Leggere questo articolo in:

L'ultimo rapporto dell'USDA provoca un calo generalizzato dei futures sulle materie prime

Il rapporto degli inventari e delle superfici seminate dell'USDA ha portato sorprese ...

Venerdì 19 Luglio 2019 (4 mesi 23 giorni fa)
mi piace

I dati sulle superfici seminate di mais, soia e frumento negli Stati Uniti il ​​28 giugno, pubblicati dall'USDA, sono stati accolti con incredulità dagli operatori di mercato. Secondo il rapporto, sono stati piantati 91,7 milioni di acri di mais (1,9 milioni in più rispetto alla stima nella relazione dell'11 giugno). Tuttavia, quello che ci si aspettava, dopo che le persistenti piogge nel "corn belt" che non hanno fatto avanzare le stesse semine, era tra 82 e 89,8 milioni di acri.

D'altra parte, ci si aspettava che i semi di soia guadagnassero terreno sul mais per raggiungere gli 81-86,5 milioni di acri, ma l'USDA ha pubblicato una semina di 80 milioni di acri, 4,6 milioni in meno rispetto alla stima del rapporto dell'11 giugno.

Per conoscere le superfici che sono state seminate realmente, dovremo aspettare il rapporto che verrà pubblicato dall'USDA il 12 agosto, dal momento che questo rapporto dell'USDA si basa su indagini condotte tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, quando le piogge persistevano e non avevano finito di seminare il mais.

Nel frattempo, il mais è un pò indifeso dal momento che, tra la fine di maggio e giugno, i prezzi dei futures sono saliti mentre la schiuma trascinava altre materie prime, ma dopo questo rapporto hanno iniziato a calare.

All'inizio di giugno le piogge non si fermavano negli Stati Uniti e con un tempo in Europa che faceva prevedere prospettive promettenti per tutte le colture, anche nel bacino del Mar Nero, dove avevamo un deficit idrico minimo. Tuttavia, verso la metà del mese, in gran parte dell'Europa e nel bacino del Mar Nero, ci siamo trovati con un clima caldo e secco. In Australia, il persistente deficit idrico suggerisce un calo delle esportazioni di grano per la nuova stagione.

A livello geopolitico, le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Messico hanno indotto il Messico a comprare 35mila tonnellate di mais di origine brasiliana, quando la sua origine per eccellenza erano gli Stati Uniti.

La politica di Trump nelle relazioni commerciali, in generale, sta causando un rallentamento economico globale.

L'euro, nel mese di giugno, ha guadagnato terreno sul dollaro, che è stato indebolito dalla politica di Trump, con un aumento dell'1,74%.


Cereali

Sono previste buone rese per i cereali invernali nell'Europa nordorientale e meno buoni in Spagna e nell'Europa orientale, a causa della siccità della primavera scorsa.

Per il mais la situazione, al momento, è incerta, finché l'USDA non pubblicherà le cifre reali delle semine non sapremo quanto mais è stato piantato e quale sia il suo potenziale produttivo.

Continuiamo a sottolineare che sia il Brasile che l'Argentina si aspettano raccolti record di mais, rispettivamente di 100 e 50 milioni di tonnellate.

Il rapporto dell'USDA dell'11 giugno ha dato un calo della produzione mondiale stimata di mais per il 2019/20 di circa 35 milioni di tonnellate, di cui 34,29 milioni negli Stati Uniti. Per il frumento, la previsione mondiale di produzione per il 19/20 aumenta di 3,34 milioni di tonnellate, in parte grazie all'aumento di 1 milione di tonnellate in Russia e Ucraina.

La previsione dell'USDA per la raccolta europea di cereali presenta solo una leggera variazione al rialzo per l'orzo rispetto alla relazione precedente (grafico 1).

Grafico 1. Previsione del raccolto europeo di cereali 2019/20 rispetto al raccolto 2018/19. Fonte: USDA
Grafico 1. Previsione del raccolto europeo di cereali 2019/20 rispetto al raccolto 2018/19. Fonte: USDA

Alla fine di giugno, i prezzi dei cereali sono aumentati in modo generalizzato, a causa dell'aumento dei prezzi dei futures del mais che hanno trascinato le altre materie prime.

Se osserviamo i differenziali di prezzo, possiamo vedere che il mais si attesta a € 187 / t (€ 5 in più rispetto a maggio) per quello disponibile nel porto di Tarragona (Spagna), mentre il frumento è intorno a € 202 / t ( 5 euro in più rispetto al mese scorso e 15 € / t di differenziale con mais) e l'orzo arrivo al mercato di Lleida a circa 182 € / t (3 € in più, rispetto a maggio, e 8 € sotto il mais arrivo di Lleida).

Questo mese, il sorgo si aggira intorno ai 185 € / t per quello disponibile nel porto di Tarragona (5 € in più rispetto al mese scorso, 2 € sotto il prezzo del mais).

Oleaginose

Con l'aumento dei futures sul mais, le posizioni dei Fondi e della politica di Trump, a giugno il prezzo della farina di soia è aumentato di 19 € / t rispetto a maggio, la farina di colza 3 € / t e la farina di girasole € 11 / t.

D'altra parte, il prezzo degli oli vegetali aumentano anch'essi di 5 € / t per l'olio di palma e di 19 € / t per l'olio di soia. Mentre il grasso animale scende di 20 € / t.

Siamo di fronte ad un mercato, con un occhio all'evoluzione dei nuovi raccolti di frumento e orzo e delle loro rese. Siamo in attesa del tanto agognato rapporto di previsione sulle superfici di semina dell'USDA che sarà pubblicato il prossimo 12 agosto...

vedere altri articoli correlati con l'articolo

Commenti sull'articolo

Questo spazio non è dedicato alla consultazione agli autori degli articoli, ma uno spazio creato per essere un punto di incontro per discussioni per tutti gli utenti di 3tre3
Pubblica un nuovo commento

Per commentare ti devi registrare su 3tre3 ed essere connesso.

Non sei ancora utente 333?registratie accedi ai prezzi dei suini,cercatore, ...
È gratuito e rapido
Sei già registrato 333?LOGINSe hai dimenticato la tua password te la inviamo qui

tags