificarsi le morti improvvise nelle scrofe, fu quando decisero di inviare campioni al laboratorio e fu confermata la PSA. Durante la sua intervista, ha condiviso un aneddoto e, secondo la sua esperienza, i patogeni che possono uccidere le scrofe tendono ad avere 3 lettere: App, PSC e più recentemente, la PSA!... Ma diventa serio quando ci dice che nei paesi baltici gli scenari di epidemie tendono a mostrare pochi segni clinici specifici, solo la presenza di decessi improvvisi e febbre...

Però, con quale velocità la malattia tende a diffondersi all'interno di un allevamento? I nostri professionisti hanno osservato che la malattia si muove all'interno degli allevamenti commerciali a velocità diverse. Il Sr. Corns ha concordato con il Dr. Lopez di classificare l'epidemia russa come subacuta. In quel caso, la malattia si è spostata relativamente lentamente attraverso l'allevamento. Ha causato la mortalità del 3% il giorno 3 e il giorno 10 la mortalità ha superato il 7%. In Cina, ha avuto un'esperienza diversa in cui i focolai sembrano essere più acuti e la mortalità aumenta più rapidamente. Il Dr. Cepulis ha anch'egli classificato l'epidemia come subacuta. Nella sua esperienza, l'infezione si diffonde lentamente, l'aumento della mortalità non è drammatico, quindi non è facile riconoscere i segni clinici della PSA in un grande allevamento, specialmente se non viene eseguito un esame post mortem. Consiglia di inviare campioni non appena vengono rilevati i sintomi emorragici. Il Dr. Karbowiak ha classificato lo scoppio che ha vissuto sul campo come acuto. Il Dr. Karbowiak ricorda bene la quantità di ore trascorse in allevamento e come la mortalità aumentava ad ogni ora. Quando è arrivato lì, c'erano 2 suini morti della notte precedente. Un'ora dopo aver chiamato i veterinari ufficiali, sono arrivati e durante le 5 ore in cui è stato in allevamento con loro, sono morti in totale altri 5 capi con una media di 1 suino all'ora. Non dimenticherà facilmente quel numero (Video 1). I veterinari ufficiali lo hanno informato dei suoi sospetti che la paglia fosse la fonte più probabile di trasmissione. Hanno ritenuto che l'elevato numero di campioni positivi mediante PCR fosse indicativo dell'esposizione simultanea del gruppo, il che sarebbe coerente con l'esposizione alla paglia contaminata. Alcuni suini avevano già titoli ELISA bassi.

Video 1: Segni clinici osservati in un focolaio di PSA in Polonia. Cortesia del Dr. Pawel Karbowiak

Immagine 2. La paglia contaminata era la fonte più probabile di trasmissione della PSA in uno dei focolai in Polonia.
Immagine 2. La paglia contaminata era la fonte più probabile di trasmissione della PSA in uno dei focolai in Polonia.

Il Dr. Cepulis, ci ha parlato dei diversi scenari epidemiologici che si stanno verificando nella popolazione di cinghiali e di come il ciclo silvestre della malattia sembra cambiare, nonché del modo in cui la malattia si sta verificando nei suini selvatici. Ricerche recenti sui cinghiali vivi presenti nelle foreste hanno dimostrato la presenza di livelli di anticorpi contro il virus della PSA. Questa situazione lo preoccupa, perché la malattia sembra cambiare in una forma più subacuta o cronica in questa popolazione. Dopo essere sopravvissuti alla malattia, questi animali fungeranno da vettori e disseminatori del virus. Questo fatto è il più importante per il controllo e le possibili strategie di eradicazione che potrebbero essere attuate nei paesi europei con elevate popolazioni di cinghiali.

Nel prossimo articolo descriveremo come i nostri professionisti intervistati hanno descritto la risposta veterinaria ufficiale, nonché gli aspetti più importanti della biosicurezza che implementano negli allevamenti dei loro clienti.

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags